Tag “Regione Emilia-Romagna”

Persone con disabilità

Dopo di Noi: cosa hanno programmato le regioni

La normativa nazionale sul Dopo di Noi (legge 112/2016) lascia alle regioni un certo grado di autonomia e flessibilità nella realizzazione dei singoli programmi attuativi, pensati e ragionati in relazione alle peculiarità e alle esigenze dei diversi contesti regionali. Per ricostruire una prima mappa conoscitiva, abbiamo analizzato i provvedimenti di nove regioni dimostrando come siano stati previsti criteri di intervento diversi e spunti innovativi. Leggi >

Anziani

Emilia-Romagna: interventi per regolarizzare il lavoro di cura

Il Punto di Welforum La presenza delle badanti, e il loro impiego irregolare nel settore della cura, è un fenomeno largamente diffuso anche in Emilia-Romagna. Per favorire la regolarizzazione e la qualificazione del lavoro privato di cura, è stato adottato un specifico mix di policy regionali basato su incentivi monetari e interventi «leggeri» di qualificazione, meglio attrezzati a cogliere i diversi progetti migratori e di vita delle badanti. Leggi >

Istituzioni e governance

Se il sociale e il sanitario lavorano insieme

La Regione Emilia-Romagna si è recentemente dotata del nuovo Piano sociale e sanitario per il triennio 2017-2019, un documento di programmazione politico-strategica che traccia le principali linee di intervento che il sistema Regione-Enti locali è chiamato a realizzare. È un provvedimento che mette insieme la sfera del sociale e quella della sanità, lavorando per superare la tradizionale separatezza e frammentazione che spesso contraddistingue questi due mondi e per dare massima concretezza alla loro integrazione. Leggi >

Famiglia, infanzia e adolescenza

I servizi per la prima infanzia in Emilia-Romagna tra tradizione e innovazione

Attese a partire da settembre importanti direttive attuative della nuova legge della Regione Emilia Romagna sui servizi educativi per la prima infanzia. Il sistema regionale, dalla radicata tradizione, con la copertura più ampia in Italia e elevati livelli di qualità, fa i conti con i significativi cambiamenti socio-economici del territorio di riferimento. Il provvedimento si muove dunque tra continuità e rinnovamento. Tra le novità, l’introduzione del sistema di accreditamento. Leggi >