Famiglia, infanzia e adolescenzaSegnalazioni con tag “sostegno economico alle famiglie”

La Camera approva l’Assegno Unico per i figli

Il 21 luglio la Camera dei Deputati ha approvato all’unanimità (con una sola astensione) la delega al Governo per la realizzazione dell’Assegno Unico per le famiglie con figli. Un passo importante, che segna una convergenza politica sul riordino a lungo atteso dei sostegni economici alle famiglie con figli nel nostro Paese. L’Assegno Unico si iscrive anche nella strategia più complessiva del Family Act promossa dalla ministra Bonetti di sostegno alla natalità, alla genitorialità e alla conciliazione.

Circolare Inps n. 73 su bonus baby-sitting e servizi integrativi per l’infanzia

Con la circolare numero 73 del 17 giugno, l’Inps riepiloga le istruzioni per richiedere il bonus baby-sitting e l’alternativo contributo per l’iscrizione ai centri estivi introdotto dal Decreto Rilancio, confermando l’incompatibilità della misura con la fruizione del congedo Covid-19, ma distinguendo alcune casistiche. La circolare precisa infatti che i bonus possono spettare anche nel caso in cui il richiedente o l’altro genitore siano in lavoro agile (divenuto ormai ordinario), congedo di maternità o parentale, o ferie.

Un assegno straordinario universale per i figli

Sara de Carli riporta l’intervista a Gigi de Paolo, Presidente del Forum delle Famiglie, su Vita. L’intervento verte sulla richiesta di un assegno straordinario per ogni figlio fino ai 18 anni, indipendentemente da reddito e ISEE, e sulla richiesta di una valorizzazione delle famiglie, che rappresentano le basi della sussidiarietà gratuita e spontanea.

Covid-19, Alleanza per l’Infanzia: bambini e ragazzi al centro delle misure anti-crisi

L’Alleanza per l’Infanzia esprime in un comunicato l’auspicio che bambini e ragazzi siano posti al centro delle politiche per il superamento dell’emergenza Coronavirus relativamente ai sostegni economici, al sistema scolastico, ai servizi educativi, alla conciliazione famiglia-lavoro. Auspica che ad ogni livello (nazionale, regionale e locale) si adotti una doppia logica di intervento, che guardi all’immediato, ma si ponga anche obiettivi di medio termine.

L’assegno unico deve ancora attendere

Elena Barzetta, nell’articolo per Percorsi di Secondo Welfare, passa in rassegna le misure confermate o potenziate dalla legge di Bilancio 2020 per quanto riguarda gli interventi a favore delle famiglie, e le novità. Oltre ai bonus, vecchi e nuovi, viene aumentato a 7 giorni il congedo di paternità. Tuttavia, l’assegno unico, misura che avrebbe potuto rappresentare un significativo passo avanti verso una strategia integrata, mettendo un punto a una frammentazione ormai nota, sembra dover attendere fino al 2021.

Assegno unico e dote unica: memorie presentate alla XII Commissione Affari sociali

Sul sito del Parlamento italiano è stato pubblicato l’elenco delle memorie presentate alla XII Commissione Affari sociali in occasione delle audizioni sulla proposta di legge C. 687 Delrio ed altri: Delega al Governo per riordinare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico attraverso l’assegno unico e la dote unica per i servizi. Per la rilevanza delle prese di posizione segnaliamo in particolare:

Sul tema leggi anche l’analisi di Chiara Saraceno su welforum.it.

Rivalutazione per il 2019 della misura e dei requisiti per assegno nucleo familiare numeroso e assegno di maternità

Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato la rivalutazione, per l’anno 2019, della misura e dei requisiti economici dell’assegno per il nucleo familiare numeroso e dell’assegno di maternità.
Per l’anno 2019:

  1. l’assegno mensile per il nucleo familiare numeroso, se spettante nella misura intera, è pari a € 144,42; il valore dell’Isee è pari a € 8.745,26;
  2. l’assegno mensile di maternità da corrispondere agli aventi diritto, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento, se spettante nella misura intera, è pari a € 346,39; il valore Isee è pari a € 17.330,01.

