Famiglia, infanzia e adolescenza

L’Assegno Unico ridimensionato

Il “decreto ponte” rischia di ridimensionare la portata dell’AUUF, rendendolo una replica degli interventi già esistenti, in vista della sua messa a regime a partire da gennaio 2022. Nella misura ponte viene infatti meno l’universalismo con la definizione di un limite di reddito pari a 50 mila euro di ISEE per poterne usufruire. Inoltre, l’importo varia in base al reddito e alla dimensione del nucleo, rendendo l’assegno di fatto una misura di contrasto alla povertà e non più un sostegno alla natalità e alla genitorialità per tutte le famiglie. Su LaVoce il contributo di Massimo Baldini, Paolo Bosi, Giovanni Gallo, Cristiano Gori, Claudio Lucifora e Chiara Saraceno.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.