Migrazioni

L’Italia continua a perdere giovani talenti

Nell’ultima revisione del BES, il sistema che misura il benessere equo e sostenibile del Paese, è stato introdotto un nuovo indicatore sulla mobilità dei giovani laureati. Su Neodemos Maria Pia Sorvillo e Francesca Licari spiegano come la perdita di giovani talenti non accenni ad interrompersi, provocando un impatto negativo anche sull’innovazione e la ricerca. Nel 2016, il saldo migratorio dei giovani laureati italiani è negativo (-10mila), quasi il doppio di quello registrato nel 2012: l’Italia perde così giovani altamente qualificati, con competenze specialistiche ed avanzate.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.