Altre politiche

Le riaperture, un rischio ragionato

Il 26 aprile il Governo ha scelto di “riaprire” le Regioni tornate per lo più ad essere di colore giallo. Tra le motivazioni che hanno maggiormente portato a prendere questa decisione vi sono senz’altro quelle di ordine economico e sociale. Su Epidemiologia&Prevenzione Cesare Cislaghi riflette sul possibile andamento futuro dei contagi, che finora ha visto una continua decrescita lineare seppur molto lenta: se tutto continuasse così, per scendere sotto i 3 mila casi giornalieri dovremmo attendere fino a fine maggio. Ci sono però quattro variabili in gioco: il numero dei suscettibili collegati al numero di vaccini realizzati, la contagiosità del virus, la circolazione delle persone, le misure personali di precauzione collegate al grado di responsabilizzazione della popolazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.