Famiglia, infanzia e adolescenza

Le equilibriste: la maternità in Italia

È disponibile il report annuale dell’Istat che presenta la condizione delle madri in Italia, chiamate significativamente “equilibriste”. Oltre a registrare un ulteriore calo delle nascite, il report analizza la condizione lavorativa delle madri e anche dei papà, mettendo in evidenza le difficoltà di conciliazione tra vita privata, familiare e lavorative, e propone poi un focus sulle madri straniere. Nel nostro Paese emerge ancora una forte differenza di genere, che si esprime nel divario occupazionale, nella distribuzione asimmetrica dei carichi del lavoro di cura, in una differenza di reddito a parità di posizione occupazionale e in generale in una maggiore difficoltà per le donne nell’avanzare in termini di qualifiche e di reddito a parità di posizione e di livello di educazione. Tali differenze di genere tendono ad acuirsi nel caso in cui le donne siano anche madri.

Commenti

Possiamo dirci che più di ogni contraccettivo funziona sapere che ci sono 3 (tre!) mesi di vacanze estive all’anno? E che l’Italia è l’unico paese in cui la maestra saluta il tuo amato pargolo a giugno con un “ci rivediamo a settembre”?
Non c’è altro da aggiungere se non che non esistono risposte istituzionali che garantiscano la copertura di questi tre mesi con servizi capillari, di qualità e non necessariamente confessionali. Con buona pace delle donne che pur lavorando si sono arrischiate a procreare.

Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.