Famiglia, infanzia e adolescenza

Lavoro agile o homeworking d’emergenza?

Sandra Burchi per InGenere propone una riflessione sullo smart working o lavoro agile, che interessa moltissimi lavoratori in questo periodo di emergenza sanitaria. L’articolo mette in luce come gli aggettivi “smart” o “agile” siano piuttosto fuorvianti e servano solo a confermare gerarchie esistenti, in cui la retorica del lavoro e della produttività domina sulle attività proprie dello spazio domestico.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.