Tag “valutazione”

Persone con disabilità

Legge delega 227/2021 in tema di disabilità: analisi e prospettive future (parte II)

Nella prima parte del contributo dedicato ad alcuni ambiti previsti dalla legge delega al Governo in materia di disabilità, pubblicato su questo sito, sono stati evidenziati nodi interpretativi e prospettive sui quali, verosimilmente, le due Commissioni istituite dal Ministro per le Disabilità stanno lavorando. Nel presente articolo si focalizza l’attenzione sull’accertamento della condizione di disabilità, sui momenti valutativi e sui sistemi di controllo e di adeguatezza delle prestazioni. Leggi >

Politiche e governo del welfare

Il non impatto delle valutazioni d’impatto

#fuoridalcoro Da anni si fa un gran parlare di impatto. Termine ampio, ambiguo, usurato. Preferiamo qui parlare di cambiamenti generati da un intervento, un servizio, una politica. Di effetto, inteso come “ciò che accade in presenza dell’azione e non sarebbe invece accaduto in sua assenza”. Da cui derivano, a cascata, una serie di interrogativi: quali benefici vengono effettivamente prodotti? I cambiamenti generati corrispondono ai cambiamenti desiderati? I costi sostenuti sono commisurati ai risultati raggiunti? Leggi >

Famiglia, infanzia e adolescenza

Per i prossimi 40 anni

Nel 2020 il Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia ha compiuto quarant’anni dalla sua fondazione. Un percorso che si è intrecciato con la storia e l’evoluzione dei servizi educativi e che oggi si confronta con la formazione del sistema integrato 0 6 anni. “Per i prossimi 40 anni” raccoglie contributi e esperienze in un testo che non vuole essere di memoria, ma di approfondimento e stimolo per il percorso che è ancora necessario fare a sostegno dei diritti delle bambine e dei bambini. Leggi >

Povertà e disuguaglianze

Che cosa non va nell’ISEE e cosa migliorare

L’ISEE è lo strumento più diffuso nel welfare per misurare la condizione economica di chi chiede prestazioni sociali agevolate, e se ne prevede una ulteriore estensione. Ma l’esperienza di uso dell’ISEE fa emergere molti suoi difetti nella misurazione, col duplice rischio di far apparire poveri alcuni nuclei che in realtà non lo siano, e viceversa. E si tratta di una distorsione che non dipende dal “modo” con cui si usa l’ISEE, ossia dalle soglie/fasce o formule di calcolo, ma da come è costruito in sè questo strumento. Gli autori presentano qui una proposta di miglioramenti puntuali e organici. Leggi >

Famiglia, infanzia e adolescenza

In Veneto le politiche giovanili ripartono dai Piani

L’articolo presenta i principali risultati del percorso di azione-ricerca svolto dai due Autori durante l’attività di supporto scientifico e di assistenza tecnica per la Regione del Veneto – Dipartimento Servizi Sociali. Le attività di ricerca hanno accompagnato l’implementazione delle politiche giovanili regionali secondo un innovativo approccio area-based e l’impiego dello strumento dei “Piani di intervento per le politiche giovanili”. I Piani di intervento hanno mobilitato 21 aree territoriali e oltre 2 milioni di euro; i 143 progetti hanno coinvolto 37.000 giovani in tre diverse aree di intervento: scambio generazionale, prevenzione dei problemi giovanili e laboratori di creatività. Leggi >

Terzo settore

Valutazione di impatto per dare valore alla trasformazione

L’impatto è un concetto che indica un cambiamento di lungo periodo che avviene sulle persone e nelle comunità. Valutare l’impatto significa rilevare, analizzare e “dare valore” alla trasformazione agita da un’organizzazione del Terzo Settore attraverso le attività realizzate, i servizi erogati o i progetti implementati, rispetto alle diverse categorie di portatori di interesse e ai portatori di risorse. Leggi >

Terzo settore

Valutare l’impatto del volontariato è possibile?

È bene precisare, come chiarito dal DM 23/2019, che “la valutazione dell’impatto sociale degli Enti di Terzo settore ha per oggetto gli effetti conseguiti dalle attività di interesse generale da essi svolte”. Tuttavia, non esisteste un modus operandi univoco per la misurazione degli effetti sociali conseguiti, ma, al contrario, il DM 23/2019 riconosce l’esistenza (nonché la facoltà di scelta per ciascun Ente) di diversi approcci per misurare l’impatto sociale, che potrebbero (e/o dovrebbero) variare in base al tipo di attività e/o progetto svolto da ciascun ente del Terzo Settore. Il DM 23/2019 fissa, però, principi e contenuti minimi comuni ai sistemi di valutazione. Avute le indicazioni ministeriali, gli Enti del Terzo settore dovrebbero iniziare a interrogarsi su quali strumenti possono essere loro utili per auto (ed etero) valutarsi nell’ottica della creazione del valore sociale, patrimonio collettivo e capitale della collettività. Leggi >

