Autore: Claudio Castegnaro

Persone con disabilità

Disabilità in movimento

Il 27 settembre Welforum promuove a Bari un nuovo seminario nazionale sulle politiche per la disabilità. Un campo di interventi dove si è fatto molto negli ultimi anni, e tuttavia oggi incerto nei suoi sviluppi. Le persone con una qualche forma di disabilità in Italia sono stimate essere almeno tre milioni e mezzo (Istat). Per la maggior parte si tratta di anziani ultra 65enni, circa l’80 per cento, mentre sono oltre 730.000 i disabili giovani e adulti. Concentriamoci su questi ultimi. Che tipo di aiuti, sostegni e assistenza ricevono? Qual è il grado di inclusione nella vita attiva, nella scuola, nel lavoro, nelle opportunità di socialità che i territori offrono? Sono domande cui è difficile dare una risposta certa e uniforme per tutto il Paese, dove le differenze territoriali marcano la stessa possibilità di accesso e fruizione dei servizi, e dove ancora tanta parte del bisogno sfugge dalle “maglie” del sistema dei servizi e finisce per autoprodursi risposte e aiuti. Vogliamo in particolare fare il punto su due, tra i tanti, temi su cui si giocano oggi fortemente le possibilità di un’inclusione attiva: quella nel mondo del lavoro, e quella di un’autonomia che possa realizzarsi nel “durante” e “dopo di noi”. Leggi >

Persone con disabilità

Ausili tecnici: potenti, necessari, sostenibili

Gli ausili tecnici sono strumenti formidabili per l’autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità. Approfondiamo questa tematica alla luce di suggestivi dati di ricerca con uno specialista della materia: l’ingegnere Renzo Andrich, già docente alla Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica di Milano, ricercatore senior presso la Fondazione Don Carlo Gnocchi, presidente della rete internazionale EASTIN (European Assistive Technology Information Network), coordinatore della rete dei Servizi Informazioni Valutazione Ausili della Fondazione Don Gnocchi e responsabile del Portale SIVA. Leggi >

Persone con disabilità

Persone con disabilità. Elezioni 2018

Il Punto di Welforum Nel corso della legislatura che si sta per concludere sono stati elaborati degli importanti provvedimenti nel campo della disabilità, attesi fortemente sia dalla componente associativa sia da parte degli operatori del settore. Alcuni risultati sono tangibili e altri sono annunciati nei prossimi mesi (derivanti, ad esempio, dall’attuazione a livello territoriale della legge 112 sul Dopo di Noi). Va evidenziata la percezione sempre più diffusa che si sia aperto, negli ultimi anni, un nuovo capitolo di consapevolezza, opportunità e co-progettazione, ispirato alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità. Occorre seguirne da vicino gli sviluppi e gli impatti. Leggi >

Persone con disabilità

Dopo di Noi: cosa hanno programmato le regioni

La normativa nazionale sul Dopo di Noi (legge 112/2016) lascia alle regioni un certo grado di autonomia e flessibilità nella realizzazione dei singoli programmi attuativi, pensati e ragionati in relazione alle peculiarità e alle esigenze dei diversi contesti regionali. Per ricostruire una prima mappa conoscitiva, abbiamo analizzato i provvedimenti di nove regioni dimostrando come siano stati previsti criteri di intervento diversi e spunti innovativi. Leggi >

Persone con disabilità

Sostenere i progetti individuali di vita: quali garanzie e criteri guida?

Un dialogo con Roberto Speziale, presidente di Anffas Nazionale e coordinatore della Consulta Disabilità e Non autosufficienza in seno al Forum Terzo Settore, soffermandoci sulle novità normative a livello nazionale e sull’attuazione di politiche innovative come la legge 112/2016 sul Dopo di Noi. Il primo spunto, focalizzando l’attenzione sul tema dei progetti individuali di vita, è cruciale in quanto parliamo di risorse finanziarie e organizzative. Leggi >

Persone con disabilità

Budget di salute: un dispositivo a sostegno del diritto a una vita autonoma

A un anno di distanza dal seminario organizzato da IRS e Welforum a Milano (ottobre 2016 – vedi anche il n. 4.3 di Prospettive Sociali e Sanitarie) riprendiamo alcune questioni allora proposte in una fase in cui molti degli auspici e delle ipotesi sembrano oggi trovare maggiore spazio, anche grazie all’introduzione della Legge 112/2016 sul Dopo di Noi e all’avvio dei lavori per l’assunzione del II Piano Biennale dell’Osservatorio Nazionale Disabilità. Leggi >

Persone con disabilità

Turismo accessibile? È tempo di muoversi

La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità richiama l’importanza di “garantire che le persone con disabilità abbiano accesso a luoghi che ospitano attività sportive, ricreative e turistiche”. Lo Stato e le Regioni, secondo le rispettive competenze, promuovono, regolano, incentivano pratiche e progetti inclusivi. Le iniziative sul territorio e a livello nazionale sono ormai moltissime. Iniziamo con questo articolo un ideale giro d’Italia. Accessibile, naturalmente. Leggi >

Persone con disabilità

Attuare la legge sul Dopo di Noi: Stato e Regioni alla prova dei fatti

La legge 112/2016 sul Dopo di Noi è in fase di implementazione. Abbiamo raccolto il commento di Giuseppe Arconzo, giurista, professore di diritto costituzionale all’Università degli Studi di Milano, titolare della cattedra di Diritti delle persone con disabilità. Le riflessioni richiamano un suo contributo pubblicato dal Corriere Giuridico (G. Arconzo, La legge n. 112 del 2016: i diritti delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, in il Corriere Giuridico, 4/2017, pagg. 515-523). Leggi >

Persone con disabilità

Barriere e disabilità in Europa

Il rapporto della Commissione Europea sullo stato di attuazione della Strategia per la disabilità 2010-2020 evidenzia una progressione in tutte le aree di intervento. L’accessibilità, riconosciuta come “precondizione” dalla Strategia, è oggetto di una proposta di nuova direttiva. Leggi >

Persone con disabilità

Home Care Premium: il nuovo bando Inps

Nell’arco temporale del progetto HCP 2017, e con un finanziamento complessivo di oltre 200 milioni di euro, si intende favorire la creazione di una rete che a fronte di una domanda della persona con disabilità assicuri, mediante un unico soggetto pubblico interlocutore, la piena e completa informazione delle opportunità e tutele che i servizi possono offrire, nei limiti dei bisogni della persona, evitando duplicazioni e sovrapposizioni di attività e di prestazioni. Leggi >

Persone con disabilità

Disabilità grave, Dopo di Noi e attuazione legge 112/2016

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con i Ministeri della Salute e dell’Economia, ha emanato il decreto che delinea i requisiti per l’accesso alle misure di assistenza, cura e protezione a carico del Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. Si tratta del passaggio attuativo previsto dalla legge 112/2016 con il quale, tra l’altro, si precisa la ripartizione alle Regioni delle risorse per l’anno 2016 pari a complessivi 90 milioni di euro. Leggi >

Persone con disabilità

Integrare gli alunni con disabilità

La presenza di alunni con disabilità spinge il complesso di attori nel mondo della scuola e dei servizi territoriali a presidiare fortemente il diritto all’inclusione dei ragazzi frequentanti ogni ordine e grado, a partire dalla scuola dell’infanzia. Lo schema di decreto legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri il 14 gennaio 2017, previsto dalla delega per una “Buona Scuola”, individua competenze articolate e garanzie. Esperti e referenti associativi stanno partecipando attivamente al miglioramento del provvedimento, presentando osservazioni e proposte ai massimi livelli istituzionali. Leggi >