Segnalazioni

Persone con disabilità

Il Budget di salute: dalle promesse a quale realtà?

In occasione dell’uscita dell’inserto speciale di Prospettive Sociali e Sanitarie n. 1 – Inverno 2021, Welforum.it organizza un nuovo seminario online per Giovedì 20 Maggio 2021, ore 10.00 – 12.30.

Intorno al Budget di salute è cresciuta l’attenzione e anche la narrazione. Un webinar per fare il punto sui progetti (anche di legge) in corso e sulle evidenze raggiunte. Perché tra l’auspicato e l’effettivo – con riferimento ai progetti individuali di vita – c’è uno scarto su cui vale la pena riflettere.

Saranno richiesti due crediti formativi per assistenti sociali.

È possibile iscriversi qui per ricevere il link di partecipazione. Il programma è disponibile qui.

Famiglia, infanzia e adolescenza

La Strategia europea per i diritti dei minori

Sul sito del Dipartimento per le politiche della famiglia è disponibile una sintesi della Strategia europea dedicata ai diritti dei minori per il periodo 2021-2024. Il documento è declinato nelle 6 aree tematiche: partecipazione, inclusione socio-economica, contrasto alla violenza, giustizia, digitale e dimensione globale. Le azioni principali indicate riguardano la definizione di un Sistema europeo di garanzia dei minori vulnerabili e la Piattaforma europea per la partecipazione di bambini e ragazzi.

Persone con disabilità

L’inclusione scolastica dei minori con disabilità ai tempi del Covid-19

Sono quasi 300 mila gli alunni con disabilità in Italia. Il 26,4% presenta un disturbo generalizzato dello sviluppo, come l’autismo. Bambini e ragazzi il cui percorso di inclusione è diventato più difficile nella attuale fase storica ancora caratterizzata dalla pandemia. Leggi l’articolo di Openpolis con il commento agli ultimi dati Istat. Sorprende, in particolare, la distribuzione a livello regionale delle scuole in base al numero di insegnanti di sostegno che hanno frequentato corsi specifici in materia di tecnologie educative (a.s. 2018/19).

Famiglia, infanzia e adolescenza

Rischi-benefici della riapertura delle scuole

SIR intervista l’epidemiologa Gandini sui risultati di un suo studio che dimostra che le scuole non rappresentano un rischio per nuove ondate di contagio da Covid-19. A novembre 2020 la percentuale di nuovi casi negli istituti italiani era inferiore al 2%. Diversi studi stranieri mostrano, invece, le conseguenze disastrose della chiusura sull’equilibrio psicologico e sull’apprendimento degli studenti di ogni età. La riapertura delle scuole porterebbe, quindi, più benefici che rischi di contagio.

Altre politiche

L’indice sull’uguaglianza di genere in Europa

L’indice sull’uguaglianza di genere è lo strumento, sviluppato dall’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere, che monitora le disparità tra uomo e donna in Europa. Tale indice si basa su 6 ambiti della vita quotidiana in cui le donne rischiano di trovarsi in condizioni di svantaggio rispetto agli uomini (lavoro, denaro, conoscenza, tempo, potere e salute) e consiste in un numero da 0 a 100, dove 100 corrisponde alla piena uguaglianza di genere. Nel 2020 nell’Unione europea tale punteggio è pari a 67,9 su 100. La Svezia, con un punteggio 83,8 è il paese a registrare il più alto gender equality index, seguito da Danimarca (77,4) e Francia (75,1); l’Italia ottiene un punteggio appena inferiore alla media (63,5) collocandosi a metà della classifica. Leggi l’approfondimento di Openpolis.

Famiglia, infanzia e adolescenza

I consigli di Save the Children per i genitori

Save the Children offre 6 consigli ai genitori per aiutare i figli ad affrontare la pandemia e la chiusura delle scuole. I punti principali sono: conservare gli orari della routine precedente, rendere i bambini partecipi dell’organizzazione della giornata, mantenerli attivi, evitare abitudini alimentari errate, incoraggiarli alla DAD e dedicare del tempo al gioco. L’organizzazione ha anche creato un gruppo Facebook nel quale i genitori possono interfacciarsi con una psicologa e degli operatori per ricevere supporto.

