AnzianiSegnalazioni con tag “lavoro di cura”

Per ripartire sostenere la domiciliarità

La Bottega del Possibile fa appello, con una lettera aperta sottoscritta da oltre 200 soggetti, singoli e organizzati, a una riorganizzazione dei servizi territoriali che faccia perno sulla cultura della domiciliarità. Diverse sono le sollecitazione che contiene il documento, ne richiamiamo due in particolare: quella di far assurgere l’assistenza domiciliare a livello essenziale di assistenza, anche attraverso l’uso di risorse del Fondo Sanitario Nazionale; e poi la necessità di ampliare il ventaglio di possibili supporti. Perché i bisogni delle persone fragili e delle loro famiglie non richiedono solo attività infermieristiche, mediche, riabilitative, ma soprattutto la tutela nelle funzioni della vita quotidiana, per la cura di sé e dell’ambiente in cui si vive.

Residenze per anziani, al via progetto pilota per individuare quella più adatta

Dove e come mi curo, portale di public reporting delle strutture sanitarie italiane che dal 2013 rappresenta un punto di riferimento per la scelta dell’ospedale in cui curarsi, ha realizzato un progetto pilota con l’obiettivo di aiutare gli anziani e le loro famiglie a scegliere la residenza dove trascorrere la vecchiaia, quando non è più possibile farlo a casa propria. Il progetto ha cominciato a prendere forma nel gennaio 2018, quando un comitato consultivo, costituito da nomi di grande esperienza, ha iniziato a lavorare a un sistema di valutazione basato sul rispetto di requisiti ritenuti importanti per la migliore accoglienza possibile degli ospiti.

Quanto costa il lavoro di cura

Il lavoro di cura sottopagato o gratuito, svolto quasi sempre dalle donne, è al centro del report Time to Care – Avere cura di noi che Oxfam ha pubblicato alla vigilia del Forum economico mondiale di Davos per fare il punto sulle disuguaglianze sociali ed economiche arrivate a essere “fuori controllo”.
I numeri sono impietosi: a metà 2019, più del doppio della ricchezza netta detenuta da 6,9 miliardi di persone era concentrata nell’1% della popolazione.

Leggi l’articolo di Elena Paparelli su InGenere.

Regione Piemonte: DGR 16-862/2019, Iscrizione di fondi provenienti dallo Stato per realizzazione di prestazioni e servizi assistenziali a favore di persone non autosufficienti

Criteri di riparto per l’anno 2019 delle risorse statali a sostegno della domiciliarità in lungoassistenza a favore delle persone non autosufficienti

In relazione all’art. 1 “Piano nazionale per la non autosufficienza” del DPCM 21/11/2019, le Regioni dovranno adottare il proprio Piano regionale per la non autosufficienza sulla base delle indicazioni programmatiche del Piano nazionale. Vengono, nelle more della registrazione presso la Corte dei Conti del succitato decreto, nonché dell’effettiva assegnazione delle risorse, approvati i criteri di riparto, per la somma complessiva pari ad € 45.856.000,00.

 

DGR 23 dicembre 2019, n. 16-862

Regione Toscana: DGR 47/2020, Progetto “Pronto Badante. Interventi di sostegno e integrazione nell’area dell’assistenza familiare in Toscana”

Annualità 2020

Alla luce delle sperimentazioni effettuate e della stabilizzazione del progetto in corso, viene data prosecuzione e stabilità agli interventi di sostegno e integrazione nell’area dell’assistenza familiare, attraverso l’approvazione del progetto annuale “Pronto Badante”, le cui azioni inizieranno presumibilmente il 25 marzo 2020 e si concluderanno dopo 12 mesi, al fine di consolidare la qualità del welfare territoriale attraverso politiche sociali innovative e di inclusione. Gli oneri complessivi sono pari ad € 3.300.000,00.

 

DGR 20 gennaio 2020, n. 47

Acrobazie fiscali: i lavoratori domestici e gli 80 euro

Su LaVoce Edoardo Di Porto e Silvia Vannutelli presentano un interessante contributo che valuta le conseguenze legate alla possibilità di estendere il bonus di 80 euro ai lavoratori domestici, in termini di emersione dal lavoro nero. Domestici che, considerati dal fisco lavoratori dipendenti, tendono ad adottare comportamenti economici simili agli autonomi. Possono evadere più facilmente, ma con gli incentivi “giusti” pagano di più le tasse. Ne è prova la loro reazione al bonus di 80 euro.

Rapporto Domina-Moressa: due milioni di lavoratori domestici in Italia

È stato recentemente pubblicato il Rapporto Domina-Fondazione Moressa: negli ultimi sei anni il numero di lavoratori domestici regolari è diminuito del 15,2%, tutte le componenti di origine straniera hanno subito un calo, mentre la componente italiana ha registrato un +29,6%. Quasi la metà dei lavoratori domestici si concentra al Nord. Spesi dalle famiglie circa 15 miliardi. Le proposte avanzate in questo contributo.

Leggi l’articolo di commento su Redattore Sociale.

DDL 1461/2019: Disposizioni per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Si è finalmente giunti a un testo unificato di disegno di legge nazionale sui caregiver: il DDL 1461/2019 è stato depositato ad agosto e attende di essere preso in esame in commissione. Tra le principali novità, la descrizione della procedura per la nomina e il riconoscimento dei contributi per tre anni.

Leggi una sintesi del provvedimento su Redattore Sociale.

Regione Lombardia: DGR 1253/2019, Programma operativo regionale per persone con gravissima disabilità e in condizione di non autosufficienza

La Regione ha storicamente perseguito politiche socio-assistenziali con la promozione ed avvio degli enti di zona, sulla de-istituzionalizzazione, sul diritto delle persone a vivere nel proprio ambiente familiare e sociale, sulla costituzione delle reti sociali di offerta socio-sanitaria.
In tale contesto si colloca il presente provvedimento, articolato in specifiche azioni e relativi finanziamenti, evidenziando il ruolo della famiglia, delle modalità di sostegno, del ruolo dell’integrazione socio-sanitaria e l’accurata individuazione dei finanziamenti.

DGR 12 febbraio 2019, n. XI/1253

Il valore del lavoro domestico

Colf e badanti: in Italia 865 mila regolari su 2 milioni di lavoratori domestici. Una nuova elaborazione dei dati Istat e Inps sul lavoro domestico regolare viene proposta da dall’Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico, in collaborazione con Fondazione Leone Moressa. Le famiglie italiane spenderebbero ogni anno 7 miliardi di euro in personale domestico che accudisce persone disabili e anziane (1,3% del PIL).

Per maggiori dettagli ed infografiche leggi l’articolo su Vita e La Repubblica.

Case di Riposo: online l’Osservatorio del Sindacato Pensionati

Lo Spi Cgil nazionale si è dotato di un Osservatorio sulle residenze per gli anziani in Italia allo scopo di monitorare le principali caratteristiche dell’evoluzione dell’offerta alle famiglie. La rilevazione, effettuata dall’IRES Morosini, ricorre alle informazioni presenti su internet (motori di ricerca, elenchi regionali, siti web delle strutture residenziali, offerte commerciali) e ha per ora portato alla individuazione di circa 6.500 strutture ubicate nelle diverse regioni.