Famiglia, infanzia e adolescenza

La genitorialità compartecipata secondo Pillon

Il DDL Pillon promuove la genitorialità compartecipata, vale a dire il superamento della figura del genitore affidatario principale. Due sono le principali misure proposte dal decreto: l’obbligo di doppio domicilio e il mantenimento in forma diretta da parte di entrambi. L’articolo di Brugiavini e Macchioni Giaquinto su LaVoce mette in luce come l’obiettivo della parità dei genitori nel caso di una separazione sia perseguito in realtà in un contesto di disuguaglianza di genere, sia sul mercato del lavoro che all’interno della famiglia ed arrivi, quindi, a nuocere ancora una volta alle donne. Il DDL Pillon sembra infatti ignorare i gravi squilibri di genere che caratterizzano la società italiana. Se si vuole promuovere la genitorialità compartecipata, occorre promuovere anche l’indipendenza di entrambi i genitori e l’uguaglianza quando la famiglia è ancora in essere.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.