Famiglia, infanzia e adolescenza

Giovani in calo in Europa, ma non sono tutti uguali

I giovani, a seguito dell’invecchiamento della popolazione, risultano in calo in tutta Europa e sono passati dal 45% nel 2000 al 39%. Questo dato medio comprende l’Irlanda con il 46% di giovani e l’Italia che invece riporta la percentuale più bassa, il 34%. Le differenze più rilevanti si riscontrano però nell’età in cui i giovani escono di casa, nella percentuale di laureati e di occupati, aspetti sui quali l’Italia mostra un forte divario, in negativo, rispetto agli altri paesi UE. Vedi su Neodemos l’articolo di Di Pasquale, Stuppini e Tronchin per una disamina dettagliata dei dati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.