Famiglia, infanzia e adolescenza

Quale smart working?

Lo smart working ha coinvolto 8 milioni di italiani durante il lockdown e tre milioni e mezzo dalla riapertura delle attività. Michele Aprea, nel suo articolo per InGenere, analizza e discute i dati della ricerca della Cgil Quando lavorare da casa è…smart?, mettendo in luce come di fatto non si sia trattato di un vero e proprio strumento di conciliazione, ma spesso sia corrisposto semplicemente a un trasferimento di mansioni dall’ufficio a casa e abbia contribuito ad aumentare le disuguaglianze di genere.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.