Migrazioni

La politica dei muri

In Europa e nel mondo stiamo assistendo alla progressiva costruzione di muri e barriere a presidio dei confini, nel tentativo di fermare i flussi migratori. Tali barriere fisiche – 5 al termine della Seconda Guerra Mondiale – sono cresciute gradualmente fino a 70 nel 2016, a cui si aggiungono quelle iniziate, o pianificate, negli ultimi due anni. La maggior parte di esse sono state costruite nel nostro secolo, dopo l’attacco alle Torri Gemelle, in risposta all’aumento dei rifugiati, al timore delle infiltrazioni terroristiche e al diffondersi di un’opinione pubblica poco favorevole alle migrazioni. Come funzionano questi muri? La riflessione di Massimo Livi Bacci su Neodemos.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.