Anziani

Assistenti familiari e il nuovo contratto del lavoro domestico

Frutto dell’intesa tra le associazione dei datori di lavoro (Fidaldo e Domina) e le organizzazioni sindacali dei lavoratori, il nuovo contratto del lavoro domestico, in partenza dal 1° ottobre, prevede un inquadramento professionale unico, aumenti e indennità per chi si occupa di non autosufficienza e per chi è più competente. Oltre alla figura dell’assistente familiare, nome con cui verranno chiamate colf, badanti e baby sitter, arriva anche l’educatore formato.

Leggi l’articolo di approfondimento su Redattore Sociale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.