Segnalazioni nella sezione “Normativa regionale”

Persone con disabilità

Istituito un Tavolo politico per la disabilità in Emilia-Romagna

Con Delibera della Giunta n. 1215 del 21 settembre 2020 la Regione Emilia-Romagna si impegna a costituire un Tavolo politico di coordinamento sugli interventi a favore delle persone con disabilità con i seguenti compiti: “i) approfondire tematiche specifiche in merito alla programmazione ed organizzazione delle politiche regionali che hanno impatto sulla qualità della vita delle persone con disabilità; ii) promuovere il coordinamento delle politiche per le persone con disabilità nei diversi ambiti di intervento regionale (in particolare casa, scuola, formazione, lavoro, mobilità, sanità e servizi sociali) anche attivando una valutazione congiunta delle politiche regionali integrate e delle linee di indirizzo per le politiche future, nello spirito della Convenzione internazionale e di un superamento della settorialità delle politiche”.

Politiche e governo del welfare

Covid-19, la fase 2 senza il territorio

Su Salute Internazionale Alessandro Bussotti e Gavino Maciocco criticano decisamente una recente delibera (897/2020) dell’ASL Toscana Centro, che intende rivoluzionare l’assetto dei servizi territoriali al fine di meglio affrontare la fase 2 dell’emergenza Covid-19. La filosofia di base può essere riassunta come segue: “Bisogna ottenere una presenza efficace della specialistica ospedaliera sul territorio e questo si deve realizzare con equipe medico infermieristiche che, a partenza dall’ospedale, si proiettano sul territorio ad intercettare i malati e curare efficacemente sul posto”. Una filosofia ospedalocentrica che contraddice quella del rafforzamento dei servizi territoriali.

Terzo settore

Normative Covid-19: le misure che riguardano il Terzo settore

Proseguono sul sito del Forum Nazionale del Terzo settore gli aggiornamenti sulle norme connesse alla gestione dell’emergenza Covid-19 che riguardano il Terzo settore. A questa pagina è possibile trovare gli aggiornamenti nazionali (tra cui il DL Rilancio del 14 agosto e il protocollo di intesa per la ripresa dei servizi educativi e delle scuole di infanzia del 25 agosto); a questa pagina sono invece raccolti i provvedimenti regionali. Si segnala inoltre anche questo schema riassuntivo aggiornato al 20 luglio sulle misure che riguardano il Terzo settore contenute del DL 18, DL 23 e DL 34 del 2020.

 

Persone con disabilità

Dopo di Noi: il programma operativo biennale in Lombardia

Con la DGR n. 3404 del 20 luglio 2020 la Giunta regionale lombarda ha approvato il “Programma operativo regionale” per il biennio 2018/2019 per la realizzazione degli interventi previsti dalla legge 112/2016, nota anche come legge per il Dopo di noi. Il Programma prevede uno stanziamento complessivo di oltre 18 milioni di euro per la realizzazione di interventi di carattere infrastrutturale e gestionale a favore di persone con disabilità di età compresa tra i 18 e i 64 anni. Cardine del Programma è il Progetto individuale di vita di cui all’articolo 14 della legge 328/2000. Il comunicato di Ledha e l’allegato A della Deliberazione.

Persone con disabilità

Regione Puglia: LR 15/2020, Interventi per l’autonomia, la vita indipendente e la qualità della vita delle persone con disabilità

La Regione Puglia riconosce come fondamentale e strategico per il benessere e il miglioramento della vita della persona con disabilità permanente il diritto alla vita indipendente, inteso come diritto all’autodeterminazione nella gestione della propria esistenza in tutte le sue espressioni.
A tal fine, la Regione promuove e sostiene progetti personalizzati di vita indipendente che si inseriscono nel progetto globale di vita, che accompagna la persona con disabilità nel processo di inclusione nei vari contesti: familiare, scolastico, formativo, lavorativo, ricreativo e sociale.
 