Terzo settore

Se si valutassero le valutazioni di impatto…

Oggi, che l’idea di valutazione di impatto sociale sta prendendo piede al punto di essere diventata quasi un obbligo per progetti ed organizzazioni del Terzo settore, se si valutassero, in una sorta di meta valutazione, le esperienze di valutazione di impatto confrontando metodologie, risultati ottenuti e indicazioni di sviluppo e cambiamento che queste producono, credo che ci troveremmo spesso a constatare che “il re è nudo”, ovvero che nonostante la denominazione roboante, di valutazione di impatto se ne faccia ben poca. Da circa 25 anni sono impegnato a realizzare ricerche valutative nel campo degli interventi e delle politiche sociali e ho la netta sensazione che in molti casi chi è impegnato a fare (per obblighi contrattuali) valutazioni di impatto di progetti complessi, quantitativamente e qualitativamente articolati, spesso chiami “valutazioni di impatto” ciò che anni fa chiamavamo semplicemente “valutazione”… Leggi >

Terzo settore

Potenzialità e rischi della valutazione di impatto nel terzo settore

Le linee guida sono importanti perché il terzo settore ha avviato, ma non ha ancora consolidato, un approccio valutativo all’interno delle proprie pratiche di lavoro. In una indagine IRS del 2014 si notava che gli Enti del Terzo settore dichiarano di fare molta più valutazione di impatto rispetto al passato; e tuttavia, al momento di descrivere le pratiche e gli strumenti adottati, i riferimenti più citati erano il bilancio sociale e la rendicontazione dei prodotti, strumenti per l’appunto più rendicontativi che valutativi in senso proprio. Tra i maggiori ostacoli alla valutazione di impatto veniva citata la mancanza di fondi, e la non disponibilità di adeguate competenze valutative. Si dirà che anche il settore pubblico debba fare ancora molta strada in termini di acquisizione di competenze valutative. Ma a ben guardare, grazie a spinte normative, alla diffusione di principi di project management, ma soprattutto all’azione dell’Europa, nella PA italiana sono stati creati e si sono rafforzati importanti nuclei di competenza valutativa in settori strategici quali la scuola e l’università, la sanità, le politiche di sviluppo, la valutazione di performance. La cultura valutativa non è certamente pervasiva e probabilmente ancora limitata agli ‘addetti ai lavoro’, ma certo non è più estranea alla PA. È importante che anche il terzo settore consolidi la costruzione o l’acquisizione di capacità valutative, per migliorare i propri servizi ma soprattutto perché costituisce una parte integrante del policy network pubblico. Leggi >

Povertà e disuguaglianze

Il Reddito di Inclusione: la parola ai beneficiari

Nell’ambito del Progetto “Oltre la povertà, percorsi di inclusione sociale”, è stata prevista una specifica azione di valutazione da parte di beneficiari del REI attraverso la realizzazione di 5 focus group in alcuni ambiti della Regione Piemonte. La fase operativa ha consentito di esplicitare i punti di forza del progetto Rei co-costruito con i singoli destinatari dell’intervento, le risorse e competenze messe in campo, le problematiche e le criticità̀prevalenti. Leggi >

Terzo settore

La VIS serve per valutare le politiche, non le azioni delle organizzazioni di Terzo settore

Certamente l’enfasi sul tema della valutazione ha valenze ampiamente condivisibili, perché opportunamente contrasta una non infrequente deriva di chi opera nel sociale, portato a credere che la dimensione etica – il fatto di essere “i buoni”, per rifarsi all’impietoso romanzo di Luca Rastello – sia di per sé assorbente di ogni considerazione relativa al proprio operato, che ciò che viene fatto per una buona causa, sia secondo questa visione, lodevole a prescindere da ogni ulteriore considerazione. Ma vi sono, a parere di chi scrive, numerose buone ragioni (se ne elencheranno sette) per ritenere che una specifica strategia di valutazione, conosciuta come “valutazione di impatto sociale” (VIS) – la valutazione qualitativa e quantitativa (e possibilmente monetizzata), sul breve, medio e lungo periodo, degli effetti delle attività svolte sulla comunità di riferimento – fortemente sostenuta da numerosi opinion leader, sia l’opzione spesso meno indicata per valutare l’operato delle organizzazioni di Terzo settore (mentre, come si vedrà, essa rappresenta spesso uno strumento utile per valutare le politiche). Leggi >

Povertà e disuguaglianze

Che cosa sarebbe utile conoscere sul Reddito di Cittadinanza?

Monitoraggio e valutazione di cosa accade con il Reddito/Pensione di Cittadinanza richiedono di mettere a fuoco le domande importanti alle quali rispondere, e di costruire dati e report ad esse mirate. Quali potrebbero essere le domande e che cosa vorremmo conoscere? Leggi >