Professioni sociali

Assistenti sociali, la 328 e la rivoluzione culturale

Per Percorsi di Secondo Welfare Elisabetta Cibinel ha intervistato il presidente del Cnoas Gianmario Gazzi, che considera alcune questioni cruciali del rapporto fra professione e percorso compiuto dalla legge 328/2000 di cui l’8 novembre è ricorso il ventennale. Ad essere posti all’attenzione, oltre al rischio del “prestazionismo” che privilegia le prestazioni e pone in ombra le funzioni di accompagnamento in ottica promozionale, sono la necessità di determinazione dei livelli essenziali di assistenza, il superamento della disomogeneità territoriale e l’adeguatezza di risorse economiche e professionali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.