Segnalazioni

Persone con disabilità

Risoluzione sulla disabilità del Consiglio di Sicurezza ONU

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, esprimendosi per la prima volta in argomento, ha chiesto agli Stati Membri e alle parti direttamente coinvolte di tutelare le persone con disabilità in situazioni di guerra, in particolare da violenze e abusi, garantendo tra l’altro che abbiano accesso alla giustizia, ai servizi di base e all’assistenza umanitaria. L’articolo su Superando e il testo della Risoluzione 2475 (2019).

Famiglia, infanzia e adolescenza

L’abbandono scolastico in Italia: le differenze territoriali

I tassi di abbandono scolastico sono molto diversi da regione a regione, evidenziando una forte differenza territoriale che vede un meridione profondamente svantaggiato. Le differenze non emergono però solo tra Nord e Sud, ma divari significativi sembrano manifestarsi anche all’interno delle regioni stesse. Particolarmente significativi sono i casi della Liguria e del Piemonte. Leggi l’articolo di Openpolis per un approfondimento.

Persone con disabilità

Fondo occupazione persone disabili in Toscana 2019

Con la Delibera di Giunta n. 1046 del 5 agosto 2019 Regione Toscana finanzia il Fondo Regionale per l’occupazione delle persone con disabilità (ex lege 68/1999) per un importo complessivo di oltre 5,5 milioni di euro. La Regione ha definito le misure per la gestione e criteri di riparto del Fondo: l’Agenzia Regionale Toscana per l’Impiego (ARTI) assegnerà le risorse stanziate alle province. Qui l’articolo di Simona Lancioni e il testo della DGR 1046/2019.

Famiglia, infanzia e adolescenza

La conciliazione lavoro famiglia: un problema culturale

Paolo Riva, in un articolo per Percorsi di SecondoWelfare, prende spunto da un Rapporto di ricerca sulle imprenditrici del territorio di Varese per evidenziare l’assenza di politiche di conciliazione adeguate nel nostro Paese. Varese nello specifico si dimostra un contesto abbastanza favorevole alla conciliazione, ma la famiglia rimane sempre la prima risorsa.

Persone con disabilità

Bambini con gravissima disabilità in Lombardia: la misura B1

Il contributo di Laura Borghetto, presidente dell’associazione L’Abilità Onlus, parte da una storia di vita concreta e presenta delle riflessioni riguardo le ripercussioni sui progetti attivati con la “misura B1” a favore dei minori con gravissima disabilità, a seguito delle novità introdotte dalla DGR 1253/2019. Leggi l’articolo pubblicato su LombardiaSociale.

Persone con disabilità

Entra in vigore il nuovo Decreto sull’inclusione scolastica

Il 7 agosto è stato emanato il D.Lgs 96/2019, pubblicato il 28 agosto, entrerà in vigore dal 12 settembre 2019. Introduce importanti e attese modifiche al testo originale del D.Lgs. 66/2017. Qui la scheda di commento a cura di Salvatore Nocera e Nicola Tagliani dell’Osservatorio sull’inclusione scolastica – AIPD Nazionale.

Persone con disabilità

La nuova strategia ONU per l’inclusione della disabilità

Le Nazioni Unite saranno impegnate a diventare “employer of choice” (datore di lavoro di prima scelta) per tutte le persone con disabilità. Così si è espresso il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres in occasione della Conferenza annuale sulla Convenzione dei diritti delle persone con disabilità (CRPD). L’articolo di Tommaso Tautonico sul sito ASVIS.

Povertà e disuguaglianze

Più occupazione al sud per battere la disuguaglianza

Ciani e Torrini, in un recente articolo apparso su LaVoce, trattano il tema delle differenze territoriali nella distribuzione dei redditi. I due autori sostengono che i divari tra Centro-Nord e Mezzogiorno siano nettamente superiori a quelle di altri paesi europei, non solo a causa di redditi mediamente più bassi al Sud, ma anche per differenze di reddito più pronunciate tra poveri e ricchi all’interno dell’area meridionale. Tali ritardi sarebbero in larga misura riconducibili a differenti opportunità lavorative; per ridurle sono fondamentali politiche che aumentino il tasso di occupazione al Sud, anche a costo di abbassare le paghe orarie. Di seguito si rimanda al testo esteso, in lingua inglese, del Quaderno di Ricerca da cui è desunta l’analisi.

