Altre politiche

Numeri e criticità nelle carceri italiane nell’estate 2019

A fine luglio l’Associazione Antigone ha presentato un rapporto volto a fotografare il nostro sistema penitenziario in questi primi mesi del 2019. L’elemento che emerge maggiormente è quello relativo al perdurare dello stato di sovraffollamento: al 30 giugno i detenuti ristretti nelle 190 carceri italiane sono più di 60 mila, per un tasso di sovraffollamento pari al 119,8%, ossia il più alto nell’area dell’Unione Europea. Altro elementi rilevante riguarda il peggioramento della qualità della vita in carcere: nel 30% delle carceri non vi sono spazi verdi dove incontrare i propri cari, nel 66% dei casi non è possibile avere contatti con i familiari via skype e nell’81% non è mai possibile collegarsi a internet. Il peggioramento della qualità della vita si ripercuote anche sul numero dei suicidi, oggi pari a 27 a partire da gennaio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.