Persone con disabilità

Dpcm 21.12.2020: Riparto Fondo Dopo di Noi, annualità 2020

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 dicembre 2020 “Riparto del Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, per l’annualità 2020” è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 62 del 13 marzo 2021). Il Decreto considera il finanziamento annuale disposto dalla Legge 112/2016 (€ 78,1 milioni) e una quota aggiuntiva di risorse, specificamente destinate al rafforzamento dell’assistenza alle persone con disabilità grave e alla capacità dei servizi di rispondere alle richieste dei beneficiari della misura, legata al raggiungimento graduale di un obiettivo di servizio (€ 15 milioni). Tale quota è riferita alla previsione fissata nella Legge 17 luglio 2020, n. 77.

Professioni sociali

Storie di professioni sociali nella pandemia

È disponibile sul sito del Cnoas un libro, scaricabile gratuitamente, che raccoglie testimonianze di assistenti sociali sulla prima ondata della pandemia (marzo-giugno 2020). Il contributo, a carattere divulgativo, propone 37 storie raccontate da assistenti sociali impegnati in più ambiti operativi e in diverse realtà del territorio nazionale. La ridefinizione delle pratiche nei servizi, l’attenzione alla dimensione relazionale, i vissuti legati alle situazioni dall’elevato impatto emotivo sono solo alcune delle tematiche comuni alle rappresentazioni degli autori. Assumono particolare rilievo, in diversi contributi, le collaborazioni nel sistema sociosanitario, in cui professioni sociali e di area medica hanno condiviso un impegno comune e costante nelle relazioni con le persone.

Persone con disabilità

DL Sostegni e disabilità: le norme sul lavoro

Il Decreto Legge 41/2021 proroga per i lavoratori dipendenti in condizioni di fragilità, fino al 30 giugno 2021, l’equiparazione del periodo di assenza dal lavoro al ricovero ospedaliero, previsto dal Decreto Cura Italia. L’art. 15 garantisce inoltre ai lavoratori in possesso del riconoscimento di disabilità in condizione di gravità (art. 3 comma 3 legge 104/1992) l’intero importo erogato dall’Inps a titolo di indennità di accompagnamento. Di rilievo anche l’art. 34 con il quale si istituisce il Fondo per l’inclusione delle persone con disabilità, con una dotazione di 100 milioni di euro annui a decorrere dal 2021, da utilizzarsi secondo criteri e modalità da definirsi con un futuro decreto. Stanziati infine 20 milioni di euro per l’anno 2021 per il finanziamento di un “buono viaggio” da utilizzare per gli spostamenti in taxi o con noleggio con conducente delle persone con mobilità ridotta residenti nei comuni capoluoghi di città metropolitane o capoluoghi di provincia. Qui il comunicato Fish.

Terzo settore

Iris Network: presentato il IV Rapporto sull’impresa sociale in Italia

È stato presentato Identità, ruoli e resilienza, il IV Rapporto di Iris network sull’impresa sociale in Italia, curato da Carlo Borzaga e Marco Musella. In questa IV edizione vengono affrontate tre tematiche: le dimensioni e le caratteristiche del settore; il contributo alla crescita economica/occupazionale, al benessere dei destinatari dei servizi e alle politiche sociali; la reazione alla pandemia da Covid-19. Su quest’ultimo tema, in particolare, è stata realizzata una ricerca originale tesa a verificare le strategie di resilienza e le loro determinanti. Qui è possibile vedere il video di presentazione del Rapporto e scaricare le slide riassuntive.

Altre politiche

La povertà energetica in Italia 2020

L’Osservatorio italiano sulla povertà energetica (Oipe) ha pubblicato il secondo Rapporto, presentato a dicembre 2020, sul fenomeno della povertà energetica in Italia. Il documento contiene una stima aggiornata della quota di famiglie in povertà energetica (in crescita all’8,8% contro una media dell’ultimo decennio dell’8%) ed effettua un inquadramento nel confronto europeo (l’Italia risulta nella media UE) e nei divari regionali (che registrano nelle Regioni meridionali la maggiore incidenza). Su La Voce Ivan Faiella, Luciano Lavecchia, Raffaele Miniaci e Paola Valbonesi riflettono sugli effetti della crisi ambientale sulla vita dei più poveri e sulla necessità di intraprendere un’incisiva azione globale per contrastarla.