Sezione “Esperienze”

Istituzioni e governance

Aiutanti di mestiere, la web serie dedicata agli assistenti sociali

La web serie, nata da un’intuizione di COeSO SDS Grosseto e dall’Associazione Storie di Cinema/Scuola di Cinema Grosseto, e realizzata con il patrocinio del Cnoas, narra le vicende del lavoro quotidiano di due colleghi assistenti sociali. I temi trattati nelle puntate spaziano dalla devianza giovanile alla ludopatia, dalla violenza all’allontanamento di minore, dalla disabilità all’immigrazione, dall’emarginazione degli anziani alle problematiche dell’adozione. Come si legge sul sito Aiutanti di mestiere, dove è anche possibile guardare la serie, lo scopo di questo progetto è quello di rafforzare il senso di appartenenza degli operatori alla comunità professionale e di avviare una sorta di “contradditorio” con l’opinione pubblica, in modo da rendere più vicino alle persone il mondo dei servizi sociali.

Istituzioni e governance

Seguire le Regioni? Un’opportunità in più con le loro newsletter

Il sito Regioni.it segnala la possibilità di seguire le Regioni con un semplice click, iscrivendosi alle loro newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti istituzionali, anche in tema di politiche sociali. In una prima uscita sono state segnalate le newsletter di Regione Abruzzo, Regione Emilia-Romagna, Regione Friuli Venezia Giulia, Regione Lazio e Regione Piemonte. Nella seconda uscita le esperienze della Provincia Autonoma di Bolzano, di Regione Liguria, Regione Lombardia e Regione Marche.

Migrazioni

Migradvisor: l’app che permette agli stranieri di orientarsi in Italia

Caritas Italiana ha creato Migradvisor, l’applicazione per smartphone dedicata ai migranti per orientarsi tra i servizi essenziali in Italia: dalle ambasciate alle prefetture, dagli ospedali alle ASL, dalle scuole agli uffici postali. L’app, consultabile in inglese, francese, arabo e italiano, contiene tre sezioni: servizi, situazioni di rischio e numeri di emergenza. Migradvisor mette quindi in guarda gli stranieri su possibili situazioni di rischio come abusi, sfruttamento o situazioni di irregolarità, e dedica anche una specifica sezione ai minori.

Leggi la notizia su Redattore Sociale.

Persone con disabilità

È nata l’Officina Dopo di Noi

Il Comitato “Officina Dopo di Noi” è una sorta di hub per il mondo della disabilità focalizzato sulla legge 112/2016. È stato fondato dalla senatrice Anna Maria Parente, relatrice della legge, e da un gruppo di specialisti con diverse professionalità che operano pro bono. Si propone di monitorare l’attuazione della legge da parte delle regioni e dei territori, favorire il confronto e lo scambio informativo tra istituzioni e tutti coloro che operano in questo ambito. Qui il sito internet e l’articolo pubblicato da Avvenire il 2 febbraio 2018.

Persone con disabilità

OPG: dopo la chiusura nasce l’Osservatorio sulle Rems

La campagna StopOpg, in collaborazione con Antigone, lancia la propria attività di monitoraggio sulle Rems, le residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza, e sul loro funzionamento. L’Osservatorio si propone lo studio del processo di superamento degli OPG e la conduzione di una serie di visite alle Rems, in modo da valutarne la qualità. A oggi sono 600 le persone ospitate nelle strutture, meno della metà di quelle presenti negli OPG nel 2011. A livello nazionale manca però ancora uniformità tra le diverse strutture, che dovranno essere ispirate ai principi della legge Basaglia.

Approfondisci la notizia su Redattore Sociale.

Migrazioni

Minori stranieri non accompagnati: a che punto è la Lombardia?

La legge 47/2017, conosciuta anche come legge Zampa, è la prima legge nazionale sui minori stranieri non accompagnati nel nostro Paese. Quali azioni ha messo in campo Regione Lombardia per la sua attuazione? Come si è attrezzata relativamente alla figura di tutore volontario? Quali sono le principali criticità all’interno del sistema di accoglienza lombardo? Su LombardiaSociale Elisabetta Dodi intervista Stefano Pasta del Centro di ricerca sulle relazioni interculturali dell’Università Cattolica di Milano.

