Povertà e disuguaglianzeSegnalazioni con tag “Inps”

Proroga REM per novembre e dicembre 2020

Con il Comunicato stampa del 9 novembre l’Inps, facendo seguito a quanto previsto nel decreto legge n. 137/2020 (cd. Decreto Ristori), ha presentato la possibilità di accedere al REM per ulteriori due mensilità. In particolare potranno presentare una nuova domanda i nuclei che non hanno mai ottenuto il beneficio in precedenza (perché non hanno presentato la domanda o perché non è stato loro riconosciuto il beneficio) e i nuclei che hanno ottenuto solo il primo REM (quello introdotto dal Decreto legge 34/2020) e non anche il secondo (quello previsto dal Decreto legge 104/2020). Per tutti i beneficiari in corso, il riconoscimento avverrà d’ufficio, senza necessità di presentare una nuova domanda.

Inps: XIX Rapporto annuale

Il 29 ottobre il Presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha tenuto la Relazione annuale in occasione della presentazione del XIX Rapporto annuale dell’Istituto, che illustra l’attività e il ruolo dello stesso nell’ambito del sistema di welfare nazionale e nell’attuale contesto socio-economico. Il Rapporto dedica una prima parte agli interventi intrapresi dal Governo volti a tutelare l’occupazione e il sostegno del reddito dei lavoratori nel corso nell’emergenza sanitaria, e contiene un intero capitolo dedicato alle misure di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale.

Su LaVoce i commenti di Massimo Baldini e Giovanni Gallo sui dati relativi al Reddito di Cittadinanza contenuti nel Rapporto.

Messaggio Inps n. 3627: Presentazione domanda di rinnovo RdC

Nel mese di settembre i nuclei familiari che hanno beneficiato della prestazione senza soluzione di continuità fin dalla prima erogazione (aprile 2019) hanno ricevuto la diciottesima mensilità e pertanto la domanda è stata posta in stato “Terminata”. Con il Messaggio n. 3627, Inps fornisce indicazioni e precisazioni circa la presentazione della domanda di rinnovo RdC (a partire dal mese di ottobre 2020), anche in caso di variazione della situazione familiare, per interruzioni dovute a modifiche della situazione economica o in seguito ad un provvedimento di revoca o di decadenza sanzionatoria.

Inps: Osservatorio Reddito di Cittadinanza – Report aprile 2019-settembre 2020

L’Osservatorio Inps sul Reddito e la Pensione di Cittadinanza, che periodicamente fornisce le statistiche essenziali sui nuclei familiari percettori del beneficio economico, ha pubblicato i dati aggiornati al 6 ottobre. Risultano pervenute all’Inps 2 milioni e 174 mila domande, di cui il 69% accolte, il 6% in lavorazione e il 25% respinte o cancellate. Si conferma ancora una volta la maggior concentrazione dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza nelle regioni del Sud e nelle Isole, seguite dalle regioni del Nord e da quelle del Centro. L’Osservatorio mette a disposizione anche i dati relativi al REM. All’8 ottobre risultavano 599 mila nuclei richiedenti: al 48% di questi è stato erogato il beneficio, al 51% è stato respinto, il restante 1% è invece ancora in attesa.

Inps: Osservatorio RdC – Report aprile 2019-agosto 2020

L’Osservatorio Inps sul Reddito e la Pensione di Cittadinanza, che periodicamente fornisce le statistiche essenziali sui nuclei familiari percettori del beneficio economico, ha pubblicato i dati aggiornati all’8 settembre 2020. Risultano pervenute all’Inps 2 milioni e 110 mila domande, di cui il 69% accolte. Si conferma ancora una volta la maggior concentrazione dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza nelle regioni del Sud e nelle Isole, seguite dalle regioni del Nord, e da quelle del Centro. L’Osservatorio mette a disposizione anche i dati relativi al Reddito di Emergenza. Al 10 settembre 2020 risultavano 599 mila nuclei richiedenti il REM: al 47,5% di questi (285 mila) è stato erogato il beneficio, al 50% (300 mila) è stato respinto ed il restante 2,3% (14 mila) è in attesa di definizione della domanda. Si allega la relativa Appendice Statistica.

Messaggio Inps n. 2975: Decurtazioni del Reddito di Cittadinanza non speso

In ottemperanza al Decreto Interministeriale del 2 marzo 2020, il Messaggio Inps n. 2975 del 28 luglio 2020 fornisce le modalità di calcolo delle decurtazioni previste per l’ammontare del beneficio non speso (o non prelevato) entro il mese solare successivo a quello di accredito. Le decurtazioni sono di due tipi: mensile e semestrale, e in entrambi i casi l’ammontare non speso è considerato al netto degli arretrati erogati nel corso del periodo di riferimento. L’eventuale decurtazione mensile viene effettuata nei limiti del 20% del beneficio erogato.

