Tag “sostegno economico alle famiglie”

Povertà e disuguaglianze

Reddito di Inclusione: che cosa cambia rispetto al SIA?

A pochi giorni dal comunicato di Inps circa l’avvio, a partire dal 27 gennaio, delle prime erogazioni del REI, presentiamo una scheda di sintesi delle principali caratteristiche della nuova misura di contrasto alla povertà, confrontata con il SIA (2016 e 2017), che continuerà ad essere erogato ai beneficiari in corso fino alla naturale scadenza, fatta salva la possibilità di passare al REI, se di maggior favore. Se la ratio di entrambe le misure è quella di abbinare un contributo economico ad un progetto di attivazione, il REI si caratterizza innanzitutto per essere una misura strutturale e non più sperimentale, per avere una durata più lunga e per un diverso calcolo dell’ammontare del contributo spettante. Ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche distintive riferite in particolare alla configurazione della componente passiva delle due misure. Leggi >

Povertà e disuguaglianze

Il Reddito di Solidarietà in Emilia-Romagna ha già fatto registrare numeri significativi

Il Reddito di Solidarietà introdotto solo due mesi fa in Regione Emilia-Romagna ha già visto 6.000 domande presentate, 1.700 già accolte e buona parte ancora in corso di valutazione. Allo stato attuale i tassi di accoglimento superano l’80%. I beneficiari sono per lo più adulti, di nazionalità italiana, con un’età media di oltre 45 anni e senza minori a carico.

Approfondisci la notizia su Il portale della Regione Emilia-Romagna.

Povertà e disuguaglianze

L’estensione del REI con la Legge di Bilancio 2018

La legge di Bilancio 2018 (n. 2015/2017), pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre scorso, prevede un significativo potenziamento del Reddito di Inclusione. Innanzitutto, a partire dal 1° luglio 2018, vengono eliminate le categorie familiari destinatarie della misura, che viene resa universale. La legge di Bilancio prevede anche un aumento del 10% dell’ammontare del contributo spettante alle famiglie numerose di 5 componenti e più, e sono inoltre previsti incrementi delle quote del Fondo Povertà destinate strutturalmente ai servizi, che dovrebbero raggiungere stabilmente il 20% della dotazione totale del Fondo.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Sostegno alle famiglie in Lombardia: molte misure, poca programmazione

Elisabetta Dodi fa il punto sulla misura “Bonus Famiglia” della Regione Lombardia. Tra la primavera 2016 e la primavera successiva sono state emanate tre diverse DGR che hanno apportato modifiche o novità nei requisiti o nelle procedure di attuazione. L’introduzione di nuove misure e modalità attuative (Nasko, Cresco, Sostengo, Nidi Gratis, Bonus Famiglia) impedisce ai territori di realizzare un pensiero programmatorio a medio o lungo termine. Leggi l’articolo su Lombardia Sociale.

Povertà e disuguaglianze

Lotta alla povertà e imposta negativa sul reddito: un miraggio?

La discussione pubblica sulle politiche di lotta alla povertà in Italia si è arricchita nei mesi recenti di un ulteriore, articolato contributo avanzato dall’Istituto Bruno Leoni (Ibl) che propone di riformare in senso flat-rate le principali imposte del nostro sistema tributario, Irpef in primis, la cui unica aliquota marginale legale verrebbe posta al 25%, e di sostituire la totalità dei trasferimenti monetari riferibili alla spesa pubblica per l’assistenza con una misura di contrasto alla povertà denominata “minimo vitale”. Analizziamo di seguito la proposta, la sua sostenibilità finanziaria e le implicazioni redistributive ed equitative. Leggi >

Politiche europee

Rapporto ILO sulla protezione sociale mondiale 2017

Il 29 novembre ILO (International Labour Organisation) ha pubblicato il rapporto sulla protezione sociale mondiale 2017. Il rapporto è alla sua diciannovesima edizione ed offre una panoramica globale delle recenti tendenze nei sistemi di protezione sociale a livello mondiale. Il rapporto presenta una vasta gamma di dati globali, regionali e nazionali sul supporto offerto dai sistemi di protezione sociale, i sussidi erogati e la spesa pubblica associata, relativamente, tra gli altri, alle politiche di sostegno economico alle famiglie e ai minori, i sussidi di maternità, di disoccupazione, anzianità, disabilità, e tutela della salute.

