Migrazioni

Quando l’insicurezza percepita supera quella reale

Nei territori dove la presenza degli stranieri è maggiore i reati non aumentano, cresce però la percezione di insicurezza collettiva che si traduce nell’introduzione di politiche migratorie troppo restrittive e nell’incremento di spesa in sicurezza, sottraendo così risorse a cultura, turismo e sviluppo locale. Su LaVoce le analisi di Vincenzo Bove, Leandro Elia e Massimiliano Ferraresi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.