Segnalazioni

Famiglia, infanzia e adolescenza

La conciliazione lavoro-famiglia ai tempi del Covid-19

La nota informativa a cura dell’Irpet mostra come la chiusura delle scuole e dei nidi d’infanzia, causata dall’emergenza sanitaria, abbia aumentato il carico di cura dei figli per i genitori. La nuova distribuzione dei compiti familiari non è ancora chiara e il documento fornisce i principali punti di vista emersi dalla letteratura. I disagi familiari derivanti dal Covid-19 hanno inoltre contribuito a riportare al centro del dibattito politico l’importanza di un investimento sistematico nei servizi di cura.

Persone con disabilità

Donne disabili che hanno subito violenza: seconda edizione della ricerca VERA

Presentati i risultati di ricerca della seconda edizione dell’indagine VERA (Violence Emergence, Recognition and Awareness), promossa dalla Fish. La rilevazione è terminata l’8 novembre scorso con la raccolta di 486 questionari completi. Sul questionario VERA sono presi in esame quattro tipi diversi di violenza: fisica, psicologica, sessuale ed economica. Lo studio riporta anche i dati relativi alla violenza assistita, ovvero gli atti di violenza verso le madri ai quali assistono i minori. Emergono i casi di doppia discriminazione: come donna la persona vive la mancanza di pari opportunità, come disabile vive la mancanza di partecipazione alla vita sociale e, dunque, un’esposizione a un rischio maggiore. Il 35,8% delle rispondenti ha evidenziato questa doppia discriminazione. L’articolo sul sito di Fondazione Serono.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Nel 2019 prosegue il calo della natalità in Italia

Il report dell’Istat Natalità e fecondità della popolazione residente, conferma, per il settimo anno consecutivo, una contrazione della natalità in Italia pari a circa 20 mila unità rispetto al 2018. Tale diminuzione coinvolge, in particolare, le coppie di nazionalità italiana, ma inizia ad interessare anche i residenti di origine straniera. Tra i risultati principali si segnala anche un calo della fecondità, attestatasi a 1,27 figli per donna, e un aumento dell’età media delle madri, ora pari a 31,3 anni.

Persone con disabilità

Superare le diseguaglianze a scuola: protocollo Miur-Forum Terzo Settore

Il 21 ottobre scorso è stato siglato il Protocollo di intesa tra Ministero dell’Istruzione e Forum Nazionale del Terzo Settore per realizzare in modo collaborativo, nell’arco di un triennio, progetti educativi nelle aree maggiormente svantaggiate da un punto di vista economico e sociale, e dove è più alto il tasso di dispersione scolastica, al fine di offrire opportunità formative ed educative a bambini e ragazzi – con un particolare riferimento all’inclusione degli alunni con disabilità – e superare le diseguaglianze nell’accesso a servizi, alle esperienze e alle opportunità.

Politiche e governo del welfare

Approvato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Il 12 gennaio il Consiglio dei Ministri ha ufficialmente approvato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (c.d. Recovery plan), che rappresenta il programma di investimenti che l’Italia deve presentare alla Commissione europea nell’ambito del Next Generation EU, lo strumento utilizzato per rispondere alla crisi sanitaria, economica e sociale provocata dal Covid-19.

Sul tema segnaliamo anche il documento elaborato dal Forum Disuguaglianze Diversità contenente valutazioni e proposte per favorire quel dialogo sociale che risulta indispensabile per garantire qualità e successo del Piano.

Famiglia, infanzia e adolescenza

La violenza sulle donne secondo l’Istat

L’Istat rende disponibile sul proprio sito un osservatorio sulla violenza di genere, finalizzato ad informare i soggetti pubblici e privati coinvolti nel contrasto al fenomeno. Lo strumento fornisce indicatori aggiornati, attraverso l’integrazione delle diverse fonti disponibili (ad es. Regioni, Centri antiviolenza, ecc.), assieme a spiegazioni delle politiche e delle strategie di prevenzione attualmente in essere, anche alla luce delle implicazioni delle convivenze forzate a causa dell’attuale emergenza sanitaria.

