Emergenza Coronavirus

In questo periodo di emergenza pubblichiamo quotidianamente articoli e segnalazioni sul tema Covid-19. Gli articoli sono raccolti nel Punto di Welforum. Le segnalazioni, che quotidianamente aggiorniamo, sono distribuite su quattro percorsi di lettura:
Rassegna normativa | Dati nazionali e internazionali | Punti di vista | Prese di posizione

Segnalazioni con tag “inclusione attiva”

Povertà e disuguaglianze

DD 18.05.2020: Proroga Avviso 1/2019-PaIS

Dopo il Decreto Direttoriale n. 79 del 14.04.2020 con cui era stato posticipato al 31 maggio il termine per la presentazione dei progetti sull’Avviso 1/2019-PaIS, con un livello di spesa approvata uguale o superiore al 50% rispetto all’Avviso 3/2016, il Decreto Direttoriale n. 124 del 18.05.2020 posticipa ulteriormente le scadenze. Tenuto conto dei ritardi e dei rallentamenti dovuti all’emergenza in corso, la presentazione di tutti i progetti, indipendentemente dalla percentuale di spesa approvata sul precedente Avviso, sono posticipati al 30.09.2020. Di seguito i Decreti che presentano gli elenchi dei 36 progetti già approvati sull’Avviso 1/2019-PaIS:

Povertà e disuguaglianze

Nuovo Manuale per i beneficiari del PON Inclusione

È stato pubblicato il nuovo manuale per la gestione e rendicontazione degli interventi finanziati tramite il PON Inclusione. Esso si pone l’obiettivo di fornire ai beneficiari dei progetti ammessi a finanziamento nell’ambito del PON Inclusione FSE 2014-2020 una guida operativa in relazione agli obblighi a loro carico. Di particolare rilievo: le operazioni ed i costi ammissibili a finanziamento; le modalità di rendicontazione delle attività; la nota metodologica per l’individuazione delle unità di costo standard; la costruzione del fascicolo di progetto ai fini della corretta archiviazione della documentazione; l’ambito di utilizzo del Sistema Informativo Sigma; gli adempimenti in materia di informazione e pubblicità, ulteriormente sviluppati nelle Linee guida per le azioni di comunicazione.

Povertà e disuguaglianze

Nota Ministeriale 14.04.2020: Indicazioni relative alla rendicontazione e gestione delle operazioni sul PON

La Nota n. 3013 del 14.04.2020 amplia le tipologie di spesa ammissibili e servizi attivabili con riferimento al periodo 1° febbraio-31 luglio, a valere sia sull’Avviso 3 che sull’Avviso 1/PaIS:

  • rafforzamento del personale (in lavoro agile ed in presenza) per fronteggiare l’emergenza (sia di ente pubblico che in house a cui è stata delegata la gestione dei servizi)
  • potenziamento dell’offerta di servizi a distanza (acquisto di deviceper gli operatori e da mettere a disposizione degli utenti; ore di formazione)
  • tutela della salute (sanificazione degli ambienti, acquisto e distribuzione di DPI)
  • copertura dell’indennità da tirocinio ove sospese in seguito all’emergenza

La modifica della convenzione in considerazione delle nuove spese potrà avvenire anche in un momento successivo e comunque precedente alla rendicontazione delle spese. La platea di riferimento potrà essere ampliata e corrispondere al target previsto dalle amministrazioni per gli interventi di solidarietà alimentare.

Povertà e disuguaglianze

DD 14.04.2020: Proroga Avviso 3/2016

In considerazione dei gravi ritardi nell’attuazione delle operazioni a valere sul PON Inclusione in considerazione della grave emergenza epidemiologica in corso, il Decreto Direttoriale n. 78 del 14.04.2020 posticipa al 30.6.2021 il termine per la chiusura dei progetti a valere sull’Avviso 3/2016, già precedentemente prorogati al 31.12.2020 con il Decreto direttoriale n. 65 del 19.03.2020. Le spese relative alle attività concluse al 30 giugno 2021 dovranno essere pagate e quietanzate entro e non oltre i sessanta giorni successivi a tale data.

Povertà e disuguaglianze

Regione Piemonte: DGR 142/2019, Atto di indirizzo regionale sul Reddito di Cittadinanza

A seguito delle disposizioni indicate dalla l. 26/19, la Regione approva l’Atto di indirizzo “Reddito di cittadinanza. Piano regionale per l’attivazione e la gestione della misura”, quale primo atto di indirizzo generale a livello sperimentale per la gestione a livello regionale delle fasi di accoglienza e presa in carico dei beneficiari della misura, a cui seguiranno successivi protocolli operativi con gli enti interessati la definizione delle modalità organizzative e procedurali necessarie.

 

DGR 16 maggio 2019, n. 142-9049

Povertà e disuguaglianze

Decreto Legge di introduzione del Reddito di Cittadinanza e di Quota 100

È stato pubblicato il 28 gennaio in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge n. 4 contenente le disposizioni urgenti relative all’introduzione del Reddito di Cittadinanza e agli interventi in materia pensionistica. Immediata la sua entrata in vigore. Sappiamo tuttavia che si tratta di effetti provvisori della norma in quanto il decreto legge può diventare definitivamente applicativo solo una volta approvata la sua conversione in Legge da parte del Parlamento. Le Camere hanno dunque 60 giorni di tempo dalla sua pubblicazione per svolgere un esame attento del testo e per intervenire con eventuali modifiche.

