Segnalazioni con tag “Alleanza contro la povertà”

Povertà e disuguaglianze

Correttivi al Reddito di Cittadinanza

Roberto Rossini, portavoce dell’Alleanza contro la Povertà, interviene su Vita per sottolineare la necessità di correttivi al Reddito di Cittadinanza. Le criticità della misura attengono, dice Rossini, non solo alla componente di attivazione, ma anche alla componente passiva che va rimodulata per renderla più equa, ad esempio con riferimento alla scala di equivalenza ed all’importo del contributo molto generoso in generale, ma penalizzante alcune tipologie familiari specifiche. Auspicato un confronto tra la politica, le istituzioni competenti, le parti sociali, la società civile per procedere ad una revisione del provvedimento.

Povertà e disuguaglianze

La posizione dell’Alleanza contro la Povertà sul Reddito di Cittadinanza

L’Alleanza contro la Povertà torna ad esprimersi sul Reddito di Cittadinanza, avanzando vari dubbi e perplessità sui contenuti del Decreto Legge recentemente approvato.

“Risorse maggiori o risposte peggiori per i poveri nel nostro Paese? Il Reddito di Cittadinanza (RdC) – dichiara l’Alleanza – contiene entrambe le cose. In un’unica mossa, infatti, si stabilisce un ampio stanziamento a favore dei poveri ma si peggiorano gli interventi disponibili oggi e quelli che si potranno costruire domani.” Le maggiori preoccupazioni riguardano l’eccessiva enfasi lavoristica, a cui peraltro sembra corrispondere una condizionalità, più formale che sostanziale, la marginalizzazione delle famiglie con minori e degli stranieri, le tempistiche strettissime per l’implementazione della misura. L’auspicio dell’Alleanza è che nelle prossime settimane, in preparazione della conversione del Decreto in Legge, si possa avviare un proficuo confronto con il Governo e con il Parlamento per il miglioramento dei contenuti della norma, nell’esclusivo interesse delle persone e delle famiglie che vivono in povertà in Italia.

Povertà e disuguaglianze

L’Alleanza contro la povertà si esprime sulla proposta del Governo di “reddito di cittadinanza”

L’Alleanza contro la povertà ha presentato il 4 dicembre a Roma un documento di posizionamento sulla proposta del Governo di “reddito di cittadinanza”, dal titolo “Non perdiamo questa occasione” in cui si esprimono i dubbi dell’Alleanza contro la Povertà su questo provvedimento.

«Il vero cambiamento – dichiara l’Alleanza contro la povertà – non consiste nello smontare ciò che è stato realizzato dai governi precedenti bensì nell’arrivare dove questi non sono giunti. L’Alleanza propone di partire dal REI e senza stravolgere l’impianto complessivo di migliorarlo ed estenderlo sino a fornire le risposte necessarie a chiunque si trovi in povertà assoluta».

Povertà e disuguaglianze

Alleanza: una risposta a tutti i poveri, a ogni povero la giusta risposta

In vista delle elezioni del 4 marzo, l’Alleanza contro la povertà elenca i punti su cui le forze politiche che si candidano al governo del Paese dovrebbero porre la propria attenzione. L’introduzione del REI ha rappresentato un risultato storico per l’Italia, si tratta però di un cammino ancora lungo. Come fare? L’Alleanza si focalizza su tre aspetti: estendere la copertura del REI e incrementare il contributo economico, riconoscere l’importanza dell’attuazione, e fare del REI il punto di partenza di una stagione di rinnovamento del welfare.

Povertà e disuguaglianze

Bene Comune: un Reddito d’inclusione per contrastare la povertà

Il n. 12/2017 di Bene Comune presenta una carrellata di contributi sul REI, sui principali punti di attenzione e sulle potenzialità attuative. In particolare si segnala quello di Maurizio Ferrera che sottolinea come la lotta alla povertà vada condotta su più fronti: lavoro e welfare innanzitutto, e poi istruzione, formazione, conciliazione, servizi per le famiglie, incentivi alla creazione di nuovi mercati.

