Famiglia, infanzia e adolescenza

I nidi ancora sotto il target UE

L’Istat ha pubblicato il report di analisi per l’anno educativo 2019/20 dei servizi per la prima infanzia. Nel 2019 erano 13.834 le strutture registrate per un totale di 361 mila posti. Circa l’85% delle strutture ha riscontrato un aumento dei costi di gestione, mentre l’88% dei costi straordinari. Nord-est (34,5%) e Centro Italia (35,3%) confermano una copertura dei posti superiore al target UE del 33%, mentre il Nord-ovest vi si avvicina (31,4%). Il Sud (14,5%) e le Isole (15,7%) rimangono, invece, al di sotto. Come sottolinea l’Osservatorio CPI, il PNRR prevede uno stanziamento di 4,6 miliardi per la creazione di 264.480 nuovi posti presso i servizi dedicati alla prima infanzia, senza distinguere, però, tra gli asili nido e le scuole d’infanzia. Per garantire il superamento dell’attuale disuguaglianza territoriale è fondamentale rimuovere gli ostacoli che possono portare le amministrazioni locali a rinunciare a fare domanda per ottenere i fondi disponibili.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.