Messaggio Inps n. 2423: RdC e promozione del lavoro agricolo

L’articolo 94 del DL Rilancio prevede che i percettori di Reddito di Cittadinanza possano stipulare con datori di lavoro del settore agricolo contratti a termine non superiori a 30 giorni, rinnovabili per ulteriori 30 giorni, senza subire la perdita o la riduzione dei benefici previsti, nel limite di 2.000 euro per l’anno 2020. Il Messaggio Inps n. 2423 del 12 giugno 2020 precisa pertanto che, in tali casi, il lavoratore percettore del Reddito di Cittadinanza non è tenuto alla trasmissione del modello “RdC/PdC – com Esteso” per la comunicazione dei redditi percepiti, a meno del superamento della soglia prevista.

Messaggio Inps n. 2520: Proroga presentazione domande per Reddito di Emergenza

Con il Messaggio n. 2520 del 19 giugno 2020, e la successiva Nota ministeriale n. 5942 del 22 luglio, l’Inps comunica che, ai sensi dell’articolo 2 del decreto-legge 16 giugno 2020 n. 52, il termine per la presentazione delle domande per il Reddito di Emergenza è stata posticipata dal 30 giugno al prossimo 31 luglio 2020.

Inps: Osservatorio RdC – Appendice statistica aprile 2019-2020

L’Osservatorio Inps sul Reddito e Pensione di Cittadinanza, che periodicamente fornisce le statistiche essenziali sui nuclei familiari percettori del beneficio economico, ha pubblicato i dati a tutto aprile 2020. Risultano pervenute all’Inps 1 milione e 877 mila domande, di cui il 67,5% accolte, il 25,6% respinte/cancellate ed il 6,9% attualmente in lavorazione. La più parte dei nuclei in carico (88,1%), corrispondenti a 994 mila, riguardano nuclei percettori del Reddito di Cittadinanza, mentre i restanti 128 mila sono nuclei percettori di Pensione di Cittadinanza. Si conferma ancora una volta la maggior concentrazione dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza nelle regioni del Sud e nelle Isole, seguite dalle regioni del Nord, e da quelle del Centro.

Messaggio Inps n. 1681 sull’ampliamento delle modalità di presentazione della domanda di RdC/PdC

Il Messaggio Inps n. 1681 del 20 aprile 2020 ha ampliato le modalità di presentazione delle domande per il Reddito e la Pensione di Cittadinanza, che adesso possono avvenire anche online attraverso il sito Inps, autenticandosi con PIN dispositivo, Spid, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica come per tutte le richieste di prestazione che possono essere richieste all’Istituto.

Messaggio Inps n. 1608 sulla sospensione degli obblighi di comunicazione delle variazioni per domande RdC/PdC

Il Messaggio Inps n. 1608 del 14 aprile 2020 definisce, in ottemperanza al ‘Cura Italia’, la sospensione, fino al prossimo 1° giugno (a partire dal 23 febbraio) degli obblighi di comunicazione delle variazioni relative al nucleo familiare, all’attività lavorativa e al patrimonio. Ricordiamo a questo proposito che ai sensi del D.L. n. 4/2019, in caso di variazione del nucleo familiare rispetto a quanto dichiarato ai fini Isee, i nuclei sono tenuti a comunicare la variazione, entro due mesi dal verificarsi della stessa, pena la decadenza dal beneficio. Stesso discorso dicasi rispetto alle variazioni della situazione lavorativa o del patrimonio mobiliare o immobiliare tramite RdC-com esteso, seppure con tempistiche diverse. Ora, in fase emergenziale, il termine decadenziale si ritiene sospeso per l’intervallo di tempo definito, sia per variazioni avvenute prima del 23 febbraio, che risultano dunque interrotte, sia per quelle intervenute entro fine maggio, da comunicarsi contando il termine dal 1° giugno.

Inps: Osservatorio RdC – Appendice Statistica aprile 2019-gennaio 2020

L’Osservatorio statistico sul Reddito/Pensione di Cittadinanza, che periodicamente fornisce le statistiche essenziali sui nuclei familiari percettori del beneficio economico, ha pubblicato gli ultimi dati. A tutto gennaio 2020 risultano pervenute all’Inps 1 milione e 677 mila domande, di cui il 66,7% accolte, il 26,5% respinte/cancellate ed il 6,7% attualmente in lavorazione. La più parte dei nuclei in carico (88,1%), corrispondenti a 933 mila, riguardano nuclei percettori del Reddito di Cittadinanza, mentre i restanti 143 mila sono nuclei percettori di Pensione di Cittadinanza. Si conferma ancora una volta la maggior concentrazione dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza nelle regioni del Sud e nelle Isole, seguite dalle regioni del Nord e da quelle del Centro.