Istituzioni e governance

Conte bis, i ministri del neo governo giallorosso

Il 4 settembre scorso il premier Giuseppe Conte ha presentato la squadra dei ministri del neo governo giallorosso: 16 uomini e 7 donne. Nunzia Catalfo è il nuovo ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, ruolo ricoperto precedentemente da Luigi Di Maio, che passa al Ministero degli Affari Esteri. La Catalfo, esponente del M5s, è Presidente della 11ª Commissione permanente Lavoro pubblico e privato, Previdenza sociale del Senato, nonché prima firmataria della legge sul Reddito di Cittadinanza e di quella sul salario minimo. Luciana Lamorgese è invece il nuovo ministro dell’Interno, prefetto del Comune di Milano, che succede a Matteo Salvini. Elena Bonetti è ministro delle Pari Opportunità e Famiglia, Enzo Amendola degli Affari Europei, Roberto Speranza della Salute.

Leggi su LaVoce l’articolo di commento di Francesco Daveri.

Povertà e disuguaglianze

Piattaforma per la gestione dei Patti per l’Inclusione Sociale

Sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali è stata attivata una nuova sezione web dedicata agli operatori dei servizi sociali dei Comuni. Dalla sezione è possibile accedere alla Piattaforma per la gestione del Patto per l’inclusione sociale (GePI), che traduce in formato elettronico gli strumenti per la valutazione e la progettazione personalizzata dei Patti per l’inclusione sociale. La Piattaforma, accessibile tramite SPID, è stata sviluppata per rendere più efficace il lavoro degli assistenti sociali, oltre che per semplificare le procedure, rendere più agevoli i controlli e lo scambio delle informazioni, consentendo ai Comuni e agli Ambiti Territoriali un immediato accesso ai dati rilevanti. La Piattaforma consentirà anche l’alimentazione del SIUSS. Disponibile al link anche un video tutorial.

Povertà e disuguaglianze

Linee Guida per la definizione dei Patti per l’Inclusione Sociale

Con il Decreto del Ministro del 23 luglio 2019 sono state approvate le Linee Guida per la definizione dei Patti per l’inclusione sociale, sulle quali era già stata raggiunta l’intesa in Conferenza Unificata il 27 giugno 2019. Le Linee guida individuano, nell’ambito del Reddito di Cittadinanza, gli strumenti operativi per la valutazione multidimensionale dei bisogni dei beneficiari convocati dai servizi sociali dei Comuni, per la definizione dei Patti per l’inclusione sociale e per l’attivazione dei sostegni in essi previsti. Le Linee Guida, in continuità con quanto previsto per l’attivazione nell’ambito del REI, sono state messe a punto da un gruppo di lavoro costituito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali al fine di mettere a disposizione degli Ambiti Territoriali degli strumenti unitari in ottemperanza a quanto previsto dalla norma.

Povertà e disuguaglianze

Inps: Report trimestrale Reddito di Cittadinanza

L’Osservatorio statistico sul Reddito/Pensione di Cittadinanza, che periodicamente fornisce le statistiche essenziali sui nuclei familiari percettori del beneficio economico, ha pubblicato gli ultimi dati. Al 17 luglio 2019 risultano pervenute all’Inps 1,4 milioni di domande di cui 905 mila, pari al 65%, accolte ed il 7% attualmente in lavorazione. Per il 78% le domande sono trasmesse dai CAF e dai Patronati e solo per il 22% dalle Poste Italiane. Si conferma anche per questo trimestre la maggior concentrazione di beneficiari nelle regioni del Sud e nelle Isole che (61%), seguite dalle regioni del Nord, (24%), e da quelle del Centro con il 15% dei nuclei beneficiari. A guidare la classifica delle città che hanno ricevuto il maggior numero di risposte positive c’è Napoli, con 36.399 domande accolte, a seguire Roma con 32.905 e Palermo con 26.114. Milano al nord si contende il primato con Torino (16.699 contro 16.873).

Di seguito si presenta il dettaglio del numero di domande accolte per Comune.