Famiglia, infanzia e adolescenzaSegnalazioni con tag “sostegno economico alle famiglie”

Regione Lombardia: DGR X-7012/2017, Misura innovativa a sostegno della famiglia

Il nuovo voucher introdotto da Regione Lombardia ha lo scopo di sostenere le famiglie degli anziani ricoverati nelle unità d’offerta residenziali. La misura sperimentale è rivolta a persone residenti in Lombardia, ricoverate in RSA, caratterizzate da particolare complessità assistenziale e permanenza prolungata in struttura. Le risorse destinate ammontano a 10 milioni per il 2017, a carico del Fondo Sanitario Regionale.
Lombardia_DGR_X-7012_2017

Regione Veneto, mille euro al mese per i costi abitativi dei genitori soli

La Regione Veneto dedica quest’anno il Fondo regionale per il sostegno delle famiglie monoparentali al supporto per i costi abitativi. Mille euro al mese (600 mila euro stanziati in totale per il 2017), con priorità per i genitori con più figli, con figli disabili, con reddito inferiore a 20 mila euro o senza un lavoro regolare, oltre che per i residenti in Veneto da almeno due o cinque anni (rispettivamente tre e cinque punti in più). Le domande andranno presentate al proprio Comune di residenza entro il 31 ottobre.

Regione Lombardia: DGR X-6715/2017, Fondo politiche della famiglia, utilizzo

Il provvedimento stabilisce che le risorse del “Fondo per le politiche della famiglia per l’anno 2016” siano utilizzate dagli Ambiti per il supporto alle famiglie che intendono presentare domanda per ottenere il Bonus famiglia, il raccordo con la rete dei consultori per la stesura di progetti personalizzati relativi al Bonus famiglia, la realizzazione di spazi informativi dedicati ai bisogni delle famiglie e dei propri componenti, con attenzione particolare alla natalità.
Lombardia_DGR_X-6715_2017

Il Bonus Assistenti Familiari del Comune di Milano

Aperta il 31 maggio la raccolta delle domande per il BAF – Bonus Assistenti Familiari del Comune di Milano. Il bonus è destinato ai residenti a Milano con Isee familiare fino a 17.000€. Consiste in un rimborso spese, una tantum e in unica tranche, di 1.500 euro. Per accedervi occorre assumere regolarmente gli assistenti familiari con un contratto di almeno 15 ore settimanali. Il beneficiario, se anziano e se lo richiede per un/a badante, deve avere almeno 60 anni d’età e non essere ricoverato in via definitiva in struttura residenziale. Il contributo per tate o baby-sitter è riconosciuto alle famiglie con bambini fino a 8 anni d’età. I richiedenti non devono essere titolari di altri contributi erogati dal Comune di Milano per la stessa finalità. I contributi sono concessi sino ad esaurimento delle risorse (l’eventuale lista d’attesa avrà validità fino al 31 dicembre di ogni anno). Priorità è data alla persone che vivono sole e senza nessuno che se ne occupi (inclusi gli eventuali obblighi di legge) e alle famiglie mono-genitoriali. In caso di parità di tali condizioni, prevale l’Isee inferiore. Le domande sono raccolte dallo sportello “CuraMi”, presso il Pio Albergo Trivulzio.

Regione Marche: DGR 477/2017, Valutazione delle domande di voucher

La delibera definisce i criteri di selezione e valutazione delle domande di accesso ai voucher per le famiglie, nell’ambito della programmazione POR Marche FSE 2014 -2020. La misura è finalizzata a sostenere le spese di frequenza dei bambini in età o-36 mesi ai servizi pubblici e accreditati come i nidi, i centri per l’infanzia e i nidi domiciliari. Il documento contiene inoltre lo schema del contratto tra famiglia e l’ente gestore del servizio socio-educativo.
Marche_DGR_477_2017

Dpcm 17 febbraio 2017, Agevolazioni per la frequenza di asili nido

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, pubblicato sulla GU Serie Generale n.90 del 18-4-2017, stabilisce le modalità  di attuazione del buono per il pagamento della retta di asili nido pubblici o privati autorizzati introdotto dalla Legge di bilancio 2017. Il buono ha un importo di 1.000 euro annui ed è utilizzabile anche per il supporto a domicilio dei bambini al di sotto dei tre anni affetti da gravi patologie croniche.
Link al provvedimento

P.A. di Bolzano: DGP 482/2017, Contributi per il sostegno precoce alle famiglie

Con la delibera vengono approvati i criteri per la concessione di contributi ad enti pubblici ed organizzazioni private per il sostegno precoce alle famiglie attraverso misure di sensibilizzazione, informazione, programmi di formazione a sostegno della famiglia e della genitorialità, l’auto-aiuto familiare, offerte per prevenire situazioni familiari problematiche, consulenza e accompagnamento familiare, mediazione familiare.
PABolzano_DGP_482_2017

Comune di Milano: Reddito di maternità e Buono assistenza familiare

Comune di Milano: introdotte due nuove misure per le famiglie a basso reddito per alleviare il peso delle spese relative alla cura di bambini e anziani.

Il Reddito di maternità darà un contributo di 150 euro mensili per 12 mesi per ogni nuovo figlio alle neomamme residenti con Isee fino a 17.000 euro. Il contributo sarà trasferito attraverso una carta elettronica con la quale sarà possibile acquistare prodotti per la prima infanzia e servizi di cura offerti dai fornitori accreditati presenti sul portale www.wemi.milano.it.

Stesso limite Isee per il Buono assistenza familiare, destinato ai nuclei che necessitano di un aiuto nella cura di bambini fino a 8 anni o di anziani non autosufficienti sopra i 60 anni. Il contributo consiste in un rimborso spese una tantum di 1.500 euro per servizi acquistati attraverso lo sportello CuraMi.

Approfondisci la notizia qui.