Famiglia, infanzia e adolescenza

Paternità: i passi avanti della Spagna

La Spagna continua il suo percorso verso la parità nei congedi per maternità e paternità. Se prima del 2017 i padri potevano godere di due giorni di permesso, ad oggi possono usufruire di 35 giorni. L’obiettivo è di arrivare a concedere ai padri 16 settimane, come per le madri, nel 2021. Altra importante novità, secondo l’analisi di Marina Turi per Ingenere, è la non trasferibilità del congedo. Tale percorso è stato avviato a fronte del basso tasso di natalità e delle nuove esigenze di conciliazione, dettate anche dall’incremento dei divorzi e, non ultimo, con l’obiettivo di scardinare lo stereotipo della donna come unica responsabile della cura dei figli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.