Persone con disabilità

Abilità e inclusione nella PA: l’esperienza in Istat

Dopo la ratifica, nel 2009, della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, sono state varate una serie di norme e direttive per promuovere i valori dell’inclusività. La figura del Responsabile dei Processi di Inserimento delle persone con disabilità (RPI) – prevista nelle Amministrazioni Pubbliche con più di 200 dipendenti – è stata inserita a febbraio 2020 all’interno dell’Istat. Il volume Includiamoci nelle Istatbilità, curato da Rita De Carli e colleghi, e pubblicato il 4 dicembre scorso, rappresenta il primo intervento del gruppo di lavoro spontaneamente attivatosi attorno alla figura del RPI, allo scopo di promuovere il processo di inclusione attraverso la sensibilizzazione e la stimolazione di una reciproca conoscenza tra colleghi, affinché le diverse abilità di ciascuno possano venire riconosciute, valorizzate e accettate come risorsa.

Terzo settore

Co-progettazione, co-programmazione e strumenti collaborativi in un anno di grandi cambiamenti

Si terrà online il prossimo 17 febbraio dalle 10.00 alle 13.00 il nuovo seminario welforum dal titolo “Co-progettazione, co-programmazione e strumenti collaborativi in un anno di grandi cambiamenti”.

Il nuovo seminario welforum è organizzato in collaborazione con Lega Coop Lazio, Istituto per la Ricerca Sociale, CSV Lazio e con la partecipazione dell’Assessorato alle Politiche sociali, welfare ed enti locali della Regione Lazio.

Verranno presentati contenuti sulle modalità collaborative tra ente pubblico e terzo settore nella gestione dei servizi: un bilancio ma anche un rilancio. Esperienze collaborative significative.

Richiesti 3 crediti formativi per assistenti sociali.

Scarica il programma – Qui il modulo di PRE-ISCRIZIONE.

Attenzione! L’effettiva iscrizione andrà successivamente formalizzata seguendo le indicazioni che verranno inviate via mail.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Il diritto di famiglia a 50 anni dal divorzio

L’articolo di Roberto Impicciatore e Raffaele Guetto, pubblicato sul portale Neodemos, ripercorre in sintesi le fasi principali dell’evoluzione del diritto matrimoniale in Italia negli ultimi 50 anni, parallelamente ad una lettura dei dati relativi all’andamento dei divorzi e delle separazioni. Dall’analisi emerge una società sempre più secolarizzata, i cui mutamenti culturali sono, ancora oggi, intercettati in ritardo dalle riforme legislative. Risulta, quindi, fondamentale rinnovare il diritto di famiglia affinché possa stare maggiormente al passo con i tempi.

Persone con disabilità

Tavolo di confronto per le persone con disabilità in Piemonte

Il 3 dicembre l’assessore alle Politiche sociali di Regione Piemonte, Chiara Caucino, ha annunciato l’istituizione di un Tavolo di lavoro e di confronto tecnico per mettere a punto interventi integrati e rispondenti alle reali necessità delle persone con disabilità. Sul territorio sono oltre 200 mila le persone con disabilità, 38 mila quelle prese in carico dai servizi sociali (fra cui 8 mila minori). Gli uffici preposti della Direzione Sanità e Welfare coordineranno la partecipazione degli altri Assessorati e delle altre Direzioni interessate a tematiche centrali come la scuola, il lavoro e i trasporti. L’Amministrazione regionale si è impegnata a confrontarsi con i rappresentanti delle associazioni.

Persone con disabilità

Inclusione sociale dei disabili: l’impegno dei Comuni italiani

La Fondazione Openpolis ha analizzato i dati Istat (2017) e quelli desunti dai bilanci consuntivi comunali (2019) relativi agli interventi per la disabilità. La variabilità su base nazionale è molto ampia, sia per quanto riguarda la spesa totale sia per quella pro capite. Liguria, Abruzzo e Sardegna dedicano alla disabilità più del 30% della spesa per interventi e servizi sociali. Dal sito web Openpolis si possono scaricare i dati disaggregati a livello comunale e regionale.

Persone con disabilità

Inclusione scolastica: dati Istat A.S. 2019/20

Il 9 dicembre l’Istat ha diffuso il Rapporto con dati sull’anno scolastico 2019/20. Aumenta ulteriormente il numero di alunni con disabilità frequentanti (13 mila più dell’anno precedente, il 3,5% degli iscritti). In crescita anche il numero di insegnanti per il sostegno, con un rapporto alunni/insegnante migliore delle previsioni di legge, ma il 37% non ha una formazione specifica. Registrate carenze di assistenti all’autonomia e alla comunicazione, in particolare in Campania e in Molise (dove il rapporto alunni/assistente supera quota 11). Situazione critica per quanto riguarda la didattica a distanza: oltre alla mancanza di postazioni informatiche in 1/4 delle scuole, nel periodo aprile-giugno la quota di alunni con disabilità che non ha partecipato alla DAD ha quasi superato il 23%.