Persone con disabilitàSegnalazioni con tag “assistenza domiciliare”

Dpcm 03.11.2020 e misure per le disabilità

Con il Dpcm del 3 novembre 2020 sono state introdotte misure specifiche riassunte nella pagina web dell’Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità, incardinato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. La Fish ha richiesto maggiore attenzione al sostegno domiciliare dei nuclei familiari, in particolare in quelle Regioni in cui il lockdown è più stringente, e all’inclusione scolastica. Anffas ha curato un documento tecnico che distingue i provvedimenti valevoli nelle Regioni appartenenti alle zone gialle, arancioni e rosse.

Regione Lazio: DGR 115/2020, Linee guida per la gestione dei servizi socioassistenziali durante l’emergenza Covid-19

LR n. 11/2016, Atto di indirizzo e coordinamento rispondente all'esigenza di percorsi di carattere unitario nel territorio regionale ai sensi dell'articolo 33, comma 2, lettera e). Approvazione delle linee guida per la gestione dei servizi socioassistenziali durante l'emergenza epidemiologica da Covid-19.

In relazione all’emergenza epidemiologica vengono emanate linee guida per la gestione dei servizi socio-assistenziali, rispondenti all’esigenza di percorsi di carattere unitario nel territorio regionale al fine di definire un sistema operativo sul territorio regionale per facilitare lo svolgimento dei diversi ruoli e delle azioni in capo agli attori del sistema dei servizi e interventi sociali.

Particolare rilievo è conferito al ruolo di governance dell’Ufficio di Piano, al segretariato sociale e al servizio sociale professionale.

 

DGR 17 marzo 2020, n. 115

Disabilità e servizi: il sistema va cambiato

Nel contributo di Simone Zorzi su Percorsi di Secondo Welfare vengono evidenziati i fattori propulsivi e quelli ostacolanti un cambiamento del sistema di interventi a favore delle persone con disabilità affinché siano messe nelle condizioni di esercitare un ruolo attivo nella costruzione e realizzazione di una esistenza di significato.

Psichiatria e accoglienza residenziale: il Servizio “IESA” nel torinese

A seguito della riforma portata dalla legge 180/1978, nel territorio dell’Azienda Sanitaria Locale di Collegno e Pinerolo è stato sviluppato un approccio all’accoglienza domiciliare dei pazienti psichiatrici. Il modello di intervento IESA (Inserimento Eterofamiliare Supportato di Adulti) consiste in una pratica terapeutico-residenziale che coinvolge la cittadinanza. Si tratta di uno strumento flessibile, potenzialmente applicabile a settori diversi dell’assistenza sanitaria e sociale come, ad esempio, l’area della disabilità fisica e psichica. Qui la pagina del sito dell’ASL TO 3.

Bambini con gravissima disabilità in Lombardia: la misura B1

Il contributo di Laura Borghetto, presidente dell’associazione L’Abilità Onlus, parte da una storia di vita concreta e presenta delle riflessioni riguardo le ripercussioni sui progetti attivati con la “misura B1” a favore dei minori con gravissima disabilità, a seguito delle novità introdotte dalla DGR 1253/2019. Leggi l’articolo pubblicato su LombardiaSociale.

Regione Lazio: Determinazione G10287/2019, Convenzione con la Fondazione Policlinico Gemelli per Supporto al paziente SLA e alla sua famiglia

Il protocollo prevede interventi formativi e supporto alla famiglia per l’abilitazione del caregiver; consulenza multidisciplinare e apporto garantito da varie professionalità di natura sanitaria e sociale, a disposizione del caregiver, dei servizi territoriali, dei distretti socio-sanitari, associazioni dei pazienti; monitoraggio e sviluppo dell’appropriatezza programmatoria delle azioni di collegamento; l’arco temporale è di 18 mesi; il target di riferimento: 400 utenti affetti da SLA e malattie neuromuscolari con analoghe problematiche assistenziali e impatto sul contesto familiare.

Determinazione 29 luglio 2019, n. G10287

Regione Lazio: Determinazione G10293/2019, Riparto e assegnazione ai distretti sociosanitari delle risorse per interventi in favore di soggetti affetti da SLA

Vengono indicate finalità e modalità di utilizzazione delle risorse: supporto della domiciliarità; importo ulteriore massimo di euro 300,00, per l’erogazione del servizio diretto di assistenza domiciliare, fino a concorrenza del contributo massimo di euro 1.500,00 mensili; importo ulteriore massimo di euro 300,00 per l’assegno di cura, fino a concorrenza dell’importo massimo di euro 1.500,00; importo ulteriore massimo di euro 300,00, l’entità del contributo di cura riconosciuto all’utente, fino a concorrenza dell'importo massimo di euro 1.000,00.

 

Determinazione 29 luglio 2019, n. G10293

Regione Molise: DGR 165/2019, Programma attuativo FNA 2018 in favore di persone in condizioni di disabilità grave e gravissima assistite a domicilio

Viene approvato il Programma Attuativo “FNA 2018 – Interventi in favore di persone in condizioni di disabilità grave e gravissima assistite a domicilio” (All. A) e il relativo Disciplinare.

 

DGR 20 maggio 2019, n. 165

Regione Marche: DGR 473/19, Interventi a favore degli anziani e delle disabilità gravissime

Vengono approvati i criteri di riparto e le modalità di utilizzo del Fondo nazionale per le non autosufficienze a favore dell’intervento “Anziani”, così come riportati nell’Allegato A), e a favore dell’intervento “Disabilità gravissime”, così come riportati nell’Allegato B).

 

DGR 29 aprile 2019, 473

Regione Puglia: DGR 351/2019, Programma attuativo di riparto del Fondo per le non autosufficienze 2018

Il Programma attuativo, specificato nell’allegato 1, dispone l’attivazione o il rafforzamento del supporto alla persona non autosufficiente e alla sua famiglia attraverso l’incremento dell’assistenza domiciliare, la previsione di un supporto alla persona non autosufficiente e alla sua famiglia eventualmente anche con trasferimenti monetari.
In tale contesto la Regione ha disciplinato la misura denominata “Assegno di cura” per disabili gravissimi o in condizione di gravissima non autosufficienza, che si configura come trasferimento economico incondizionato.

 

DGR 26. febbraio 2019, n. 351

L’assistenza domiciliare in Italia

Il punto su un servizio in crescita ma ancora limitato, l’ADI – Assistenza domiciliare integrata, quella fornita dalle ASL, lo fornisce l’ultimo report di Italia Longeva, presentato e discusso lo scorso 12 marzo a Milano. Il documento comprende un approfondimento che illustra l’identikit dei beneficiari della misura in Regione Umbria.

Regione Lombardia: DGR 1253/2019, Programma operativo regionale per persone con gravissima disabilità e in condizione di non autosufficienza

La Regione ha storicamente perseguito politiche socio-assistenziali con la promozione ed avvio degli enti di zona, sulla de-istituzionalizzazione, sul diritto delle persone a vivere nel proprio ambiente familiare e sociale, sulla costituzione delle reti sociali di offerta socio-sanitaria.
In tale contesto si colloca il presente provvedimento, articolato in specifiche azioni e relativi finanziamenti, evidenziando il ruolo della famiglia, delle modalità di sostegno, del ruolo dell’integrazione socio-sanitaria e l’accurata individuazione dei finanziamenti.

DGR 12 febbraio 2019, n. XI/1253