Povertà e disuguaglianze

Le proposte dell’Alleanza per un Piano Nazionale contro la povertà 2018-2020

Il 6 settembre, l’Alleanza contro la Povertà ha proposto alla Camera dei Deputati un Piano Nazionale 2018-2020, per proseguire e completare il percorso iniziato con l’introduzione del REI. Per ampliare la platea di beneficiari della misura fino alla soglia della povertà assoluta e per rendere più efficace la misura sui territori servono altri 5 miliardi oltre ai 2 già impegnati.  Solo così si potrà dare una risposta veramente universalistica ed efficace a tutti gli indigenti. Ecco che quindi la nuova Legge di Bilancio rappresenterà un passaggio decisivo per la lotta alla povertà nel nostro Paese.

Scarica il Pdf del documento presentato.

Povertà e disuguaglianze

Audizioni in corso sullo schema di decreto legislativo per l’introduzione del REI

Lo scorso 20 luglio il Parlamento ha avviato l’esame dello Schema di decreto legislativo, approvato in via preliminare dal Governo lo scorso 9 giugno, recante disposizioni per l’introduzione del nuovo REI (esame Atto n. 430 ). La Commissione Lavoro (XI) e la Commissione Affari Sociali (XII), chiamate a relazionare in merito, stanno svolgendo in questi giorni le audizioni sentendo il parere di esperti e testimoni privilegiati. Tra gli altri Boeri dell’Inps, alcuni rappresentanti dell’Alleanza contro la povertà e Monducci dell’Istat, di cui si allegano le note relative. Termine ultimo fissato per l’esame dello schema di decreto attuativo l’11 agosto, ma l’iter potrebbe anche chiudersi prima.

Scarica qui:

Povertà e disuguaglianze

Reddito di inclusione, Gori: “Il decreto è primo passo. No a una riforma a metà”

In occasione della recente approvazione preliminare del decreto attuativo del Reddito di Inclusione, Cristiano Gori ribadisce su Redattore Sociale l’importanza del provvedimento, sottolineando tuttavia la necessità di un Piano Pluriennale che consenta un’estensione progressiva della misura, sia in termini di risorse che di benefici raggiunti. “Il decreto legislativo sul Reddito di Inclusione disegna una buona macchina, ma per ora bisogna mettere più benzina in questa macchina”.

Scarica qui l’articolo pubblicato su Redattore Sociale, riservato agli abbonati.

Leggi l’intervista a Cristiano Gori a cura di Daniela Mesini, pubblicata su Welforum.it

Povertà e disuguaglianze

Sostegno per l’Inclusione Attiva: la ricerca dell’Alleanza contro la povertà

Liliana Leone, direttrice del CEVAS (Consulenza e Valutazione nel Sociale) e nota esperta di valutazione di politiche e programmi, spiega gli obiettivi ed i contenuti del monitoraggio del SIA da parte dell’Allenza. Il processo di implementazione della misura e l’analisi delle modalità di gestione dei progetti di inserimento sono i principali focus della ricerca, che potrà fornire utili conoscenze per meglio orientare la messa a regime del nuovo REI.

Leggi l’articolo su Percorsi di SecondoWelfare.

Povertà e disuguaglianze

Reddito d’inclusione: firmato il Memorandum tra Governo ed Alleanza contro la Povertà

Il Memorandum definisce precisi impegni circa il profilo degli interventi da realizzare in attuazione della Legge delega per il contrasto alla povertà.
In particolare sono sette i punti di intesa raggiunti. Tra i più significativi:
– il superamento dell’utilizzo esclusivo dell’ISEE del richiedente quale soglia di accesso;
– un importo del beneficio differenziato in base al reddito;
– il finanziamento strutturale dei servizi per l’inclusione.

Vai al collegamento esterno per leggere la notizia su Regioni.it