Tag “Regione Sicilia”

Politiche e governo del welfare

Comuni e Ipab estinte: no al trasferimento dei beni e del personale – Corte cost. 135/2020

Stiamo indubbiamente vivendo un’epoca in cui il Giudice delle Leggi contribuisce in modo decisivo a confermare i principi costituzionali, in particolare quando questi interessino i diritti delle persone più fragili. La garanzia dei livelli essenziali delle prestazioni sociali e civili coinvolge, come nel caso di specie, il ruolo dei Comuni, enti pubblici territoriali esponenziali degli interessi della comunità.

Di seguito, è proposta una breve analisi di una recente sentenza della Corte costituzionale: essa ha il merito di chiarire l’autonomia decisionale, organizzativa e finanziaria dei Comuni e, allo stesso tempo, l’esigenza di un intervento riformatore da parte del legislatore regionale in una materia, segnatamente, quella delle IPAB, ritenuto importante per aggiornare il loro ruolo e le loro funzioni nel sistema di welfare contemporaneo. Leggi >

Politiche europee

Accade in Europa. Agosto 2017

A chiusura della programmazione 2007-2013 emerge che l’Italia ha perso oltre 172 milioni di euro di fondi già assegnati e mai spesi. La maggior parte di essi riguarda la regione Sicilia, che in totale perde oltre 124 milioni di euro. Per favorire un più agevole accesso ai finanziamenti europei il Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio sul proprio sito OpenCoesione ha aperto una sezione di contenuti relativi al ciclo di programmazione 2014-2020. La Commissione Ue ha pubblicato il rapporto sull’implementazione del Fondo di aiuti europei agli indigenti (Fead) nel 2015. Leggi >