Povertà e disuguaglianzeSegnalazioni nella sezione “Dati e ricerche”

Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile

Le Fondazioni di origine bancaria hanno deliberato il concorso per il 2017 al finanziamento dei bandi per il “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”, prevedendo 120 milioni di euro in aggiunta alla stessa cifra già messa a disposizione nel 2016. Lo ha comunicato Giuseppe Guzzetti, presidente di Acri, che associa le Fondazioni finanziatrici del Fondo.

Nell’aprile 2016, il Governo e le Fondazioni di origine bancaria hanno firmato il Protocollo di Intesa per la costituzione del Fondo (Art. 1 comma 392 della legge 28 dicembre 2015, n. 208), mirato ad interventi sperimentali per ridurre gli ostacoli di economici, sociali e culturali che impediscono un adeguato utilizzo da parte dei minori dei percorsi educativi. Le Fondazioni si sono impegnate a sostenerlo con circa 120 milioni di euro all’anno per tre anni. La governance del Fondo è assegnata ad un Comitato di Indirizzo Strategico, composto da rappresentanti del Governo, delle Fondazioni, del Terzo Settore e da esperti in materie statistiche.

Partito il monitoraggio del SIA a cura dell’Alleanza contro la povertà

L’Alleanza contro la povertà ha avviato una ricerca per il monitoraggio e valutazione del SIA, con lo scopo di identificare, nelle prime fasi del programma Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA), alcuni meccanismi di implementazione della misura che possono ostacolarne o favorirne il successo, per poter meglio orientare la futura misura a regime denominata REI o Reddito di Inclusione.

Vai al collegamento esterno per leggere la notizia sul sito Reddito d’Inclusione Sociale.

Social Justice in the EU – Index Report 2016

L’indice giustizia sociale mette a confronto i 28 membri dell’Unione Europea sulla base di 36 indicatori, afferenti a sei dimensioni: prevenzione della povertà, equità dell’istruzione, accesso al mercato del lavoro, coesione sociale e non discriminazione, salute e giustizia intergenerazionale.

Scarica qui il Rapporto curato da Daniel Schraad-Tischler e Christof Schiller.

European Commission: Employment and Social Developments in Europe

L’ultima indagine annuale sull’occupazione e sugli sviluppi sociali in Europa ( Employment and Social Developments in Europe – ESDE), mostra segnali incoraggianti: nonostante l’elevata disoccupazione, sono stati creati circa 3 milioni di posti di lavoro e la povertà appare complessivamente in calo. Lo studio si concentra sull’occupazione come mezzo per combattere la povertà, sulla digitalizzazione e sui cambiamenti nel mondo del lavoro, sul ruolo del dialogo sociale, sulle disparità tra gli Stati membri e sull’integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro.

Sconfiggere la povertà educativa fino all’ultimo bambino

In Italia la percentuale di minori a rischio povertà o esclusione sociale è pari al 32% ed è tra le più alte in Europa, contro il 14% dell’Islanda, il 12% della Norvegia, il 20% della Repubblica Ceca e il 23% dell’Austria. I dati sono contenuti nell’ultimo rapporto di Save the Children “Sconfiggere la povertà educativa. Fino all’ultimo bambino”.

Link alla pagina dedicata

Il sistema di welfare

50º Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese

 

Il progressivo restringimento del welfare legato agli obiettivi di finanza pubblica appare evidente nella dinamica recente della spesa sanitaria. Secondo il 50° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, gli effetti delle manovre di contenimento si traducono in un crescente numero di italiani (11 milioni circa) che nel 2016 hanno dichiarato di aver dovuto rinunciare o rinviare alcune prestazioni sanitarie, specialmente odontoiatriche, specialistiche e diagnostiche.
Link alla pagina dedicata

Contrasto alla povertà: audizione del Presidente dell’Istat Alleva

Con l’audizione alla XI Commissione “Lavoro, previdenza sociale” del Senato, il Presidente dell’Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva offre un contributo utile alla discussione dei disegni di delega numeri 2494, 2241 e 2437 inerenti il contrasto alla povertà e il riordino delle prestazioni sociali.
Link alla pagina dedicata

Bambini, Supereroi

1 minore su 3 è a rischio povertà ed esclusione sociale, 4 bambini di famiglie povere su 10 soffrono il freddo d’inverno perché i loro genitori non possono permettersi di riscaldare adeguatamente la casa, la percentuale di giovani tra i 18 e i 24 anni che abbandonano gli studi fermandosi alla licenza media tocca il 14,7%. Sono alcuni dei dati contenuti nel 7° Atlante dell’Infanzia (a rischio) “Bambini, Supereroi” di Save the Children.
Link alla pagina dedicata

Caritas: Nel paese dei Neet, sintesi dei risultati

Il documento illustra i principali risultati della ricerca “Nel paese dei Neet. Rapporto di ricerca sui giovani Neet in condizione di povertà ed esclusione sociale”, a cura di Walter Nanni e Serena Quarta, pubblicata da Edizioni Lavoro. Lo studio è basato su dati quantitativi e qualitativi: un’analisi statistica nazionale su 1.749 Neet utenti dei servizi Caritas, 51 interviste e tre esperienze di shadowing (tecnica qualitativa sperimentale di osservazione).
Link alla pagina dedicata.
Scarica qui la sintesi.