Emergenza Coronavirus

In questo periodo di emergenza pubblichiamo quotidianamente articoli e segnalazioni sul tema Covid-19. Gli articoli sono raccolti nel Punto di Welforum. Le segnalazioni, che quotidianamente aggiorniamo, sono distribuite su quattro percorsi di lettura:
Rassegna normativa | Dati nazionali e internazionali | Punti di vista | Prese di posizione

Segnalazioni con tag “SSN”

Politiche e governo del welfare

Istat: l’occupazione nella sanità pubblica

Il 6 maggio Istat ha pubblicato il report L’occupazione nella sanità pubblica riferito all’anno 2018. Lo studio mette in evidenza come, al 31 dicembre 2018, fossero occupati nella sanità pubblica circa 650 mila dipendenti a tempo indeterminato, un quinto del personale stabilmente assunto nella pubblica amministrazione. A partire dal 2009 si è assistito ad una contrazione progressiva del personale a tempo indeterminato. Nel 2018 si contano circa 44 mila dipendenti in meno: la contrazione è stata per il 5,4% tra i medici. L’età media dei dipendenti del SSN è pari a 52,3 anni per gli uomini e a 49,9 anni per le donne. Le figure dirigenziali sono prevalentemente maschili e oltre il 60% ha più di 55 anni.

Politiche e governo del welfare

Il SSN alla prova della pandemia

La pandemia di Covid-19 ha reso più evidenti gli effetti dei progressivi tagli alla sanità che si sono susseguiti in questi anni, riducendo l’efficacia del Sistema Sanitario Nazionale sul fronte ospedaliero, distrettuale e della prevenzione. Su Percorsi di Secondo Welfare Gianluca Budano e David Recchia cercano di approfondire questo fenomeno prendendo in considerazione alcuni indicatori sintetici rappresentativi.

Politiche e governo del welfare

Gli investimenti pubblici nella sanità italiana 2000-2017

Sul Menabò di Etica ed Economia Gianfranco Viesti fornisce elementi utili per comprendere le difficoltà che il nostro sistema sanitario sta incontrando. Nello specifico, lo studioso mette in luce come, a partire dal 2010, la spesa per investimenti abbia subìto un’importante contrattura, e come questa abbia indebolito il SSN. Tale contrazione è inoltre risultata maggiore al Sud e in generale nelle Regioni che già presentavano valori più bassi delle dotazioni, incrementando così le disuguaglianze territoriali.

Politiche e governo del welfare

La sanità rischia la privatizzazione?

Franco Pesaresi sul suo blog riflette sul rischio di privatizzazione della sanità. Secondo l’autore per parlare di privatizzazione in sanità occorre tenere in considerazione due temi: da un lato, quanta parte di sanità pubblica è gestita da soggetti privati e, dall’altro, quanto le famiglie spendono di tasca loro per accedere ai servizi sanitari.

Altre politiche

Covid-19: si è tenuto nascosto un buco nero della sanità italiana

Da tempo circolano considerazioni assai allarmate su alcuni aspetti del sistema sanitario del nostro Paese. Queste considerazioni si riflettono anche sulla capacità dello stesso di gestire in modo adeguato l’epidemia del Coronavirus. Non è vero che il nostro sistema sanitario funziona male: nel confronto con gli altri paesi, la condizione di salute degli italiani è assai buona. È un fatto che è bene tenere a mente quando si parla di cattiva gestione di alcune emergenze sanitarie nel nostro Paese. Su ArcipelagoMilano le riflessioni di Giancarlo Lizzeri.

Altre politiche

Del Coronavirus conosciamo qualcosa, ma manca tanto altro

Affari Internazionali ha intervistato Fabrizio Pregliasco, esperto in virologia e vaccinazione influenzale presso il dipartimento di Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano, nonché direttore sanitario dell’Irccs Ospedale Galeazzi di Milano. Cosa conosciamo del Covid-19 e cosa ancora ci resta da conoscere? Come sta reagendo il nostro sistema sanitario? Cosa dobbiamo aspettarci in prospettiva  se le percentuali di crescita continuassero ad essere queste?

