Emergenza Coronavirus

In questo periodo di emergenza pubblichiamo quotidianamente articoli e segnalazioni sul tema Covid-19. Gli articoli sono raccolti nel Punto di Welforum. Le segnalazioni, che quotidianamente aggiorniamo, sono distribuite su quattro percorsi di lettura:
Rassegna normativa | Dati nazionali e internazionali | Punti di vista | Prese di posizione

Segnalazioni nella sezione “Punti di vista”

Povertà e disuguaglianze

La proposta di un Reddito di Emergenza contro la crisi: un bilancio

Il 30 marzo scorso Forum Disuguaglianze Diversità e ASviS, insieme a Cristiano Gori, avevano presentato la proposta del Reddito di Emergenza rivolto a chiunque si trovasse in grave difficoltà economica dopo la diffusione del Covid-19 e non fosse tutelato da altre misure di sostegno al reddito. Il REM è stato in effetti inserito nel Decreto Rilancio, ma vi sono alcune preoccupazioni circa la capacità della nuova misura, così come è stata introdotta, di riuscire effettivamente a sostenere la popolazione economicamente più fragile. La nota pubblicata il 3 giugno mette a confronto il REM entrato in vigore con la proposta originaria.

Politiche e governo del welfare

La Lombardia ha controllato l’epidemia meno del Veneto?

Su ScienzaInRete Cesare Cislaghi analizza i dati comunicati dalla Protezione Civile, a partire dal 24 febbraio, e in particolare quelli relativi ai nuovi casi di pazienti risultati positivi al test molecolare eseguito mediante tampone, mettendo a confronto due delle Regioni più colpite dall’emergenza Coronavirus: la Lombardia e il Veneto. L’autore, facendo riferimento ai dati ufficiali, sottolinea come, analizzandone gli effetti, le politiche di contenimento venete non appaiono migliori di quelle lombarde. L’articolo ripercorre tutte le tappe della diffusione del virus, dall’inizio dell’epidemia all’iniziale sottostima della diffusione del contagio, dalla diffusione del contagio nei primi giorni di marzo all’analisi delle dinamiche nelle due Regioni prese in considerazione.

Persone con disabilità

Linee di indirizzo Anffas per la ripresa graduale di attività, centri e servizi

Le “Linee di indirizzo per la ripresa graduale di attività, servizi e centri a carattere sanitario, sociosanitario e sociale per le persone con disabilità” sono un documento analitico redatto dal Gruppo Unità di Crisi Anffas su Covid-19. Scarica qui la versione del 28 aprile 2020.

Professioni sociali

Accoglienza, sicurezza e protezione per ripensare i servizi alla persona

Webinar gratuito – 25 maggio 2020 dalle 10.00 alle 12.00

Iscrizione gratuita fino ad esaurimento posti

 

Siamo effettivamente capaci di utilizzare i Dispositivi di Protezione Individuale in modo corretto? È possibile pensare a nuove modalità di accesso ai servizi? In che modo possiamo gestire al meglio la relazione d’aiuto garantendo protezione e sicurezza? La Scuola Irs per il Sociale organizzaun webinar con la collaborazione di EMERGENCY per fornire risposte ad alcune domande urgenti e capire in che direzione andare.

Politiche e governo del welfare

Forum DD: durante e dopo la crisi per un mondo diverso

Forum Disuguaglianze Diversità ha recentemente pubblicato un’interessante position paper dal titolo Durante e dopo la crisi per un mondo diverso. Il documento, riflettendo su perché, cosa, come e con chi realizzare un futuro di giustizia sociale e ambientale battendo le disuguaglianze pre-Covid-19, prefigura tre possibili scenari prodotti dalla crisi. La prima opzione ha a che fare con la ripresa della strada mediante la correzione delle “imperfezioni”, la seconda con l’accelerazione della dinamica autoritaria, la terza con il cambiamento di rotta verso un futuro di emancipazione sociale. Affinché l’ultimo scenario si possa realizzare servono però tre requisiti: una visione del futuro che parli ai sentimenti, proposte operative con obiettivi verificabili, una mobilitazione organizzata.

Migrazioni

Covid-19: sì ad un permesso per chi lavora e cerca lavoro in Italia

“Sapere chi c’è in Italia e includerlo nei percorsi sanitari di prevenzione, diagnosi e cura è oggi indispensabile per la salute di tutti”. Questo l’assunto alla base della proposta pubblicata sul sito di Asgi in merito alla necessità di regolarizzazione delle persone straniere in Italia in seguito all’emergenza sanitaria. La proposta consiste nel rilasciare un permesso di soggiorno per la ricerca di occupazione oppure un permesso di soggiorno per lavoro ai cittadini stranieri che dimostrino la presenza in Italia alla data del 29 febbraio 2020.

Politiche e governo del welfare

Le proposte di ASviS per rilanciare il Paese in linea con l’Agenda 2030

Il 5 maggio ASviS ha pubblicato il rapporto Politiche per fronteggiare la crisi da Covid-19 e realizzare l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile con l’obiettivo di valutare l’effetto della crisi sulle diverse dimensioni dello sviluppo sostenibile. Il documento propone una serie di azioni ritenute necessarie e urgenti per stimolare la ripresa in un’ottica di sviluppo sostenibile. Tra i temi di interesse per welforum.it segnaliamo in particolare le azioni connesse al Goal 1 “Sconfiggere la povertà”, al Goal 2 “Sconfiggere la fame” e al Goal 3 “Salute e benessere”. Rispetto alla necessità di porre fine alla povertà, oltre a promuovere sostegno della liquidità delle imprese e missioni strategiche pubbliche, ASviS sottolinea l’importanza di garantire sostegno immediato del reddito delle persone e delle famiglie. Tale esigenza si esplicita nella proposta di introdurre due misure temporanee ed eccezionali (si veda a tal proposito anche l’articolo di Cristiano Gori pubblicato su welforum.it): il Sostegno di emergenza per il lavoro autonomo (SEA) e il Reddito di Cittadinanza per l’Emergenza (REM).

Famiglia, infanzia e adolescenza

L’estate a scuola?

Il deficit di apprendimento rischia di essere critico per almeno un terzo degli studenti. Guardando l’impatto che di solito hanno le vacanze estive si può presumere che gli studenti, soprattutto coloro che vivono in contesti svantaggiati, rientrino in classe avendo perso metà, se non più, delle competenze apprese prima del lockdown. Per limitare i danni, Fabrizio Zillibotti, nel suo articolo per LaVoce propone di utilizzare i mesi estive per colmare le lacune formative.