Segnalazioni con tag “servizi prima infanzia”

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Lombardia: DGR X-7404/2017, Criteri per l’assegnazione del fondo per i servizi all’infanzia

Il provvedimento stabilisce i criteri per l’assegnazione ai comuni delle risorse del fondo nazionale per il “Sistema integrato dei servizi di educazione e istruzione dalla nascita sino a sei anni” per l’annualità 2017. Sono ammissibili al finanziamento i comuni che erogano servizi per l’infanzia e per le scuole dell’infanzia paritarie private e comunali.
Lombardia_DGR_X-7404_2017

Famiglia, infanzia e adolescenza

Emilia-Romagna, nuovi requisiti per i servizi educativi 0-3 anni

Con la nuova Direttiva in materia di requisiti strutturali e organizzativi dei servizi educativi per la prima infanzia, per i bambini da 0 a 3 anni, la Regione Emilia-Romagna interviene sui requisiti di nidi, micro-nidi e servizi integrativi. Tra le novità, i gestori, pubblici o privati, delle strutture educative dovranno definire un Piano specifico finalizzato alla prevenzione, valutazione e gestione del rischio stress da lavoro, per la prevenzione di maltrattamenti e abusi. Approvato in parallelo il riparto dei fondi per il 2017, pari a 7,3 milioni di euro.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Lombardia: DGR X-7290/2017, Contributo per l’integrazione scolastica dei bambini con disabilità

Con questo provvedimento vengono approvati i criteri per l’assegnazione del contributo regionale a sostegno dell’integrazione scolastica dei bambini con disabilità frequentanti le scuole dell’infanzia autonome non statali e non comunali per l’anno scolastico 2017/2018.
Lombardia_DGR_X-7290_2017

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Emilia-Romagna: DGR 1564/2017, Servizi per la prima infanzia, direttive

La delibera fa seguito alla L.R. 19/2016 di riorganizzazione dei servizi educativi, adeguando le direttive attuative: “Requisiti strutturali e organizzativi dei servizi educativi per la prima infanzia. Disciplina dei servizi ricreativi e delle iniziative di conciliazione” e “Procedure per l’autorizzazione al funzionamento di servizi educativi per la prima infanzia. Procedure per i servizi ricreativi”.
Emilia-Romagna_DGR_1564_2017

Politiche e governo del welfare

Regione Friuli Venezia Giulia: Decreto 208/2017, Servizi prima infanzia, modifiche al regolamento

Il provvedimento apporta modifiche al “Regolamento recante requisiti e modalità per la realizzazione, l’organizzazione, il funzionamento e la vigilanza, nonché modalità per l’avvio e l’accreditamento, dei nidi d’infanzia, dei servizi integrativi e dei servizi sperimentali e ricreativi, e linee guida per l’adozione della Carta dei servizi”.
FVG_Decreto_208_2017_pp._9-29

Famiglia, infanzia e adolescenza

Un manuale per i servizi educativi per l’infanzia

Esito della collaborazione tra il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’Istituto degli Innocenti di Firenze, il Manuale dei servizi educativi per l’infanzia intende sostenere il lavoro di chi – con diversi ruoli e competenze – è coinvolto nel sistema dei servizi educativi per la prima infanzia, e in particolare dei nidi d’infanzia. Oltre 200 schede e numerosi rimandi a banche dati utili forniscono informazioni aggiornate su domanda e offerta e sui “buoni orientamenti” per programmare, progettare e gestire la qualità del sistema integrato 0-6 anni.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Unicef: I primi momenti contano per tutti i bambini

Secondo il rapporto UNICEF Early Moments Matter for Every Child, vi sono tre misure fondamentali per sostenere lo sviluppo cognitivo dei bambini: almeno due anni di istruzione prescolare gratuiti, il congedo per allattamento retribuito per i primi sei mesi di vita del bambino, 6 mesi di congedo di maternità e un mese di congedo di paternità con compensazione economica. L’Italia è uno dei soli 15 paesi al mondo nei quali esistono schemi nazionali per tutte e tre le misure, mentre 85 milioni di bambini sotto i 5 anni crescono in paesi in cui nessuna delle tre è garantita a livello nazionale (tra i quali  Bangladesh e Stati Uniti d’America). Il rapporto compara la vita dei bambini e le scelte dei governi in loro favore in tutto il mondo.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Obbligo vaccinale, le indicazioni regione per regione

È iniziato il nuovo anno scolastico, il primo dopo la reintroduzione ed estensione dell’obbligo vaccinale, fissato come requisito per accedere alle scuole dell’infanzia e ai nidi d’infanzia e con sanzione pecuniaria per genitori e tutori di bambini e ragazzi fino ai 16 anni inadempienti. Su Regioni.it una rassegna delle modalità adottate in merito regione per regione per informare e agevolare le famiglie nell’assolvere l’obbligo.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Lombardia: DGR 6716/2017, Nidi gratis 2017-2018

La Regione Lombardia approva con questa delibera la misura Nidi Gratis per il periodo 2017-2018. L’intervento mira a sostenere le famiglie vulnerabili con agevolazioni tariffarie per la frequenza di un bambino ai servizi per la prima infanzia, anche nell’ottica di favorire la conciliazione tra tempo dedicato alla cura e tempo di lavoro.
Lombardia_DGR_X-6716_2017

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Lazio: DD 4252/2017, Approvazione “Nidi al via 2”

Il progetto, finanziato grazie al Fondo sociale europeo, assegnerà ai Comuni del Lazio circa 3,3 milioni di euro per l’apertura di asili nido pubblici. Per la realizzazione di ciascun progetto, la Regione Lazio erogherà ai Comuni un contributo pari a 2.500 euro (una tantum) per posto/nido attivato fino ad un massimo di 60 posti, al fine di contribuire ai costi di gestione dell’asilo.
Lazio_DD_4252_2017

Famiglia, infanzia e adolescenza

Dpcm 17 febbraio 2017, Agevolazioni per la frequenza di asili nido

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, pubblicato sulla GU Serie Generale n.90 del 18-4-2017, stabilisce le modalità  di attuazione del buono per il pagamento della retta di asili nido pubblici o privati autorizzati introdotto dalla Legge di bilancio 2017. Il buono ha un importo di 1.000 euro annui ed è utilizzabile anche per il supporto a domicilio dei bambini al di sotto dei tre anni affetti da gravi patologie croniche.
Link al provvedimento

Famiglia, infanzia e adolescenza

Mamme “equilibriste”. Il rapporto di Save the Children sulla maternità in Italia

Molto più che in altri paesi diventare madre in Italia comporta numerosi ostacoli, specialmente sul versante occupazionale. Il Trentino Alto Adige si conferma la Regione più “mother-friendly”, seguita da Valle d’Aosta e Emilia Romagna, mentre le Regioni del Sud  sono tutte in fondo alla classifica. Il Rapporto Mamme 2017 di Save the Children.