Politiche europee

L’impatto della pandemia da Covid-19 sui caregiver informali in Europa

L’articolo presenta i risultati di una survey online (novembre 2020-marzo 2021) cui hanno aderito 2.468 caregiver informali di persone anziane, fragili o disabili in Europa durante la pandemia da COVID-19. I risultati evidenziano che la pandemia ha impattato su vari aspetti della vita dei caregiver e dei loro assistiti e che le conseguenze sono state maggiormente negative per le donne. Sono necessarie politiche per meglio supportare i caregiver in tempi di pandemia e nella fase post-pandemica. Leggi >

Gli algoritmi e le decisioni inevitabili

In molte nazioni europee sono stati introdotti algoritmi e modelli matematici di previsione dei comportamenti dei beneficiari di servizi di welfare, modelli predittivi sui nuclei familiari a maggior rischio di abuso e maltrattamento sui minori, di controllo e sorveglianza delle aree economicamente più deprivate delle città. Esperti delle Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per l’emergere del “digital welfare state“, e rilevano che troppo spesso i veri motivi alla base di tali programmi sono il taglio della spesa sociale, l’istituzione di sistemi di sorveglianza governativa intrusivi e la volontà di generare maggiori profitti per le imprese private. Leggi >

Quando la povertà economica e la povertà abitativa entrano nella vita delle persone

Nel giugno scorso a Lisbona i ministri nazionali e i rappresentanti delle istituzioni dell’UE, hanno firmato la “Lisbon Declaration on the European Platform on Combatting Homelessness”. Il lancio della piattaforma segna l’inizio di un percorso verso un impegno condiviso di tutti gli Stati membri a favore delle persone senza dimora al fine di perseguire obiettivi comuni. I progetti degli Stati membri saranno finanziati dal Fondo sociale europeo Plus (FSE+), con una dotazione di 99,3 miliardi di euro per il periodo 2021-2027. Tutti gli Stati membri dell’UE investiranno almeno il 25% delle loro risorse Fondo sociale europeo Plus (FSE+) a favore dell’inclusione sociale e almeno il 3% per affrontare la deprivazione materiale. Questo impegno condiviso dagli Stati europei può essere una opportunità anche per l’Italia. Leggi >

Reti di prossimità: obiettivi del PNRR e nodi da approfondire

Alcune riflessioni sulle priorità di scelta rispetto alle reti di prossimità, alla luce delle attuali indicazioni internazionali e delle proposte contenute nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), ritenendo opportuno che sia data la priorità, nella realizzazione della Missione Salute del PNRR, agli investimenti più coerenti con le indicazioni internazionali, come “la casa come primo luogo di cura” e la presa in carico della persona. Leggi >

Moon Climbers. Una vita adulta per le persone con disabilità intellettiva è possibile

Un giovane con disabilità intellettiva che si affaccia alla vita adulta deve affrontare numerosi pregiudizi e ostacoli per realizzarsi pienamente. Il progetto europeo Erasmus+ KA2 Moon Climbers, che ha coinvolto 45 giovani con disabilità intellettiva italiani, spagnoli e rumeni, nasce per tentare di dare una risposta a questa istanza, elaborando e promuovendo un modello metodologico innovativo, efficace e riproducibile. Leggi >

L’accesso alla cittadinanza. Un panorama delle norme vigenti nei principali paesi dell’UE

Accordare la cittadinanza, e definire le regole con cui accordarla, rimangono privilegi degli Stati sovrani, gelosamente custoditi fino al giorno d’oggi. Nemmeno nell’ambito dell’Unione Europea è avvenuto un processo di armonizzazione delle regole, sicché permangono notevoli squilibri. Dieci milioni di apolidi nel mondo testimoniano la distanza tra la condizione di persona umana e quella di cittadino riconosciuto. Gli Stati non da oggi si sono dunque dotati di regole per l’accesso alla cittadinanza. Il clima politico contemporaneo produce al riguardo una paradossale conseguenza, la crescita delle acquisizioni di cittadinanza: molti residenti stranieri, per evitare discriminazioni o nuovi irrigidimenti delle norme, o anche per stornare i pregiudizi, accedono più che in passato e in tempi più rapidi alla cittadinanza del paese in cui si sono trasferiti. Si può passare dalla condizione di stranieri a quella di cittadini in vari modi, alcuni dei quali hanno radici molto antiche. Vediamo come si combinano i criteri in alcune legislazioni. Leggi >

Un confronto tra quattro Recovery Plan europei

I Piani Nazionali per la ripresa e la resilienza sono gli strumenti attraverso i quali vengono distribuite le risorse del Dispositivo di Ripresa e Resilienza (RRF), lo strumento chiave del Piano per la ripresa NEXT GENERATION EU. L’articolo propone una lettura dei piani presentati da Francia, Germania e Spagna raffrontati col piano italiano, con l’obiettivo di andare ad osservare come gli altri paesi abbiano previsto di utilizzare le risorse europee a supporto dell’inclusione e della coesione sociale. Leggi >

La povertà energetica e le misure di contrasto

La pandemia da Covid-19 ha rafforzato le vulnerabilità anche nell’ambito del consumo domestico dell’energia. Una delle conseguenze è una forte probabilità che il numero di famiglie in condizioni di povertà energetica sia aumentato. Ma cos’è la povertà energetica e come si misura? Gli strumenti finanziari e il PNRR potranno alleviare la povertà energetica, ma solo se saranno tenute in considerazione le implicazioni in termini di giustizia sociale ed equità distributiva. Leggi >

La Strategia dell’UE sui diritti dei minori

Il 24 marzo la Commissione Europea ha adottato la prima Strategia europea integrata sui diritti dei minori: la strategia comprende la proposta per una Raccomandazione volta all’implementazione dell’ European Child Guarantee  per promuovere pari opportunità per i bambini a rischio di povertà o esclusione sociale. Leggi >

La riforma del Long-term care e il PNRR

Pur senza allocare risorse finanziarie ad hoc, il PNRR sembra compiere un miracolo: fa ricomparire nell’agenda politica italiana la possibilità di una riforma per la non autosufficienza, a quasi 25 anni di distanza dalla proposta della Commissione Onofri. In questo ambito delle politiche sociali l’Italia è il fanalino di coda dell’Europa. Dopo il pesantissimo tributo pagato dagli anziani nel corso della pandemia, ci pare un atto più che dovuto che il tema ritorni nell’agenda politica. Vale quindi la pena prenderne atto con un plauso al governo, attendendo ora che al pronunciamento seguano atti concreti. Leggi >