Persone con disabilitàPost nella sezione “Punti di vista”

La falsa verità del punto di vista

Pur essendo nell’era dei computer, dell’informatica, di internet, non disponiamo di dati aggiornati relativi al sistema del collocamento delle persone con disabilità. Nell’attesa che le cose cambino, i soggetti sociali interessati dovrebbero richiedere, almeno a livello locale, la pubblicazione di dati trasparenti, chiari, facilmente decodificabili, e utili per rappresentare una fotografia aggiornata e concreta. A loro spetta anche il compito di imparare a leggerli, utilizzarli e, se necessario, a confutarli. Leggi >

Le politiche statali per la non autosufficenza

A distanza di tredici anni da quando è stato istituito, il Fondo per le non autosufficienze è stato inquadrato in una politica di sistema con l’adozione del primo Piano nazionale per la non autosufficienza, ripristinando un’adeguata funzione di  indirizzo e di monitoraggio già avviata con il Piano Nazionale Sociale del 2018. Avuto riguardo all’importanza del provvedimento, si è ritenuto opportuno far precedere lo stesso da uno specifico studio relativo all’ analisi dell’ andamento del Fondo, e le sue implicazioni nel contesto delle politiche sociali e sociosanitarie. Leggi >

Qualche riflessione e proposta sul decreto legge “Cura Italia”

Il Punto di Welforum Il Decreto “Cura Italia” contiene una serie di misure di sostegno per fronteggiare le difficoltà economiche derivanti dal Coronavirus. Di seguito si propongono sia esigenze di chiarimento che possibili proposte rispetto al testo del decreto, considerando che deve muoversi tenendo presente contestualmente due difficili orizzonti: rendere efficaci gli interventi con rapidità, ed evitare che non riescano ad accedervi le persone/famiglie più deboli. Richiamiamo qui alcuni articoli del decreto raggruppandoli intorno a diverse tematiche. Leggi >

Minori con disabilità e contrasto alla povertà educativa

In campo educativo si utilizza il Piano educativo individualizzato, pensato come l’insieme coordinato degli interventi e dei supporti per favorire l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità. Tale strumento dovrebbe intersecarsi all’interno del più ampio Progetto individuale, previsto all’articolo 14 della Legge n. 328/2000, con gli altri contesti di vita e le occasioni di crescita che si creano dinamicamente attorno al bambino/ragazzo, con l’obiettivo di superare l’interazione negativa tra condizioni di svantaggio e disabilità. Leggi >

Perché un Manifesto per la Voce delle persone con disabilità?

 

Un vero e proprio manifesto, elaborato con un percorso partecipato all’interno di Ledha, presentato in occasione del Convegno per il quarantennale dell’Associazione di Promozione Sociale che raggruppa 180 organizzazioni di persone con disabilità e familiari della Lombardia e rappresenta la Fish a livello regionale. Leggi >

Gli stakeholder nel campo della disabilità (II parte)

La conoscenza dell’Altro, la comprensione dei suoi bisogni e del suo linguaggio, creano rapporti positivi anche nel mercato del lavoro. Completando la riflessione lanciata nel precedente articolo, l’autore approfondisce le posizioni e gli approcci dei principali stakeholder nei percorsi di inclusione lavorativa delle persone con disabilità. Nel presente contributo il focus è sulla rete dei servizi e sulle associazioni delle persone con disabilità e i sindacati. Leggi >

La non autosufficienza riguarda il servizio sanitario nazionale?

Pochi problemi del welfare sono oggi così diffusi e rilevanti come quelli connessi alla tutela negli atti della vita quotidiana dei non autosufficienti. Ma un nodo sul tema consiste nel definire più chiare competenze del SSN nell’assistenza domiciliare tutelare: l’articolo espone i pro e i contro delle possibili tesi sul punto. Leggi >

Gli stakeholder nel campo della disabilità – (I parte)

La conoscenza dell’Altro, la comprensione dei suoi bisogni e del suo linguaggio, creano rapporti positivi. Anche nel mercato del lavoro. Proseguendo la riflessione lanciata nel precedente articolo sul “linguaggio dell’altro”, vengono presi in considerazione le posizioni e gli approcci dei principali stakeholder nei percorsi di inclusione lavorativa delle persone con disabilità. Il focus di apertura, nel presente contributo, è sulle aziende private. Leggi >

Educare e includere con il teatro. Vent’anni di progetti nell’Ovest Ticino

L’uso dei linguaggi artistici consente di sviluppare strategie relazionali e inclusive, aperte ad ogni tipo di differenza. L’esperienza ventennale nell’Ovest Ticino in ogni ordine e tipo di scuola e in vari altri contesti educativi offre molti spunti di riflessione su potenzialità e limiti delle attività laboratoriali. Ne parliamo con Marco Bricco, della Compagnia Teatrale Stilema/Unoteatro di Torino, e Grazia Fallarini, del C.I.S.A. Ovest Ticino. Leggi >

Contaminazioni profit/non profit

Le convenzioni ai sensi dell’art 14 del  d.lgs.276/2003, prevedono la possibilità che un’azienda assolva l’obbligo di assunzione di persone con disabilità previsto dalla Legge 68/1999 attraverso l’affidamento di servizi ad una cooperativa sociale di inserimento lavorativo o consorzio sociale che, per lo svolgimento di tali attività, assuma uno o più lavoratori disabili, computati quindi nella quota d’obbligo dell’azienda, a seguito di una convenzione firmata dalle rappresentanze della parte datoriale, sindacale e dalle rappresentanze della cooperazione sociale e validata dalle Regioni. Leggi >

Abitare: un diritto anche per le persone con disabilità

Con la Norma UNI-11010/2016 Servizi per l’abitare e per l’inclusione sociale è stato immaginato un sistema di certificazione della qualità caratterizzato dalla minuziosa valutazione della capacità dell’erogatore di servizi di mettere in atto circuiti virtuosi che focalizzino l’attenzione sui processi e non sulle strutture. Leggi >