Istituzioni e governancePost con tag “servizi sociali”

Aiutanti di mestiere, la web serie dedicata agli assistenti sociali

La web serie, nata da un’intuizione di COeSO SDS Grosseto e dall’Associazione Storie di Cinema/Scuola di Cinema Grosseto, e realizzata con il patrocinio del Cnoas, narra le vicende del lavoro quotidiano di due colleghi assistenti sociali. I temi trattati nelle puntate spaziano dalla devianza giovanile alla ludopatia, dalla violenza all’allontanamento di minore, dalla disabilità all’immigrazione, dall’emarginazione degli anziani alle problematiche dell’adozione. Come si legge sul sito Aiutanti di mestiere, dove è anche possibile guardare la serie, lo scopo di questo progetto è quello di rafforzare il senso di appartenenza degli operatori alla comunità professionale e di avviare una sorta di “contradditorio” con l’opinione pubblica, in modo da rendere più vicino alle persone il mondo dei servizi sociali.

Istat: la spesa dei Comuni per i servizi sociali

Il 27 dicembre scorso l’Istat ha pubblicato il report sulla spesa sociale dei Comuni nel 2015 (scaricabile qui): il totale della spesa è di circa 7 miliardi di euro, con una lieve crescita dello 0,2% rispetto al 2014, le cui componenti più rilevanti sono dirette alle famiglie con figli (il 38,5%), ai disabili (il 25,4%) e agli anziani (18,9%). La spesa pro capite per residente risulta molto inferiore al sud (Sardegna esclusa) rispetto al nord del paese.

Assistenti sociali vittime di violenza

L’11 ottobre scorso è stata presentata al Cnel una ricerca promossa dal Consiglio nazionale assistenti sociali e dalla Fondazione nazionale degli assistenti sociali sul tema della violenza contro gli assistenti sociali. Dallo studio, che ha raccolto 20 mila testimonianze, emerge come nove professionisti su dieci abbiano subìto aggressioni verbali durante la propria carriera, e tre su venti una violenza fisica. Si tratta di un fenomeno preoccupante e in forte aumento, considerando poi che solo una minima parte dei casi vengono denunciati.

Approfondisci la notizia leggendo l’articolo di Redattore Sociale riservato agli abbonati.

Guarda qui il video della presentazione della ricerca.

Regione Toscana: rilevazione sui servizi sociali territoriali 2017

Sul sito della Regione Toscana è stata pubblicata la Rilevazione sui servizi sociali territoriali 2017 elaborata dall’Osservatorio Sociale Regionale nell’ambito dell’Accordo di collaborazione tra Regione Toscana, Ordine assistenti sociali Toscana e Fondazione degli assistenti sociali. Il documento ha l’obiettivo di conoscere e analizzare la presenza del servizio sociale professionale nel territorio toscano, in modo da tratte informazioni sull’articolazione e la collocazione lavorativa degli assistenti sociali, sulle attività dei servizi, contribuendo così a definire gli obiettivi di programmazione e le linee di intervento.

Regione Marche: assistenti sociali e medici di base per intercettare le criticità

Parte dalle Marche la sperimentazione del progetto nazionale che riguarda gli studi associati. Tale progetto, rivolgendosi principalmente alle persone non autosufficienti, agli anziani fragili e a rischio di ospedalizzazione, mira a garantire un nuovo approccio ai bisogni della persona nell’ambito delle cure primarie. Il progetto è coordinato dal Centro di Ricerca e Servizio sull’Integrazione Socio-sanitaria (Criss) dell’Università Politecnica delle Marche.

Leggi la notizia su Redattore Sociale.

Assistenti sociali: in prima linea e da soli

Lluis Francesc Peris Cancio e Giulia Moreschini presentano, su Scambi di prospettive, una ricerca sul tema delle strategie di autoprotezione e fronteggiamento delle aggressioni da parte degli assistenti sociali. A partire da 24 interviste ad assistenti sociali che hanno subito episodi di violenza, la ricerca approfondisce la natura, le conseguenze e la prevenzione delle aggressioni subite dai social worker durante il rapporto di aiuto con l’utenza.

Leggi l’articolo.

Il Casellario dell’assistenza presso l’Inps

L’Inps sta procedendo alla costruzione del Casellario dell’Assistenza, banca dati di tutte le prestazioni sociali agevolate, collegata alla banca dati dell’Isee e ad altri archivi del welfare: questa intervista a una Dirigente dell’Inps illustra stato dell’arte e prospettive sul tema, nonché spunti per superare le criticità emerse. Leggi >

Per un servizio sociale sovra-comunale

Solitudine professionale, multi utenza, scarso numero di ore, inefficienze organizzative, sconfinamento sul piano amministrativo e budget minimi sono alcuni dei nodi cruciali che caratterizzano il servizio sociale di comuni piccoli o medio-piccoli, che dunque non avrebbero le caratteristiche necessarie ad offrire un servizio di qualità. Queste criticità possono essere affrontate meglio con un tipo di gestione sovra-comunale, Giulia Ghezzi spiega come.

Se sei interessato al tema leggi l’articolo su Sapere Sociale.

L’assistente sociale comunale: strategie professionali per un ruolo complesso

La mancanza di adeguati finanziamenti statali alle politiche sociali fa sì che molto spesso le risorse economiche per sostenere i servizi gravino sui bilanci delle amministrazioni locali. Questa situazione induce molti Comuni ad agire per salvaguardare le proprie risorse economiche, percepite sempre come insufficienti. Quali strategie professionali può mettere in campo l’assistente sociale comunale per riuscire, da un lato, a gestire queste pressioni e, dall’altro, a mantener fede alla propria etica deontologica?

Leggi l’articolo di Giulia Ghezzi su Sapere Sociale.

Servizi sociali: se le risorse sono insufficienti

Rassegna Sindacale riporta la sintesi dell’articolo pubblicato nel n. 3-4/2016 da La Rivista delle Politiche Sociali che dedica un’intera sezione al tema dei servizi sociali (accesso completo ai testi riservato agli abbonati). La riflessione proposta: nonostante il crescente aumento della povertà, complice un federalismo che ha privato lo Stato della capacità di dettare gli indirizzi, i finanziamenti per i servizi sociali sono stati ridotti e stabilizzati a un livello che condanna alla marginalità.

 

Vai al link esterno per leggere la sintesi dell’articolo.