In estrema sintesi questo è il quadro emerso:

 

 

Il rapporto, di oltre 400 pagine è disponibile in inglese a questo link.

Famiglia, infanzia e adolescenza

P.A. di Bolzano: DGP 1179/2017, Disciplina transitoria relativa all’Assegno provinciale per i figli

Il provvedimento stabilisce la deroga al requisito della residenza quinquennale in provincia di Bolzano, o della residenza storica anagrafica di quindici anni di cui almeno uno immediatamente antecedente la domanda – come previsto dal nuovo regolamento del nuovo assegno provinciale per i figli in vigore dal 2018 – per i residenti che nel 2017 hanno beneficiato dell’assegno regionale al nucleo familiare.
PABolzano_DGP_1179_2017

Famiglia, infanzia e adolescenza

Trentino Alto Adige: Decreto 32/2017, Pacchetto famiglia e previdenza sociale, ulteriori modifiche

Il provvedimento apporta ulteriori modifiche al regolamento di esecuzione della legge regionale 18 febbraio 2005, n. 1 “Pacchetto famiglia e previdenza sociale”, i cui interventi puntano ad aiutare le famiglie già a partire dal primo figlio, ed offrono un sostegno alle persone che per svariati motivi interrompono l’attività lavorativa e si trovano nella difficoltà di costituirsi una pensione.
TAA_Decreto_32_2017

Famiglia, infanzia e adolescenza

Regione Lombardia: DGR X-7230/2017, Proroga del Bonus Famiglia

Per garantire alle famiglie lombarde che vivono una condizione di vulnerabilità un supporto mirato alla gestazione o all’adozione, la Regione Lombardia ha deciso di proseguire l’erogazione della misura «Bonus Famiglia», estendendone la durata fino al 30 giugno 2018.
Lombardia_DGR_X-7230_2017

Povertà e disuguaglianze

I territori lombardi tra SIA e Reddito di Autonomia

LombardiaSociale ha presentato un vademecum, curato da Carla Dessi, che ripercorre le principali tappe degli ultimi mesi riguardanti l’evoluzione dell’attuazione, all’interno dei territori lombardi, di alcune politiche di sostegno economico alle famiglie in difficoltà. Il documento espone, da un lato, la cornice normativa e le prime evidenze della sperimentazione del SIA; dall’altro, raccoglie i commenti riguardanti la prosecuzione delle misure di rilievo sociale previste dal programma Reddito di Autonomia, misura regionale avviata a fine 2015 in favore di persone e famiglie in condizioni di vulnerabilità.

Famiglia, infanzia e adolescenza

Comune di Milano, arriva la Bebé Card

Presentata la Bebé card, la carta acquisti elettronica prepagata con cui il Comune di Milano veicolerà d’ora in poi (sostituendo i buoni spesa) il “reddito di maternità”, il contributo mensile di 150 euro al mese per 12 mesi, utilizzabile per l’acquisto di beni e/o servizi. Il contributo è destinato a tutti i nuovi nati o adottati a partire dal mese di aprile 2017 da madri con cittadinanza italiana o UE, o con permesso di soggiorno di almeno un anno, casalinghe, disoccupate, o che non abbiano beneficiato di tutela economica della maternità dal datore di lavoro, e con Isee inferiore a €16.954,95.

Povertà e disuguaglianze

Regione Basilicata: DGR 1011/2017, Disposizioni sul cumulo dei benefici

Per evitare che su uno stesso nucleo familiare si concentrino diversi benefici economici per l’inclusione sociale e/o il contrasto alla povertà, mentre altri nuclei siano esclusi da ogni misura, la delibera stabilisce che i beneficiari del “Programma per un reddito minimo di inserimento” non possono essere destinatari di altri trattamenti simili.
Basilicata_DGR_1011_2017