Comunicato sulla Gazzetta ufficiale n. 82 del 6 aprile 2019

Quello che serve davvero alle famiglie

In Italia le politiche di sostegno alle famiglie sono sempre state scarse, marginali e frammentarie. Su LaVoce Chiara Saraceno riflette sui bisogni delle famiglie, sottolineando la necessità di rendere maggiormente agevole la combinazione tra occupazione e maternità, incoraggiando anche un più ampio coinvolgimento dei padri. Oltre ad intervenire sui servizi e sull’organizzazione del lavoro, secondo l’autrice risulta prioritario mettere ordine nel frammentato complesso di trasferimenti monetari esistenti (assegno al nucleo famigliare, assegno per il terzo figlio, detrazioni fiscali per figli a carico, bonus bebé) in favore dell’istituzione di un unico trasferimento, eventualmente commisurato al reddito famigliare, che sia in grado di produrre maggiore equità ed efficienza.

Legge di Bilancio 2019: poche novità, nessuna svolta

Nonostante il calo delle nascite assuma dimensioni sempre più preoccupanti (15 mila nati in meno nel 2017 secondo l’Istat), il “Pacchetto Famiglia” della Legge di Bilancio 2019 non sembra ancora in grado di proporre iniziative strutturali, ma conferma una serie di misure frammentate o una tantum e introduce alcune novità che però, di fatto, non rappresentano un punto di svolta. L’articolo di Elena Barazzetta su Percorsi di SecondoWelfare mette in luce le debolezza degli interventi e sottolinea come si tratti di un’altra occasione mancata, come evidenziato anche da Stefania Sabatinelli su Welforum.

Regione Lombardia: DGR 728/2018, Sostegno a familiari di pazienti minori in cura presso strutture ospedaliere

Contribuire alle spese per l’alloggio sostenute dalle famiglie residenti in Lombardia, con un figlio minore ricoverato presso strutture ospedaliere ubicate sul territorio della ATS della Città Metropolitana di Milano. E’ quanto intende realizzare Regione Lombardia a partire da gennaio 2019, con l’avvio di un apposito progetto.
Lombardia_DGR_728_2018

Calo delle nascite: a quando misure strutturali?

Il Bilancio Demografico dell’Istat sull’anno 2017 conferma la continuità del calo delle nascite nel nostro paese dal 2008 ad oggi. Le donne attualmente in età produttiva hanno meno figli, più tardi, e più spesso che in passato non ne hanno affatto. Inoltre, mentre le numerose nate tra il 1966 e il 1975 sono uscite o stanno per uscire dalla loro età fertile, le generazioni successive sono molto meno numerose. Incide inoltre la forte de-tradizionalizzazione delle scelte riproduttive. Breschi e Cioni su Neodemos mostrano come questo processo si possa dire maturo in Sardegna, la Regione italiana con la più bassa fecondità. Gli anni della grande recessione hanno, poi, ulteriormente depresso i trend di lungo periodo nel nostro paese. Alcuni dati sembrano però indicare la possibilità di un recupero nei prossimi anni, come la ripresa della primo-nuzialità, strettamente legata in Italia più che altrove alla nascita del primo figlio. Lorenzo Bandera su Secondo Welfare sottolinea come questi indicatori timidamente positivi avrebbero bisogno di essere supportati da politiche di sostegno alle famiglie importanti e finalmente strutturali per far fronte al costo dei figli. Un’ipotesi è concentrare gli sforzi su un obiettivo specifico: l’abbattimento dei costi dell’asilo nido per le madri che lavorano. Lorenzani e Nazarani su Ingenere riassumono la simulazione sviluppata dalla Commissione Europea nel suo Rapporto Paese 2018 sull’Italia con il modello Euromod. Far confluire le misure introdotte negli ultimi anni in un’unica misura diretta alle lavoratrici dipendenti con figli sotto i tre anni aumenterebbe significativamente il numero di donne che lavorano e il numero di ore lavorate, mentre non aumenterebbe il reddito disponibile per le famiglie se non marginalmente. Ancor più significativo sarebbe riordinare l’intero sistema delle misure monetarie rivolte alle famiglie con figli in vigore in Italia, arrivando a sostenere tutte le famiglie con minori a carico, come già discusso su Welforum qui e qui.