Altre politiche

Casa (popolare) vuol dire integrazione

Sempre più case popolari vengono assegnate a famiglie di immigrati che hanno, in media, redditi più bassi e sono più numerose rispetto a quelle italiane. In questo modo si crea però un malcontento crescente in varie fasce dell’opinione pubblica italiana. Su LaVoce Raffaele Lungarella  riflette sul tema, auspicando una chiarificazione politica: affermare esplicitamente che la possibilità per gli immigrati di concorrere all’assegnazione degli alloggi pubblici è una componente delle politiche di welfare che hanno anche finalità di integrazione di coloro che vivono legalmente nel nostro paese.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.