Tag “violenza”

Altre politiche

Un focus sulla violenza di genere: capire per intervenire

Secondo le ultime rilevazioni Istat (2014) sono complessivamente 2 milioni 435 mila le donne che hanno subito almeno una forma di violenza negli ultimi cinque anni. Nonostante il numero elevato di episodi, le denunce e la ricerca di aiuto sono tuttora poco diffuse (solo il 12,2% dei casi). Questo non è un paradosso e ha in realtà più di una spiegazione, come pure ha più di una soluzione. Prendendo l’avvio da tutto ciò, anche al fine di veicolare una migliore informazione sulla violenza di genere, in questo articolo si cercherà di illustrare il punto di vista di chi ne è oggetto e si cercherà inoltre di avvalorare l’idea positiva che sulle situazioni disfunzionali è invece possibile intervenire, anche felicemente. Qui ci si focalizzerà sul contributo offerto dai Centri antiviolenza, con l’auspicio che la diffusione dell’informazione sui servizi esistenti aumenti anche il numero delle richieste di aiuto o quantomeno la conoscenza dell’esistenza dei Centri di supporto (nota solo al 12,8% delle vittime secondo l’Istat, 2014). Leggi >

Altre politiche

Violenza ostetrica: di cosa si tratta e perché riflettervi

La violenza ostetrica è una pratica considerata lesiva del diritto ad una assistenza sanitaria rispettosa e dignitosa. Sul tema si è pronunciato anche il WHO World Health Organization, indicando una serie di misure concrete per porvi fine. Questo fenomeno impatta infatti sulla qualità della vita delle donne ed è diffuso e discusso soprattutto in America Latina, tuttavia recenti studi ne mostrano l’esistenza anche in paesi ad alto reddito. Qual è la situazione in Italia? Riflettere sui livelli di sensibilizzazione e di attivazione per ri-orientare i protocolli attuali e cambiare in meglio può apportare benefici diffusi. Leggi >

Istituzioni e governance

L’aggressività nei confronti degli assistenti sociali

Una recente indagine sulle aggressioni subite dagli assistenti sociali in Italia evidenzia le dimensioni allarmanti di tale fenomeno: nell’arco dell’intera vita professionale ben l’88,2% dei 20.112 assistenti sociali che hanno risposto ad un questionario on-line ha ricevuto minacce, intimidazioni o aggressioni verbali e ben il 15,4% ha subito una qualche forma di aggressione fisica. Leggi >