Tag “sperimentazioni”

Altre politiche

Case di servizio. Residenzialità temporanea e appropriatezza dell’intervento sociale a Milano

Di fronte all’aumento degli sfratti, e stante l’insufficienza di alloggi economicamente accessibili, molti Comuni sperimentano programmi innovativi per fornire sostegno abitativo a nuclei e individui in condizioni di fragilità. Il programma Residenzialità Sociale Temporanea del Comune di Milano, ora in via di istituzionalizzazione, ha ridefinito l’approccio dell’intervento, aumentando la disponibilità di soluzioni residenziali a bassa intensità residenziale. Si sono così ottenuti una maggiore appropriatezza della risposta, una significativa riduzione della spesa per ogni beneficiario e un aumento del numero di individui e nuclei sostenuti. Leggi >

Altre politiche

Insieme contro la violenza sulle donne

Il lavoro di rete rappresenta la via privilegiata per porre in essere azioni realmente efficaci utili a diminuire il numero di femminicidi e a ridurre gli episodi di violenza. Da tale presupposto è partita la Provincia Autonoma di Trento nel delineare un modello innovativo di presa in carico delle donne vittime di violenza con approccio interdisciplinare che ha coinvolto rappresentanti della Questura di Trento, del Commissariato del Governo, dei Carabinieri e Polizia locale, dell’Azienda provinciale per i Servizi Sanitari, della Provincia e dell’Ordine degli assistenti sociali. Leggi >

Persone con disabilità

Mio figlio compie 18 anni, cosa faccio?

Il mondo dei servizi dedicati alle persone con disabilità, è caratterizzato da una forte cesura tra chi si occupa dei minori e chi degli adulti. Il compimento dei 18 anni corrisponde spesso, per giovani e familiari, alla perdita di punti di riferimento nella rete dei servizi e può aprire a un mondo di prospettive incerte. La ASL Milano 1 (ora ATS Città Metropolitana di Milano) ha strutturato una modalità proattiva, denominata Procedura Idea, per dare risposte alle famiglie che si trovano ad affrontare un percorso sconosciuto. L’esperienza è ancorata alla Riforma regionale del sistema sociosanitario (LR 23/2015) e più specificatamente a delibera quadro sulla cronicità (DGR 4662/2015). Recepisce inoltre alcuni punti cardine del Piano d’Azione Regionale per le politiche in favore delle persone con disabilita (DGR 15 dicembre 2010 n. 9/983). Leggi >