Tag “minori”

Istituzioni e governance

Elezioni 2018. Le politiche sociali fra bilanci e prospettive

Il 24 e 25 febbraio 2013 si sono svolte le ultime elezioni legislative. Il 28 aprile dello stesso anno ottiene la fiducia del Parlamento il primo Governo della XVII legislatura, con Enrico Letta Presidente del Consiglio e Elio Giovannini Ministro del lavoro e delle politiche sociali. Dopo meno di un anno il primo avvicendamento: il 22 febbraio del 2014 Matteo Renzi, qualche mese dopo aver vinto il congresso del Partito Democratico, assume la Presidenza del Consiglio e Giuliano Poletti diviene Ministro del lavoro e delle politiche sociali. Il 25 maggio 2014 alle elezioni europee il Partito Democratico ottiene una significativa affermazione, ma il 4 dicembre 2016 perde il referendum confermativo della riforma costituzionale che il Parlamento aveva approvato e, dopo una settimana, Renzi presenta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella le sue dimissioni. Abbiamo così un secondo avvicendamento e il 12 dicembre 2016 Paolo Gentiloni diventa Presidente del Consiglio mentre Poletti rimane Ministro del lavoro e delle politiche sociali. Con questo Governo si conclude la legislatura per l’indizione delle elezioni politiche con le quali, il 4 e 5 marzo prossimo, verranno rinnovati i componenti sia della Camera dei deputati che del Senato. Quale Governo uscirà dalle elezioni è per ora impossibile pronosticare. Leggi >

Migrazioni

Migradvisor: l’app che permette agli stranieri di orientarsi in Italia

Caritas Italiana ha creato Migradvisor, l’applicazione per smartphone dedicata ai migranti per orientarsi tra i servizi essenziali in Italia: dalle ambasciate alle prefetture, dagli ospedali alle ASL, dalle scuole agli uffici postali. L’app, consultabile in inglese, francese, arabo e italiano, contiene tre sezioni: servizi, situazioni di rischio e numeri di emergenza. Migradvisor mette quindi in guarda gli stranieri su possibili situazioni di rischio come abusi, sfruttamento o situazioni di irregolarità, e dedica anche una specifica sezione ai minori.

Leggi la notizia su Redattore Sociale.

Famiglia, infanzia e adolescenza

L’interculturalità nelle adozioni internazionali

L’adozione internazionale implica la costruzione di un rapporto di genitorialità tra adulti e minori di diversa nazionalità e dunque appartenenti a culture differenti. La cultura, in senso antropologico, condiziona necessariamente le abitudini di vita degli individui, la loro identità, il loro sistema di valori, la loro interpretazione della realtà ed il rapporto con tutto ciò che li circonda. Nello specifico dell’adozione interazionale, la non uniformità dei riferimenti culturali può costituire un ostacolo o una risorsa, a seconda di come ci si pone rispetto ad essa. Leggi >

Famiglia, infanzia e adolescenza

Linee guida Miur-Garante per alunni/e fuori dalla famiglia di origine

Siglate dalla Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e dalla Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Filomena Albano, le Linee guida per il diritto allo studio delle alunne e degli alunni che, per ragioni diverse, si trovano fuori dalla famiglia di origine, in modo provvisorio o definitivo. Per la prima volta viene introdotto uno strumento specifico per la loro inclusione nel sistema di istruzione, con indicazioni sulla governance delle istituzioni coinvolte (“chi fa cosa”), sulla gestione della classe e delle relazioni tra gli allievi, sugli aspetti pratici e amministrativi (iscrizione, documentazione del percorso scolastico, orientamento scolastico, avviamento al lavoro). Obiettivo: non lasciare indietro nessuno.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Friuli Venezia Giulia: LR 40/2017, Azioni di supporto in caso di scomparsa di minori

Con questa legge la Regione Friuli Venezia Giulia intende promuovere e attuare interventi finalizzati ad accompagnare, in accordo con le famiglie, le istituzioni scolastiche nel supportare i gruppi classe che dovessero trovarsi in situazioni di difficoltà nell’elaborare la scomparsa, la grave malattia o il trauma di un minore membro del medesimo gruppo classe.
FVG_LR_40_2017

