Famiglia, infanzia e adolescenza

Il diritto universale al nido

Su Neodemos Alessandro Rosina ragiona sulla mancanza in Italia di un piano per garantire il diritto ad un’educazione di qualità a partire dall’infanzia e di un ripensamento dei tempi di vita e di lavoro che non sia dedicato solo alle donne. Questi elementi sono fondamentali per aumentare la natalità ed è inoltre auspicabile ispirarsi alle buone prassi europee. Viene citato l’esempio della Germania che non punta all’obiettivo UE di copertura dei posti nido al 33%, ma a servizi per la prima infanzia che siano universali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.