Altre politiche

La violenza giovanile: crescono le violenze di gruppo, ma non parliamo di baby gang

Le cronache degli ultimi mesi sono tornate a parlare con insistenza di gang giovanili e delle loro poco commendevoli gesta. Si direbbe che, con l’allentamento delle misure anti-Covid, pulsioni represse e aggressività mal gestita stiano debordando dai margini più inquieti del mondo giovanile. Di qui una serie di allarmi sulla sicurezza delle nostre città, delle periferie, dei luoghi del divertimento e della vita notturna. Un rapporto recentemente pubblicato del centro Transcrime dell’Università Cattolica offre qualche elemento di maggiore chiarezza su un fenomeno molto discusso, ma poco compreso e ancor meno approfondito. Leggi >

Lo stato della disuguaglianza abitativa in Italia

Si propongono di seguito alcune riflessioni rispetto all’acuirsi delle difficoltà legate sia all’accesso che al mantenimento dell’abitazione, a partire dal resoconto dell’audizione dell’Istat al Gruppo di lavoro sulle politiche per la casa e l’emergenza abitativa presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il 6 settembre u.s. Leggi >

Accompagnamento delle fragilità

L’articolo presenta l’esperienza pluriennale dell’integrazione tra servizi sociali e servizi per le dipendenze nell’Ambito di San Giuliano Milanese, con particolare riguardo al target dei minori e giovani vulnerabili. Vengono ripercorse le principali tappe evolutive, per poi focalizzarsi su obiettivi, caratteristiche e modalità di funzionamento del Punto Intervento Dipendenze, servizio aperto sul territorio nel giugno 2015. Leggi >

Qual è il RR di decesso dovuto all’epidemia da Sars-Cov-2?

Su quanti siano i decessi dovuti all’epidemia se ne è detto un po’ di tutto! Le frequenze giornaliere per data di decesso ci vengono comunicate sia dal sito della Protezione Civile (PC) sia dal sito di Epicentro dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). I totali, alla data del 31 agosto 2022, non corrispondono del tutto: la PC da un totale di 175.595 mentre se si sommano i dati dell’ISS si ottiene il valore di 171.841. Le differenze derivano da più fattori: la data della PC è la data di notifica mentre quella dall’ISS è la data effettiva del decesso, ma soprattutto i dati hanno due fonti differenti, per la PC sono i dati aggregati quotidianamente inviati dalle Regioni, per l’ISS invece sono i dati individuali dei contagiati. Leggi >

In questa campagna elettorale avete sentito parlare di sanità?

Il tema sanità non sembra emergere nei dibattiti elettorali in corso in questi giorni e l’autore se ne chiede il motivo proponendo una prima carrellata di ciò che emerge nei programmi elettorali dei vari partiti. L’impressione generale è che in molti dei programmi si parli “anche” di Sanità perché non se può fare a meno ma non c’è stato in tutti uno sforzo ugualmente importante di analisi ed approfondimento. Leggi >

Costi abitativi e città

Il tema dei costi della casa sta diventando critico specialmente nelle città in crescita. A Milano i prezzi delle abitazioni hanno raggiunto un parossismo che fa temere per la tenuta del sistema sociale. A fronte di una nuova attenzione sul tema, è fondamentale sviluppare un monitoraggio del rapporto tra valori immobiliari e redditi che possa informare il dibattito e l’azione pubblica. Con questo obiettivo nasce l’Osservatorio Casa Affordable (OCA) di Milano Metropolitana. Leggi >

A che prezzo barattiamo la libertà per la salute?

Sono moltissime le situazioni in cui rinunciamo, singolarmente o collettivamente, alla libertà per conservare la salute. La libertà ha un gran valore e quindi venderla ha un prezzo, come ha un prezzo però rinunciare alla salute. Dal punto di vista strettamente preventivistico è evidente che se una malattia infettiva si propaga attraverso i contatti tra le persone, più si riesce a contrastare i contatti e più si riuscirà ad evitare i contagi e quindi la circolazione dell’infezione. Ma sono le conseguenze dell’infezione da una parte e le conseguenze dell’isolamento fisico dall’altra che devono essere valutate per determinarne il miglior bilanciamento possibile. Leggi >

Equità di genere in sanità: oltre il tetto di cristallo

Il contributo si interroga sulle possibilità che le donne medico, oggi maggioranza tra la componente medica del SSN seppur non nelle posizioni apicali, dopo aver sorretto il peso dell’emergenza pandemica, riescano ancora ad esprimere la loro professionalità all’interno di organizzazioni poco attente ai loro bisogni (quello di conciliazione in primis). Il rischio, concreto, è quello di una fuga da un SSN che si dimostra sempre più incapace di trattenere le sue risorse umane, valorizzandole in modo adeguato. Leggi >

I sanitari russi contro la guerra all’Ucraina

#fuoridalcoro Il British Medical Journal, una testata seria e autorevole a livello internazionale sulle tematiche della salute e della sanità, ha ricevuto, tradotto in inglese, e pubblicato il 1 marzo una lettera aperta di 15.000 medici, infermieri e operatori sanitari russi che prendono posizione sulla guerra in Ucraina a partire dalla missione e dalla cultura della loro professione. Leggi >

Il nostro addio a Bruno Dente

Ci ha lasciati Bruno Dente, maestro che ha introdotto e implementato in Italia la scienza della valutazione delle politiche pubbliche, con elaborazioni teoriche, applicazioni a diversi settori, sperimentazioni concrete sul campo.

Per tanti anni è stato direttore delle ricerche dell‘Istituto per la Ricerca Sociale sulla valutazione delle politiche pubbliche, componente il Cda e, dal 1995 al 1997, presidente dell’Istituto dove ha raccolto stima, affetto e riconoscenza per la sua creatività, la sua intelligenza, il suo rigore, la sua disponibilità anche didattica verso i giovani ricercatori. Leggi >

3. Missione salute

Il Punto di Welforum In questo Punto di Welforum diviso in quattro parti, troviamo nella prima parte il richiamo alle sofferenze prodotte dalla pandemia e la storica svolta nelle politiche pubbliche determinatasi per fronteggiarle, oltre che contributi di analisi e valutazione della impostazione, dei contenuti, delle risorse del nostro PNRR. La seconda parte è dedicata alla “Missione Inclusione e coesione sociale” e focalizza l’attenzione su “Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e terzo settore” e in particolare su “Servizi sociali, disabilità e marginalità sociale”. La “Missione Salute” è trattata dagli scritti raccolti in questa terza parte. Tale missione si occupa di “Reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale”, e in particolare di “Servizi sociali, disabilità, e marginalità sociale“, assegnando anche le risorse fra le aree e gli interventi previsti. Leggi >

Dalla prassi alla teoria (e ritorno)

Come è noto, l’Associazione della Croce Rossa Italiana (CRI) è una organizzazione di volontariato, Ente del Terzo settore. Il suo obiettivo principale è quello di “prevenire e alleviare la sofferenza in maniera imparziale, senza distinzione di nazionalità, razza, sesso, credo religioso, lingua, classe sociale o opinione politica, contribuendo al mantenimento e alla promozione della dignità umana e di una cultura della non violenza e della pace”. Il 2021 è un anno importante per la CRI, che, con il decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 135 di giugno, è entrata a far parte del Consiglio Nazionale del Terzo settore e che, da ottobre, è membro del Coordinamento nazionale del Forum del Terzo settore. Leggi >