I fondi europei e la crisi COVID-19

Il 15 Aprile l’ufficio stampa del Parlamento Europeo ha diramato una nota che descrive l’insieme delle azioni promosse nell’ultimo mese dalla Commissione Europea volte a massimizzare le potenzialità dei Fondi Europei per mitigare gli effetti della Crisi Covid-19. La nota è scaricabile qui.

 

Il 13 marzo la Commissione ha proposto una prima serie di misure per affrontare gli effetti della crisi legata a COVID-19, nel quadro dell’”Iniziativa di investimento in risposta al coronavirus” (CRII). La Commissione ha proposto di indirizzare 37 miliardi di euro dei fondi strutturali ai cittadini, alle regioni e ai paesi più colpiti dalla pandemia: i fondi saranno destinati ai sistemi sanitari, alle piccole e medie imprese, ai mercati del lavoro e ad altri settori vulnerabili delle economie degli Stati membri.

Durante la plenaria straordinaria del 26 marzo il Parlamento europeo ha approvato quasi all’unanimità le misure della CRII: la proposta è stata adottata con 683 voti favorevoli, 1 voto contrario e 4 astensioni.). Il documento finale è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il 31 marzo ed è entrato in vigore il 1 aprile.

 

Il 2 aprile, la Commissione ha proposto una nuova serie di misure, tra cui l’”Iniziativa di investimento in risposta al coronavirus Plus” (CRII+) che ha introdotto un’eccezionale flessibilità nell’uso dei fondi strutturali e di investimento europei in risposta a COVID-19. Le nuove misure includono:

  • una maggior flessibilità con la possibilità di trasferimenti tra i tre fondi della politica di coesione FESR, FSE e Fondo di coesione; la possibilità di trasferimenti tra le diverse categorie di regioni; la possibilità temporanea per gli Stati membri di richiedere finanziamenti al 100% per i programmi della politica di coesione pe il 2020-2021 e procedure semplificate collegate all’attuazione e alla verifica del programma.
  • nuove regole che permetteranno di utilizzare i soldi del Fondo europeo agricolo per sostenere economicamente gli agricoltori europei contro gli effetti dell’emergenza COVID-19
  • una modifica delle regole del Fondo per gli aiuti europei agli indigenti (FEAD) per assicurare che gli aiuti alimentari e il materiale assistenziale possano continuare ad arrivare alle persone maggiormente in difficoltà. Le modifiche prevedono la messa a disposizione di voucher anche elettronici per l’acquisto di dispositivi di protezione per coloro che distribuiscono aiuti e per promuovere misure di riduzione del rischio di contaminazione; un alleggerimento durante la crisi sanitaria delle procedure di rendicontazione e di audit; la possibilità per ciascuno Stato membro di modificare le misure in essere per adattarle alle esigenze delle persone più bisognose e ai programmi in essere, che sono diversi da paese a paese. Anche per il FEAD in via eccezionale, sarà possibile finanziare pienamente i programmi relativi a Covid-19 attraverso il 100% dei finanziamenti dell’Ue a partire dal 1° luglio 2020 e fino al 30 giugno 2021.

 

Anche il secondo pacchetto di misure CRII+ è stato approvato quasi all’unanimità dal Parlamento Europeo in seduta plenaria (da remoto) con una procedura d’urgenza senza emendamenti.

 

Ora tocca agli Stati approvare i pacchetti: il Consiglio deve infatti approvare formalmente l’iniziativa del Parlamento. Le misure adottate entreranno in vigore una volta pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, il che avverrà nei prossimi giorni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.