Politiche e governo del welfare

Covid-19, la fase 2 senza il territorio

Su Salute Internazionale Alessandro Bussotti e Gavino Maciocco criticano decisamente una recente delibera (897/2020) dell’ASL Toscana Centro, che intende rivoluzionare l’assetto dei servizi territoriali al fine di meglio affrontare la fase 2 dell’emergenza Covid-19. La filosofia di base può essere riassunta come segue: “Bisogna ottenere una presenza efficace della specialistica ospedaliera sul territorio e questo si deve realizzare con equipe medico infermieristiche che, a partenza dall’ospedale, si proiettano sul territorio ad intercettare i malati e curare efficacemente sul posto”. Una filosofia ospedalocentrica che contraddice quella del rafforzamento dei servizi territoriali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.