Altre politiche

I nodi che vengono al pettine in Italia con il Coronavirus e l’occasione per innovare

Su La Voce di New York Giuliana Costa riflette su come l’attuale emergenza Covid-19 metta in luce le difficoltà del nostro Sistema sanitario nazionale e dei Sistemi sanitari regionali,  frutto di scelte politiche che in questo momento si stanno dimostrando miopi. Se da un lato, l’impianto sanitario del nostro Paese funziona e risponde efficacemente all’epidemia, dall’altro, vi sono tanti elementi che fanno dell’emergenza Coronavirus un’occasione unica per ripensare e rilanciare le politiche sanitarie italiane. Secondo l’autrice i principali nodi critici sono il difficile accesso alla formazione sanitaria, la carenza di personale medico ed infermieristico, e la scarsità di risorse e i sistemi di governance della sanità.

Politiche e governo del welfare

Il sistema sanitario pubblico-privato alla prova del Covid-19

Il sistema sanitario italiano è costituito da erogatori pubblici e privati. A sua volta, il privato si distingue in accreditato con il SSN e non accreditato. Il primo, parte integrante dell’offerta delle cure garantite dal nostro Paese, è complementare all’offerta pubblica di servizi sanitari in una logica di partnership. In questi giorni, l’emergenza Covid-19 sta mettendo alla prova la solidità della collaborazione pubblico-privato. Qual è il contributo che il privato accreditato ospedaliero può fornire? Le riflessioni di Alberto Ricci e Rosanna Tarricone su LaVoce.

Altre politiche

SSN: il diritto e il rovescio

Su SaluteInternazionale Gavino Maciocco riflette sull’affermazione di Corrado Formigli in occasione del primo convegno nazionale dell’associazione Salute Diritto Fondamentale: “Il Servizio sanitario nazionale non rappresenta più il primo riferimento, la prima risposta per il bisogno dei cittadini”. Perché non offre quello di cui maggiormente soffrono i cittadini italiani, ovvero la mancanza di punti di riferimento e di un’efficace presa in carico, che sia in grado di garantire al paziente il coordinamento, la continuità e la proattività delle cure, l’integrazione tra medico di famiglia, infermieri, specialisti e operatori sociali.

Altre politiche

Lo stato della sanità in Italia

L’Ufficio parlamentare di bilancio, alla vigilia del via libera al Patto per la salute 2019-2021, ha pubblicato il Focus n. 6 Lo stato della sanità in Italia. Qual è lo stato di salute della sanità italiana? Ad alcuni punti di forza si contrappongono aspetti problematici: se, da un lato, il nostro SSN appare, dal confronto con altri paesi europei, piuttosto efficiente e, in base ad alcuni indicatori, anche abbastanza efficace, dall’altro, emerge un significativo disinvestimento nella sanità pubblica che si manifesta con carenze soprattutto sulla dotazione di personale e con uno spostamento della domanda verso il mercato privato.

Leggi anche l’articolo di commento di Gilberto Turati pubblicato su LaVoce.

Altre politiche

Il profilo della sanità in Italia 2019

L’Ocse, insieme all’Osservatorio europeo sui sistemi e le politiche sanitarie, ha realizzato, in collaborazione con la Commissione europea, dei sintetici profili della sanità relativi ai paesi europei con l’obiettivo di fornire una panoramica relativa alle politiche sanitarie. I report mettono in luce le caratteristiche e le sfide di ciascun paese rispetto allo stato di salute, i fattori di rischio, l’organizzazione del sistema sanitario, l’efficacia, l’accessibilità e la resilienza del sistema stesso.

Scarica il rapporto realizzato per l’Italia e i rapporti realizzati per gli altri paesi europei.

Altre politiche

Rapporto Meridiano Sanità 2019

Il 12 novembre è stato presentato il 14° Rapporto Meridiano Sanità, elaborato da The European House-Ambrosetti. La ricerca conferma lo stato di salute della popolazione italiana come uno dei migliori in Europa e colloca la capacità di risposta del SSN ai bisogni di salute, l’efficacia, l’efficienza e l’appropriatezza dell’offerta sanitaria e le risorse economiche per il sistema come in linea con la media europea, dopo i paesi del Nord Europa.

Leggi la presentazione del Rapporto sul sito della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.