Istituzioni e governance

“Futuro (per il) Prossimo”

Eravamo in molti l’otto aprile scorso alla Scala per partecipare all’incontro con cui Fondazione Cariplo presentava l’attività e gli esiti degli ultimi cinque anni, ma in cui soprattutto, con Milano e la Lombardia, esprimeva riconoscimento e gratitudine a Giuseppe Guzzetti che, dopo 22 anni, lasciava la presidenza di una Cariplo profondamente rafforzata, trasformata, innovata.

 

La titolazione dell’evento, Futuro (per il) Prossimo, riprende quelli che anche a me sembrano essere stati, accanto alla concretezza lombarda del tute serbare, i riferimenti costanti della presidenza Guzzetti: cogliere nel loro proporsi e divenire le esigenze delle persone e delle comunità con l’attenzione dovuta per poter essere di effettivo aiuto, e farlo con interventi innovativi, nelle proposte e nelle azioni attivate e insieme nelle relazioni e nel coinvolgimento delle persone e comunità. E per fare questo sviluppare un ente ben strutturato e competente, anche perché aperto e in contatto con ideazioni e esperienze significative, italiane ed estere, per studiarle, apprendere e nel caso rielaborarle e riproporle in termini adatti al nostro contesto.

 

In questi 22 anni le occasioni di rapporto e collaborazione con Fondazione Cariplo sono state per noi frequenti, fin dall’inizio quando come Irs (Pippo Ranci e Giampaolo Barbetta) abbiamo collaborato allo studio delle grandi fondazioni filantropiche americane per trarne suggerimenti utili anche alla definizione di una strategia per il futuro di Cariplo. E poi su tanti stimolanti progetti convergenti nel tratteggiare e attivare un welfare condiviso, partecipato, di comunità. Fino a welforum, sia nella sua prima fase come spazio di riflessione e confronto sulle politiche sociali con Regioni e Comuni, sia nell’esperienza in corso di questo Osservatorio nazionale sulle politiche sociali, sito aperto a tutti, di aggiornamento e approfondimento continuo per quanti sono interessati e impegnati su bisogni e politiche sociali. L’una e l’altra esperienza di welforum senza la fiducia e il sostegno di Guzzetti e dei suoi collaboratori difficilmente avrebbero avuto l’input necessario per raccogliere altra fiducia e altri sostegni e poter così decollare.

 

Mi unisco allora al riconoscimento e alla gratitudine espressa da tanti a Guzzetti per quanto ha fatto per i territori lombardi e piemontesi e, più in generale, per il nostro Paese. Cui aggiungo, anche a nome dei miei compagni di strada di ieri e di oggi, un grazie per gli stimoli che da lui e dalla Fondazione abbiamo ricevuto, per l’attenzione e il sostegno che ha prestato a nostre idee e proposte, per avere anche talora ripreso nostre analisi e riflessioni. Nella condivisa attenzione “al Prossimo e al Futuro”.

 

Scarica qui il testo del discorso che il Presidente Cariplo Giuseppe Guzzetti ha tenuto al Teatro alla Scala l’8 aprile 2019.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.