Povertà e disuguaglianzePost nella sezione “Punti di vista”

Il reddito di emergenza e la missione di non lasciare nessuno indietro

Il REM è stato introdotto dal Governo come reddito di ultima istanza per le famiglie, provate dall’emergenza Covid-19 e rimaste escluse da una qualche forma di protezione sociale o ammortizzatore. Obiettivo condivisibile di questo nuovo strumento è quello di non lasciare indietro nessuno, almeno tra le fasce più povere della popolazione. Proposito raggiunto? L’IRPET cerca di dare una risposta a questa domanda attraverso un’analisi delle caratteristiche delle famiglie del primo decile della distribuzione dei redditi familiari equivalenti. Leggi >

Il Comune di Milano in prima linea nel contrasto all’emergenza

Il Punto di Welforum Anche a Milano il sociale è in prima linea a fianco dei sanitari in questa emergenza. Tanti gli interventi straordinari attivati, mentre i servizi ordinari sono stati in buona parte rimodulati o riconvertiti, dando priorità alle situazioni di maggiore fragilità, comunque nel rispetto delle necessarie misure di “protezione” sia per gli operatori che per i beneficiari. Assistenza agli anziani soli, interventi straordinari per i senza fissa dimora, ascolto e supporto psicologico, sostegno alimentare attraverso distribuzione di pacchi viveri e buoni spesa. Vediamo nel dettaglio alcune di queste misure, tenuto conto del grande sforzo profuso e della mobilitazione di energie e risorse generata. Leggi >

Il reddito di cittadinanza nell’emergenza sanitaria e sociale

Il Punto di Welforum Molti cambiamenti che osserviamo nell’attuazione di molte leggi non dipendono da una decisione esplicita delle istituzioni, ma dai cambiamenti del contesto, delle priorità e delle attese di istituzioni e persone. La crisi del Covid-19, molto di più che le modifiche che sono state introdotte da vari provvedimenti normativi al decreto istitutivo del reddito di cittadinanza, ha cambiato il senso e la funzione sociale di molte sue previsioni, ha reso più rilevante il ruolo delle misure di sostegno al reddito e ridotto la fattibilità delle misure attive e delle misure condizionali individuate. In una situazione di emergenza sanitaria e di crisi economica la rapidità e la consistenza dei sussidi economici sono diventati prioritari recuperando per certi versi la loro funzione originaria. Leggi >

La pandemia raccontata dalla bassa soglia

Il Punto di Welforum L’articolo propone alcune riflessioni sull’attuale contesto di emergenza provocato dalla pandemia in corso focalizzando lo sguardo sui servizi per le persone senza dimora. È stato scritto dalla città di Torino ma si riferisce a una situazione più ampia e generalizzata. Le misure necessarie per il contenimento del Covid-19 evidenziano alcune criticità tipiche del sistema dei servizi a contrasto dell’homelessness. Leggi >

Emergenza affitti #1. Quali misure in Italia?

Il Punto di Welforum La fragilità del settore dell’affitto in Italia, con elevati problemi di affordability e molti sfratti, fa presagire la violenza con cui le conseguenze dell’emergenza rischiano di colpire gli inquilini. Tra le misure adottate dal governo, oltre un temporaneo blocco degli sfratti per tre mesi, si propone l’uso di strumenti ordinari (fondi per morosità incolpevole e sostegno alla locazione). L’articolo esamina questi strumenti ordinari, le loro criticità (ordinarie e straordinarie) e riporta le dichiarazioni di alcuni dei principali attori in campo. Leggi >

Il Reddito di Cittadinanza in tempo di Epidemia

In questo momento di emergenza che stiamo vivendo appare urgente ed imprescindibile dare una risposta immediata alle famiglie, auspicabilmente partendo dal Reddito di Cittadinanza esistente, prevedendone una versione straordinaria ed adattata alla contingenza. L’autore riprende la proposta a cura del Forum DD e di ASviS, provando ad attenzionare alcune questioni pratiche, ma al contempo molto complesse per la sua messa a terra: la definizione della platea degli aventi diritto, la proporzionalità del contributo spettante, l’attualizzazione della situazione economica. Leggi >

Una proposta per una protezione sociale universale contro la crisi

Il Punto di Welforum Forum Disuguaglianze e Diversità (ForumDD) e Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), insieme a Cristiano Gori, docente di politica sociale all’Università di Trento, hanno avanzato una proposta per fronteggiare immediatamente la perdita di reddito delle famiglie dovuta alla crisi innescata dalla pandemia Covid-19, integrando il Decreto “Cura Italia”. La proposta sta ricevendo notevole attenzione del mondo politico ed istituzionale. Di seguito se ne presentano i punti chiave. Leggi >

Il Reddito di Inclusione. Un bilancio utile per l’attuale RdC

Il contributo presenta le principali evidenze del monitoraggio a cura dell’Alleanza contro la Povertà in Italia sull’attuazione del ReI, nel corso del 2018-2019. Analisi ed evidenze che forniscono spunti e riflessioni sulle attenzioni utili per l’attuale Reddito di Cittadinanza. Leggi >

ISEE 2020: meglio o peggio?

È ben evidente l’importanza di misurare in modo appropriato la condizione economica di chi richiede prestazioni sociali agevolate, per garantire equità nelle erogazioni e nelle contribuzioni a tutela sia dei cittadini sia della spesa pubblica. Poiché l’ISEE è il principale (ed obbligatorio) strumento in proposito, ed ha subito reiterate modifiche non semplici da ricostruire, si discutono qui gli aspetti positivi e negativi dei cambiamenti di questo indicatore introdotti nel 2020, nonché le criticità che non sono state oggetto di modifica. Leggi >

Piano di sviluppo del welfare della città di Milano

È stato recentemente pubblicato il Piano di Zona del Comune di Milano per gli anni 2018-2020, redatto ai sensi della L.328/00 e della normativa regionale di settore. Il Piano è frutto di un lavoro condiviso tra le istituzioni milanesi, a partire dalla Direzione Politiche Sociali, e i vari stakeholeder che si occupano di sociale a livello territoriale. Il percorso che ha portato al Piano ha anche consentito l’accordo di programma tra Comune ed ATS in materia di integrazione socio-sanitaria. Vediamo quali sono i principali contenuti. Leggi >

Il Reddito di Cittadinanza e i servizi per l’inserimento lavorativo

La regolazione della componente di inclusione sociale e lavorativa del Reddito di Cittadinanza è avvenuta in momenti successivi all’emanazione del decreto istitutivo (d.l.4/2019, modificato dalla legge di conversione n.26 del marzo 2019), attraverso specifici decreti attuativi e circolari operative. Facciamo qui il punto sullo stato dell’arte del sistema dei servizi per l’inserimento lavorativo, per dare conto degli elementi rispetto ai quali esiste ad oggi un quadro di regole compiuto e di quelli in fase di definizione. Leggi >

Il Reddito di Cittadinanza è entrato nel vivo (anche) per il sociale

Da qualche mese, dopo una fase di latenza iniziale, il Reddito di Cittadinanza è entrato nel vivo anche per il sociale. Tanti i fronti aperti, le procedure amministrative da avviare e gli adempimenti da assolvere, in un quadro che permane fluido e soggetto a frequenti modifiche, dettate da quanto definito via via dal susseguirsi dei provvedimenti attuativi. La ri-programmazione del PON-Inclusione, la nuova piattaforma informatica per la gestione delle verifiche sui requisiti di residenza e soggiorno e l’attivazione dei Patti per l’Inclusione Sociale sono solo alcune delle novità introdotte. Vediamole nel dettaglio. Leggi >