Famiglia, infanzia e adolescenza

Approvata la legge a tutela degli orfani di femminicidio

Approvato alla Camera all’unanimità, passa ora in via definitiva al Senato la legge a tutela degli orfani di uxoricidio, vittime di un doppio trauma. Tra i principali provvedimenti: gratuito patrocinio ai minorenni per tutto il procedimento legale; sequestro conservativo dei beni a garanzia del risarcimento dei danni civili che saranno liquidati a vantaggio dei minori; somma di denaro provvisionale a favore dei figli della vittima; esclusione dell’uxoricida dal diritto alla pensione di reversibilità; rafforzamento di una rete sociale, inclusiva e protettiva a garanzia degli orfani, con aiuto psicologico, sostegno scolastico, assistenza medica e spese farmaceutiche; snellimento delle norme di affido e adozione che garantiscano la continuità degli affetti (agli zii o ai nonni). Leggi l’intervista alla relatrice Monica Cirinnà su Redattore Sociale.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regioni: linee di indirizzo per minori in servizi residenziali ok, purché non cogenti

La Conferenza delle Regioni ha espresso parere favorevole all’accordo sulle linee di indirizzo per l’accoglienza nei servizi residenziali per minorenni, a condizione che il documento sia emendato esplicitando il loro carattere non cogente e la possibilità per i territori di valutarne la compatibilità finanziaria.

Povertà e disuguaglianze

Save the Children: integrare il REI con misure ad hoc per i minori

La percentuale di famiglie con figli minori in povertà assoluta è quintuplicata dal 2006 al 2016, passando dal 2% al 10%. Il numero di minori in povertà assoluta ha registrato un incremento del 14% solo dal 2015 al 2016. Raffaella Milano, direttrice dei programmi Italia Europa di Save the Children, ha dichiarato che sono circa 700 mila i possibili minori beneficiari del Reddito di Inclusione: si tratterebbe perlopiù di bambini colpiti da deprivazioni relative agli aspetti essenziali della loro vita come la salute, la nutrizione e l’educazione. Il REI rappresenta secondo Save the Children un positivo passo avanti, da integrare con misure di sostegno specificamente mirate a bambini e adolescenti.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Abruzzo: DGR 737/2017, Contributi per il familiare-caregiver che assiste minori

La delibera contiene i criteri e le modalità per l’erogazione di contributi economici, per l’anno 2017, finalizzati al riconoscimento e alla valorizzazione del lavoro di cura del familiare-caregiver che assiste minori affetti da una malattia rara e in condizioni di disabilità gravissime. Il contributo massimo concedibile per ciascun nucleo familiare ammonta a 10 mila euro.
Abruzzo_DGR_737_2017

Altre politiche

Antigone: quarto rapporto sugli istituti penali per minorenni

Il 18 dicembre l’associazione Antigone ha presentato il rapporto Guardiamo Oltre sugli istituti penali per minorenni. A metà novembre all’interno dei sedici IPM nazionali erano presenti 452 giovani: il 58% maggiorenni e il 44% stranieri. Si tratta, in media, di giovani adulti che hanno commesso reati contro il patrimonio e oggi in custodia cautelare. Inoltre, i dati contenuti nel rapporto mettono in evidenza come tra il 2016 e il 2017 vi sia stata un’importante diminuzione di tentanti suicidi, di comportamenti violenti e di episodi di autolesionismo.

Leggi il rapporto completo sul sito Ragazzi Dentro.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Minori in comunità: i dati del Garante

Pubblicati i dati dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza sui minori accolti in comunità. Rispetto al 2014, nel 2015 aumenta il numero delle strutture (3.352), il numero totale di persone che vivono in comunità e in particolare il numero dei minori accolti (21.035). Aumenta anche, leggermente, il numero medio degli ospiti in struttura.

Regione Umbria: RR 7/2017, Disciplina in materia di servizi residenziali per minorenni

Il regolamento disciplina i requisiti e le modalità per il rilascio dell’autorizzazione al funzionamento dei servizi socio-assistenziali a carattere residenziale e semiresidenziale per minori e individua i servizi per i quali è necessario il rilascio dell’autorizzazione stessa. Il provvedimento, inoltre, definisce i requisiti relativi all’assistenza sociosanitaria semiresidenziale e residenziale ai minorenni con disturbi in ambito neuropsichiatrico.
Umbria_RR_7_2017