Legge regionale 7 luglio 2020, n. 15

Politiche e governo del welfare

La ripartenza delle attività sociosanitarie in Lombardia

L’articolo di Marco Noli pubblicato su Lombardia Sociale analizza la Delibera regionale n. 3226 del 9 giugno 2020 Atto d’indirizzo in ambito sociosanitario successivo alla “Fase 1” dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, che fornisce indicazioni per il ripristino delle attività sociosanitarie nella massima sicurezza per gli utenti e gli operatori, e definisce il ruolo delle ATS e degli Enti gestori nella cosiddetta “Fase 2”. Le indicazioni attengono sia alla prevenzione dell’epidemia sia al tempestivo riconoscimento di casi sospetti e alla conseguente attivazione degli interventi di contenimento del contagio.

Terzo settore

Forum del Terzo settore: il punto sui provvedimenti su Covid-19

Continua il monitoraggio da parte del Forum del Terzo settore dei provvedimenti di contrasto al Covid-19. Sul sito è presente una pagina dedicata ai provvedimenti nazionali e una dedicata ai provvedimenti regionali, aggiornata con la collaborazione dei Forum regionali. In entrambe le pagine sono evidenziati gli ultimi aggiornamenti inseriti.

Persone con disabilità

Fase 2: ripartenza nei servizi a partire dai Piani territoriali

Secondo quanto previsto dall’articolo 8 del Dpcm del 26 aprile 2020, le Regioni stanno progressivamente elaborando dei Piani territoriali, ovvero Protocolli operativi, per la riapertura dei servizi semiresidenziali per le persone con disabilità. Qui i recenti provvedimenti emanati dalla Lombardia (DGR 3183/2020) e dalla Toscana (DGR 571/2020).

Persone con disabilità

Ripartenza nei servizi, avvio del Gruppo di lavoro in Lombardia

Sarà attivato in Lombardia un Gruppo di Lavoro regionale per studiare le modalità con le quali far ripartire i servizi per le persone con disabilità tramite un Piano territoriale, come previsto dall’articolo 8 del Dpcm 26 aprile 2020, puntando a una diversa strutturazione degli interventi. Qui il comunicato di Ledha.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Lazio: DGR 191/2020, Rimodulazione spese per servizi di educazione e istruzione sino a sei anni per l’emergenza Covid-19

Modifica della Deliberazione della Giunta Regionale 5 febbraio 2019, n. 56: “Decreto legislativo 13 aprile 2017, n.65. Destinazione delle risorse per l’annualità 2018 del fondo nazionale per il sistema integrato dei servizi di educazione e istruzione dalla nascita sino a sei anni ai Comuni del Lazio”.

In relazione all’emergenza sanitaria, la somma di euro 6.000.000 già destinata alla riduzione delle rette a carico delle famiglie, viene riorientata per i mesi fino a febbraio 2020 compreso al sostegno delle spese di gestione degli asili nido comunali e di quelli convenzionati che abbiano sottoscritto accordi per i mesi compresi tra marzo 2020 e luglio 2020; viene inoltre consentito alle amministrazioni comunali di procedere alla modifica delle azioni originariamente previste.

 

DGR 16 aprile 2020, n. 191

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Lazio: DGR 190/2020, Misure di sostegno ai gestori di asili nido privati accreditati per l’emergenza Covid-19

Viene ritenuto necessario, supportare con un contributo straordinario i nidi privati accreditati, affinché alla ripresa dell’anno educativo le famiglie possano usufruire del medesimo servizio e vengano scongiurate le conseguenti ricadute negative a livello occupazionale.

Viene destinata la somma complessiva di euro 3.000.000,00 a sostegno delle imprese che gestiscono asili nido privati accreditati a decorrere dal mese di marzo 2020 fino alla ripresa delle attività educative, e comunque non oltre il mese di luglio 2020.

 

DGR 16 aprile 2020, n. 190

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Emilia-Romagna: DGR 335/2020, Risorse ai Comuni per il sistema integrato dei servizi educativi per la prima infanzia

Adozione di misure straordinarie per l’anno 2020, in relazione all’Obiettivo 1, “Consolidare e qualificare il sistema integrato dei servizi educativi per la prima infanzia”, della LR 19/2016, viene approvato il riparto di complessivi € 12.250.000,00 da assegnare ai Comuni e loro forme associative per il consolidamento dei servizi educativi per bambini iscritti/frequentanti i servizi educativi appartenenti, nonché dei bambini con disabilità certificata o in fase di certificazione.

 

DGR 14 aprile 2020, n. 335