Emergenza Coronavirus

In questo periodo di emergenza pubblichiamo quotidianamente articoli e segnalazioni sul tema Covid-19. Gli articoli sono raccolti nel Punto di Welforum. Le segnalazioni, che quotidianamente aggiorniamo, sono distribuite su quattro percorsi di lettura:
Rassegna normativa | Dati nazionali e internazionali | Punti di vista | Prese di posizione

Segnalazioni nella sezione “Dati e ricerche”

Migrazioni

Lavoratori stranieri più svantaggiati nella fase 2

Su LaVoce Pietro Campa, Tommaso Frattini, Ferruccio Pastore, Roberto Quaranta e Claudia Villosio riflettono sul triplice svantaggio dei lavoratori migranti nella cosiddetta fase 2 della pandemia da Coronavirus. Da un lato, questi svolgono mansioni che li espongono di più al rischio di contagio e, dall’altro hanno maggiori probabilità di aumentare il rischio di cadere in povertà e di perdere il diritto al permesso di soggiorno.

Politiche e governo del welfare

Il SSN alla prova della pandemia

La pandemia di Covid-19 ha reso più evidenti gli effetti dei progressivi tagli alla sanità che si sono susseguiti in questi anni, riducendo l’efficacia del Sistema Sanitario Nazionale sul fronte ospedaliero, distrettuale e della prevenzione. Su Percorsi di Secondo Welfare Gianluca Budano e David Recchia cercano di approfondire questo fenomeno prendendo in considerazione alcuni indicatori sintetici rappresentativi.

Politiche e governo del welfare

Istat: la protezione sociale in Italia e in Europa

Il 28 aprile l’Istat ha pubblicato il report La protezione sociale in Italia e in Europa riferito all’anno 2019. L’anno scorso le Amministrazioni pubbliche hanno speso quasi 479 miliardi per sollevare le famiglie da rischi, eventi o bisogni inclusi nella protezione sociale. Oltre il 66% delle prestazioni sociali erogate nel nostro Paese riguardano la previdenza sociale, il 23% prestazioni di tipo sanitario e solo l’11% di assistenza sociale.

Migrazioni

Istat: identità e percorsi di integrazione delle seconde generazioni in Italia

I giovani figli di immigrati nel nostro Paese rappresentano un gruppo numeroso che si avvia a costituire una componente importante della popolazione adulta della società italiana. Il 16 aprile l’Istat ha pubblicato il report Identità e percorsi di integrazione delle seconde generazioni in Italia, esito di un’indagine realizzata nell’anno scolastico 2014/2015, e svolta su oltre 68 mila alunni stranieri e italiani della scuola secondaria di primo e di secondo grado. Gli intervistati hanno risposto via web a un questionario sulla propria storia familiare, sulla vita scolastica, sull’utilizzo della lingua, sull’abitazione e sul tempo libero. La rilevazione ha coinvolto anche dirigenti scolastici e insegnanti su temi quali l’accoglienza dei ragazzi stranieri a scuola, le attività a favore dell’integrazione e la formazione.

Migrazioni

Un mondo di sfollati

Il numero di sfollati interni nel mondo ha superato quota 50 milioni: costretti ad abbandonare le proprie case in fuga da guerre, conflitti e disastri ambientali, sono anche i più vulnerabili al contagio della pandemia. A lanciare l’allarme è il report annuale sugli spostamenti forzati dell’Internal Displacement Monitoring Center di Ginevra.

Leggi l’approfondimento sul sito dell’Ispi.

Politiche e governo del welfare

Istat: impatto dell’epidemia Covid-19 sulla mortalità totale della popolazione residente

Il 4 maggio l’Istat ha pubblicato il report Impatto dell’epidemia Covid-19 sulla mortalità totale della popolazione residente. Lo studio, effettuato su 6.866 Comuni, prende in considerazione il periodo che va dal primo contagio accertato (il 20 febbraio) al 31 marzo. In tale periodo i decessi passano da 65.592 a 90.946, ovvero oltre 25 mila in più. Il report ipotizza tre possibili cause a spiegazione del fenomeno: un’ulteriore mortalità associata a Covid-19, una mortalità indiretta correlata a Covid-19 e una mortalità indiretta non correlata al virus ma causata dalla crisi del sistema ospedaliero e dal timore di recarsi in ospedale nelle aree maggiormente affette. Tale dato sembrerebbe confermato anche dalla distribuzione geografica del fenomeno: il 91% dell’eccesso di mortalità si concentra infatti nelle aree a più alta diffusione dell’epidemia.

Sul tema leggi anche il commento di Sabrina Prati e Patrizio Pezzotti su Neodemos.

Anziani

Due domande sull’invecchiamento

L’età di riferimento alla quale si usa riferirsi per definire l’inizio della vecchiaia è stata ripetutamente aumentata negli ultimi decenni. Su Neodemos Vittorio Filippi riflette sulla qualità della vita degli anziani e sulle conseguenze negative del loro crescente isolamento e degli effetti che il riscaldamento globale, assai forte nelle aree urbanizzate dell’Europa e del Mediterraneo orientale, potrà avere sul loro stato di salute.

Anziani

Le trasformazioni della terza età

Su Neodemos Gianpiero Dalla Zuanna e Chiara Gargiulo hanno pubblicato una sorta di “trittico” denso di informazioni utili e aggiornate e di osservazioni anche inedite sulle trasformazioni che attraversano la terza età e le strutture familiari, anche a seguito dei processi di invecchiamento della popolazione che ci accompagneranno ancora per lunghi anni. Leggi il primo, il secondo e il terzo articolo.

Terzo settore

Finanza per l’impresa sociale

UBI Banca, con il supporto scientifico di Aiccon, presenta la nona edizione dell’Osservatorio UBI Banca su “Finanza e Terzo Settore”. Il 96% dei soggetti intervistati ha effettuato investimenti negli ultimi 3 anni e la principale fonte di copertura di tali investimenti è stato l’autofinanziamento (50,4%), seguito dalle risorse erogate dagli istituti bancari (28,8%). Il 77% circa delle imprese che hanno fatto richiesta di finanziamento alle banche nell’ultimo triennio ha ottenuto l’intero importo richiesto. Questi e molti altri dati disponibili sul sito di Aiccon.

Politiche e governo del welfare

Covid-19: Regioni a confronto

Su SaluteInternazionale Maurizio Marangolo e Marisa De Rosa, prendendo in considerazione l’andamento della tipologia dei ricoveri, effettuano un confronto tra le tre Regioni che hanno registrato la maggior incidenza del Coronavirus: Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. Dallo studio emerge come l’isolamento domiciliare con assistenza praticata dai servizi territoriali sia stato molto forte in Veneto, discretamente applicato in Emilia-Romagna, poco o nulla applicato in Lombardia. L’elaborazione dei dati relativi al Piemonte sarà oggetto di un prossimo studio.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Calano gli aborti, ma rimane stabile il ricorso ripetuto all’IVG. Perché?

Il numero di interruzioni di gravidanza volontarie diminuisce in maniera costante, ma la percentuale di recidive rimane stabile dagli anni ’90: una donna su quattro ricorre infatti all’IVG più di una volta. Valentina Tocchioni, Alessandra Minello, Marta Pasqualini nell’approfondimento di Neodemos propongono una spiegazione al fenomeno legata ai dati e libera da strumentalizzazioni.