Migrazioni

La solidarietà nel nuovo Patto su migrazione e asilo

Da tempo ormai l’Italia chiede una maggiore solidarietà nella gestione dell’asilo. Nel nuovo Patto su migrazione e asilo presentato il 23 settembre dalla Commissione europea non vi è la tanto attesa riforma del Regolamento di Dublino. Tuttavia, il Patto prevede tre nuove forme di solidarietà – detta per questo “flessibile” – che gli Stati membri dovranno scegliere: il ricollocamento dei richiedenti asilo; la sponsorizzazione dell’espulsione; il sostegno operativo, assistenza e capacity building. Su Neodemos Irene Ponzo fa chiarezza su tale meccanismo illustrandone criticità e difficoltà di implementazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.