Altre politiche

Carcere e dipendenze: il protocollo per favorire le misure alternative

In Italia più del 30% dei detenuti presentano dipendenze. È stato firmato dalla Federazione italiana operatori dei dipartimenti e dei servizi delle dipendenze (FeDerSerd) e dal Coordinamento nazionale magistrati di sorveglianza (Conams) il protocollo per favorire l’accesso dei detenuti tossicodipendenti alle misure di comunità a scopo terapeutico. Il documento si prefigge lo scopo di accorciare la distanza tra la magistratura di sorveglianza e i servizi per le dipendenze, con l’obiettivo di ridurre le disparità e favorire l’accesso all’affidamento terapeutico ove necessario.

Approfondisci la notizia su Redattore Sociale.

Istituzioni e governance

Premio IRS-CNOAS-PSS “Costruiamo il Welfare dei Diritti sul Territorio” – III edizione

In occasione del Convegno Croas Lombardia – Cnoas: Le politiche a sostegno dei diritti e contro la povertà, che si terrà a Milano il prossimo 13 febbraio, la rivista Prospettive Sociali e Sanitarie è lieta di annunciare la terza edizione del premio IRS – CNOAS – PSS: “Costruiamo il welfare dei Diritti sul territorio” , con l’intento di continuare a sensibilizzare gli attori del welfare affinché assumano un’ottica progettuale e strategica nella direzione di riformare il sistema, costruendo un welfare sociale “comunitario e integrato”, che investa risorse pubbliche anche attraverso forme di integrazione fra politiche sociali, sanitarie, educative, del lavoro e dell’inclusione sociale, e che stimoli la partecipazione attiva della società civile al benessere collettivo: un welfare sociale “attivo”.

Termine per la consegna dei contributi: 30 giugno 2018

Scarica il bando completo e guarda la presentazione video di Ugo De Ambrogio, vicedirettore di Prospettive Sociali e Sanitarie.

Migrazioni

I get you, la campagna che racconta l’Europa accogliente

Nel giugno 2016 è stata lanciata dal Jesuit Refugee Service la campagna I get you con l’obiettivo di mappare le 315 iniziative locali presenti in nove paesi europei e volte a facilitare l’incontro tra cittadini e rifugiati. In Italia l’indagine è stata curata dal Centro Astalli che ha analizzato 62 iniziative, prevalentemente al centro e al nord del nostro Paese. I beneficiari sono per la maggior parte richiedenti o titolari di protezione internazionale, in genere molto giovani, di età compresa tra i 19 e i 25 anni, provenienti da Mali, Nigeria, Gambia, Pakistan, Afghanistan ed Eritrea.

Leggi la notizia su Redattore Sociale.

Altre politiche

Insieme contro la violenza sulle donne

Il lavoro di rete rappresenta la via privilegiata per porre in essere azioni realmente efficaci utili a diminuire il numero di femminicidi e a ridurre gli episodi di violenza. Da tale presupposto è partita la Provincia Autonoma di Trento nel delineare un modello innovativo di presa in carico delle donne vittime di violenza con approccio interdisciplinare che ha coinvolto rappresentanti della Questura di Trento, del Commissariato del Governo, dei Carabinieri e Polizia locale, dell’Azienda provinciale per i Servizi Sanitari, della Provincia e dell’Ordine degli assistenti sociali. Leggi >

Persone con disabilità

Ci vuole un Progetto di Vita

La persona con disabilità può collaborare, partecipare e scegliere il suo percorso di vita, anche in presenza di una fragilità fisica o comportamentale. Ancora oggi, sebbene si parli di progetto di vita, ci si scontra con una parcellizzazione di interventi che rivolge l’attenzione al “qui e ora”. Chi ha in carico la persona con disabilità ha il compito fondamentale di aiutare a pensarsi in una dimensione completa, in continuo cambiamento, ponendosi obiettivi di crescita a partire dalla proprie caratteristiche, dai propri bisogni, dai propri ambienti di vita e dalle proprie risorse personali. Leggi >

Terzo settore

Fqts, parte la decima edizione: ecco le linee formative

Il Forum del Terzo settore ha presentato le linee formative della decima edizione di Fqts, il progetto di formazione dei dirigenti del Terzo settore del Sud Italia; la prima è centrata sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) dell’Agenda 2030 dell’ONU; la seconda sugli strumenti della finanza per il Terzo settore; l’ultima rivolta agli esperti di “emersione delle competenze”. Per ciascuna di queste linee sono previsti 100 partecipanti, individuati dai Forum Terzo Settore e CSV regionali tra i dirigenti delle reti.