Scarica qui le slide di presentazione del provvedimento.

Povertà e disuguaglianze

La posizione dell’Alleanza contro la Povertà sul Reddito di Cittadinanza

L’Alleanza contro la Povertà torna ad esprimersi sul Reddito di Cittadinanza, avanzando vari dubbi e perplessità sui contenuti del Decreto Legge recentemente approvato.

“Risorse maggiori o risposte peggiori per i poveri nel nostro Paese? Il Reddito di Cittadinanza (RdC) – dichiara l’Alleanza – contiene entrambe le cose. In un’unica mossa, infatti, si stabilisce un ampio stanziamento a favore dei poveri ma si peggiorano gli interventi disponibili oggi e quelli che si potranno costruire domani.” Le maggiori preoccupazioni riguardano l’eccessiva enfasi lavoristica, a cui peraltro sembra corrispondere una condizionalità, più formale che sostanziale, la marginalizzazione delle famiglie con minori e degli stranieri, le tempistiche strettissime per l’implementazione della misura. L’auspicio dell’Alleanza è che nelle prossime settimane, in preparazione della conversione del Decreto in Legge, si possa avviare un proficuo confronto con il Governo e con il Parlamento per il miglioramento dei contenuti della norma, nell’esclusivo interesse delle persone e delle famiglie che vivono in povertà in Italia.

Povertà e disuguaglianze

Bozza di Decreto Legge di introduzione del Reddito di Cittadinanza

È attualmente in circolazione la bozza di Decreto Legge contenete le disposizioni relative all’introduzione del Reddito di Cittadinanza e agli interventi in materia pensionistica. Data la rilevanza e l’attualità del tema  pubblichiamo il testo, pur nella consapevolezza che nei prossimi giorni potrà subire modifiche anche significative. Dovrebbe partire dal 1° aprile la nuova misura che assorbirà progressivamente l’attuale Reddito di Inclusione e sarà erogata per un periodo di 18 mesi, eventualmente rinnovabili. Contributo economico abbastanza generoso, seppur diversificato tra proprietari di casa e nuclei in affitto. Molto prescrittiva la condizionalità prevista in caso di mancato rispetto degli impegni di attivazione e ammessi alla misura solo cittadini (italiani e stranieri lungo soggiornanti) con almeno 10 anni di residenza continuativa al momento della presentazione della domanda.

Povertà e disuguaglianze

Il lavoro non ferma la povertà

Massimo Baldini e Giovanni Gallo su LaVoce tornano sul tema lavoro, perno del Reddito di Cittadinanza. Il lavoro è senza dubbio la via d’uscita principale dalla povertà, ma secondo i dati analizzati nell’articolo, in molte famiglie povere il lavoro è già presente, seppur in misura non sufficiente; mentre per altre, con componenti in età lavorativa ma non facilmente occupabili, aumentare il numero di occupati potrebbe non essere facile come si crede. Per le famiglie con membri “occupabili”, d’altra parte, il problema numero uno è la scarsa domanda di lavoro da parte delle imprese, in particolare nel Meridione.

Si veda a tal proposito anche l’articolo di Daniela Mesini ed Isabella Medicina pubblicato su questo sito, e il libro di Chiara Saraceno “Il lavoro non basta” edito da Feltrinelli.

 

Povertà e disuguaglianze

Regione Veneto: DGR 1547/2018, Reddito di Inclusione Attiva, prosecuzione

Con questa delibera la Regione Veneto dispone la prosecuzione del finanziamento delle progettualità volte all’inclusione e al reinserimento sociale e/o lavorativo delle fasce deboli nell’ambito del Reddito di Inclusione Attiva (R.I.A.), e la sperimentazione relativa all’estensione del R.I.A. ai nuovi Comuni aderenti.
Veneto_DGR_1547_2018

Persone con disabilità

Regione Piemonte: DGR 7181/2018, Percorsi di attivazione sociale sostenibile, aggiornamento

Per semplificare alcune procedure attuative per l’approvazione di percorsi di attivazione sociale sostenibile (P.A.S.S.) a supporto delle fasce deboli e rendere più funzionale la gestione dei percorsi stessi, viene sostituito integralmente il precedente allegato A alla DGR. 2521/2015.
Piemonte_DGR_7181_2018
Piemonte_DGR_7181_2018 _all.

Povertà e disuguaglianze

Pubblicate le Linee Guida per l’attuazione del REI

Il MLPS ha pubblicato le Linee Guida sul Reddito di Inclusione, che riepilogano le disposizioni normative e gli indirizzi attuativi della misura di contrasto alla povertà prevista dal Decreto legislativo n. 147/2017. In particolare, le Linee Guida forniscono informazioni e chiarimenti sulle funzioni dei Comuni e degli Ambiti territoriali per l’attuazione della misura, sul passaggio dal SIA al REI, sulla decorrenza e le modalità di calcolo del beneficio economico, sul progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, e sulla condizionalità prevista in caso di non rispetto degli impegni previsti.