Terzo settorePost con tag “impresa sociale”

Eurostat, aperto un canale sull’economia circolare

Eurostat apre un canale di osservazione specifico sull’economia circolare, dedicato quindi alle iniziative che mirano a “mantenere il valore di prodotti, materiali e risorse per il più lungo tempo possibile reimmettendoli nel ciclo produttivo alla fine del loro utilizzo, minimizzando così la generazione di rifiuti. Meno prodotti diventano rifiuto, meno materiali bisogna estrarre, meglio è per l’ambiente” scrive Eurostat, che da ora in avanti rilascerà dati su questi aspetti sui quali spesso sono attive imprese sociali (qui alcuni primi indicatori).

Agevolazioni alle imprese per la diffusione dell’economia sociale

Per le imprese sociali si è aperta la possibilità di ricevere mutui a tasso agevolato a copertura di investimenti per importi tra i 200 mila euro e i 10 milioni per una durata non superiore a 15 anni e possibilità di iniziare la restituzione a partire dal quinto anno. La misura è dotata di 223 milioni di euro e può comprendere una quota non superiore al 5% a fondo perduto.

Leggi le altre informazioni e vedi tutti i documenti utili sul sito del Ministero dello sviluppo economico.

La voce del Forum sulla riforma del Terzo Settore

Sulla riforma del Terzo Settore abbiamo già anticipato alcuni interventi, ma dopo l’attesa pubblicazione dell’ultimo decreto possiamo ora presentare le valutazioni del Forum nazionale del Terzo Settore, espresse dalla Portavoce Claudia Fiaschi, che ringraziamo per aver risposto tempestivamente alle nostre sollecitazioni su contenuti cruciali della riforma: aspetti e normativa unificanti e specificità dei diversi soggetti, cosa cambierà sostanzialmente e cosa avrebbe potuto meglio cambiare, come si selezionerà il “buon terzo settore” e con quali controlli, quali le posizioni dei decreti su temi dibattuti come quelli dell’impresa sociale o quello delle associazioni sportive. Leggi >

Decreto impresa sociale: questioni risolte e problemi aperti

Quando il decreto sull’impresa sociale venne approvato in via preliminare nel maggio scorso, fu segnalato come settori di attività e inserimento lavorativo rappresentassero due criticità. In sede di approvazione definitiva il decreto 112/2017 modifica parzialmente questi punti, anche se permangono molte criticità, soprattutto con rifermento alla cooperazione sociale, ristretta nel perimetro definito nel 1991 dalla legge 381. Leggi >

Presentazione della 10° Edizione dell’Osservatorio Isnet sull’Impresa sociale

Il 12 Luglio a Roma, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, si è svolta la presentazione dei dati della 10° Edizione dell’Osservatorio Isnet sull’Impresa sociale, per il 2017, dal quale emerge rispetto al 2016 che le imprese hanno aumentato il proprio volume di attività dell’8,4%, e la capacità occupazionale dell’11,4%. Tuttavia il 70% non ha raggiunto significativi obiettivi di innovazione, soprattutto per mancanza di risorse.
Isnet ha pubblicato solo una sintesi dei dati della ricerca, scaricabili qui in pdf. Chi desidera ulteriori materiali può richiederli come indicato sul sito di impresasociale.net.

Lo scenario finanziario delle imprese sociali

Aiccon (Associazione Italiana per la Promozione della Cultura della Cooperazione e del Non Profit, che è un Centro Studi promosso dall’Università di Bologna e dall’Alleanza delle Cooperative Italiane) nel contesto di un progetto attivato da Legacoop Romagna ha presentato un rapporto di ricerca che si articola in due documenti. L’obiettivo è da un lato l’analisi del contesto economico finanziario per le imprese sociali a livello locale e nazionale, dando evidenza anche ad alcune buone pratiche europee; e dall’altro l’analisi delle dinamiche e degli snodi finanziari delle cooperative sociali, anche tramite l’analisi dei bilanci di un consistente campione di cooperative sociali.

Scarica il documento “Analisi del contesto economico e finanziario delle imprese sociali“.

Scarica il documento “Analisi dei gap finanziari delle cooperative sociali“.

Come stanno per essere riformate le imprese sociali?

Il Consiglio dei Ministri del 12 maggio ha approvato i decreti attuativi della legge 106/2016: il decreto sul “Codice del Terzo settore”, il decreto in materia fiscale e il decreto sull’impresa che dovranno ora essere sottoposti al parere delle Camere e delle Regioni per poi giungere intorno a inizio luglio ad approvazione definitiva. Leggi >

Il Terzo Settore verso l’applicazione della Riforma

La storia del “Terzo settore” in Italia è ricca di sviluppi operativi ma anche di equivoci e confusioni. Con la legge 106/2016 “Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale” si è messo in moto un processo di riordino che entro giugno 2017 dovrebbe portare ad un nuovo articolato quadro normativo, disegnato dai decreti delegati in corso di allestimento. A che punto siamo? Leggi >